Allianz Arena, lo stadio del Bayern Monaco e del Monaco 1860

Filed under: Architettura,Architettura Moderna,In Evidenza |

Attualmente le squadre di calcio del Bayern Monaco e del Monaco 1860 svolgono le loro periodiche partite di calcio presso uno degli stadi più innovativi, almeno architettonicamente parlando, realizzati negli ultimi anni. Si tratta della Allianz Arena, una struttura capace di ospitare 66.000 persone che è stata progettata da Herzog & de Meuron nel 2005.

Osservandola è simile ad una immensa bolla e sorge nella periferia della città bavarese. E’ rivestito esternamente da un involucro plastificato che durante la sera assume la colorazione della squadra di casa che sta giocando: quando gioca il Bayern Monaco diventa rossa e quando gioca l’altra formazione, il Monaco 1860 si colora di blu.  Precedentemente le due formazioni giocavano presso il mitico Olympiastadion, realizzato nel 1972.

Allianz Arena Bayern Monaco e del Monaco 1860

Vista esterna dell'Allianz Arena. E' possibile notare la colorazione dei cuscinetti in materiale plastico illuminati di rosso (colore utilizzato quando è ospitata la partita interna del Bayern Monaco).

A differenza del vecchio impianto, non è prevista la pista d’atletica che separa le tribune dal campo. Le tribune inoltre sono state accuratamente progettate per evitare qualsiasi problema di visibilità. L’apertura superiore consente di fornire una adeguata illuminazione diurna al campo.

Il rivestimento esterno è costituito da cuscinetti di ETFE (etilene tetrafluoroetilene) di forma romboidale. Si tratta di materiale plastico trasparente, più leggero e più resistente delvetro e di altri materiali plastici trasparenti. Rispetto al vetro, è più isolante e più semplice ed economico da installare.

I cuscinetti sono riempiti d’aria e sono di dimensioni variabili: quelli più grandi sono lunghi 8 metri e larghi circa 4, mentre i più piccoli sono lunghi 4 metri e larghi 2. Essi sono inseriti in cornici in acciaio che è costituita da un sistema di travature aggettanti. Questi elementi sono sostenuti dalla struttura in cemento interna che racchiude gli spazi di circolazione e le aree funzionali. Per fornire la colorazione al rivestimento esterno durante le ore notturne sono state installate oltre 5.000 lampade colorate all’interno dei cuscinetti.

Herzog & de Meuron, i progettisti

Herzog & de Meuron è uno studio di architettura svizzero, fondato e con sede a Basilea, in Svizzera nel 1978.I due fondatori sono gli architetti Jacques Herzog (nato il 19 aprile 1950) e Pierre de Meuron (nato l’8 maggio 1950), che hanno frequentato entrambi  l’Istituto Federale Svizzero di Tecnologia (ETH) di Zurigo.

Il loro progetto più conosciuto forse è quello della stazione elettrica di Bankside a Londra per la nuova sede della Tate Modern. Jacques Herzog e Pierre de Meuron sono visiting professor presso la Scuola di Harvard University Graduate of Design dal 1994 e professori del Politecnico federale di Zurigo dal 1999.

Vista interna dell'Allianz Arena.

Vista interna dell'Allianz Arena.

Nel 2001, Herzog & de Meuron sono stati insigniti del premio Pritzker, la più alta onorificenza in architettura. Il presidente della giuria J. Carter Brown ha commentato: “E’ difficile pensare ad altri architetti della storia che hanno affrontato il tegumento di architettura con maggiore fantasia e virtuosismo.” Questa frase è in riferimento all’utilizzo innovativo di materiali e trattamenti esterni, come il vetro serigrafato.

Il critico di architettura e giurato del premio Pritzker Ada Louise Huxtable ha riassunto efficacemente l’esperienza dei due architetti svizzeri: “Hanno affinato la tradizione del modernismo portandola alla semplicità elementare, e hanno saputo interpretare la trasformazione di materiali e superfici attraverso l’esplorazione di nuovi trattamenti e tecniche.”.

Nel 2006, il New York Times Magazine li ha definiti uno degli studi di architettura più ammirati al mondo.

Potrebbero interessarti anche:

    None Found

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.



Altri articoli di giardinaggio che potrebbero incuriosirti:

Bioedilizia, costruire in modo biocompatibile case belle e sane
Bioedilizia Quello che sta cambiando veramente il mondo delle costruzioni e dell'edilizia è certamente la nuova sensibilità dell'utente finale ri...
COABITARE: Nuovi concetti di vita per l'architettura moderna cohousing
Dal Nord Europa è arrivato questo nuovo fenomeno del cohousing: 20 o 30 famiglie, ma a volte anche un numero inferiore, decidono di condividere degli ...
Pannelli solari autopulenti: novità rivoluzionarie per il futuro prossimo
L’efficacia dei pannelli fotovoltaici e la loro diffusione crescente anche nel nostro paese sta portando la ricerca a sperimentazioni sul campo, a par...
L'asilo Ape Tau a Coppito: le basi per il futuro in un “alveare”
Nel mese di ottobre è stato inaugurato l’asilo Ape Tau. Questo asilo si trova a Coppito, paese devastato durante il terremoto che ha colpito L’Aquila....
Vetro traslucido e struttura metallica per l’Ambasciata Finlandese a Washington D.C.
L'ambasciata finlandese a Washington è un esempio di uso virtuoso di elementi metallici e di concezione di una architettura in simbiosi con l'ambiente...
SANAA architects: Museo di Arte Contemporanea del XXI secolo, Kanazawa, Giappone.
Questo progetto è molto interessante perchè definisce un particolare modo di declinare l'architettura museale. Cerchiamo di capirne di più attraverso ...
Riscaldamento a idrogeno a zero emissioni è già una realtà
Nel 2006, in occasione delle Olimpiadi invernali  a Torino, l'azienda Giacomini ha esposto, all’interno di Casa Italia, un interessante progetto di ca...
La biblioteca centrale di Phoenix
La biblioteca centrale di Phoenix è un esempio molto importante e significativo di progettazione di spazi pubblici. Analizziamone alcune caratteristic...