Alvaro Siza: padiglione del Portogallo, Lisbona Expo 98

Il padiglione del Portogallo di Alvaro Siza è stato progettato per essere l’elemento fondamentale della esposizione mondiale di Lisbona nel 1998. L’edificio funziona come ingresso monumentale al sito dell’Expo, che introduce la vista del visitatore verso il mare e contribuisce ad attirare l’attenzione del visitatore sul tema dell’Expo. Il Padiglione del Portogallo è situato in prossimità dell’angolo nord-est del molo degli Olivares. La striscia di terreno che si trova tra il complesso e la riva è protetta da una pensilina che poggia su pilastri e forma un grande porticato vicino al lato orientale del padiglione.

Quando  è stato conferito a Siza il Premio Pritzker di architettura nel 1992, la citazione della giuria per il premio è stata che “le sue forme, modellate dalla luce, hanno una semplicità ingannevole, ma sono oneste.[…] Che la semplicità, dopo un esame più attento però, si rivela come grande complessità. C’è una sottile maestria di fondo di quelle che sembrano essere creazioni naturali. ” Questa definizione può essere applicata all’intervento di Siza per il padiglione del Portogallo.

L’elemento più rappresentativo di questo padiglione è il tetto che copre la piazza, che sembra bloccarsi dolcemente come un baldacchino. Qui è evidente, come, con un gesto apparentemente semplice, può rivelarsi una così grande complessità e bellezza. Siza aveva maturato l’idea di un tetto sospeso e la soluzione risultante è una lastra di cemento, spessa 20cm, supportato su cavi d’acciaio che pende naturalmente tra i due portici. Gli stessi portici sono alti 14 metri e sono stati progettati per sopportare la tensione molto forte causata dal tetto. Siccome poi Lisbona è una zona di alta attività sismica, la sottile copertura e l’edificio sono completamente separati, ciascuno con un proprio sistema di supporto strutturale, per contrastare virtuosamente l’azione del sisma.
La copertura stessa è rivestita in piastrelle di ceramica di colore rosso e verde, con un evidente riferimento i colori nazionali del Portogallo e alla tradizione costruttiva locale che spesso ha utilizzato le azulejos (piastrelle di ceramica smaltata di stagno) come ornamenti degli edifici.

Lisbona Expo

Alvaro Siza: vista del padiglione del Portogallo, Lisbona Expo 98

I principali spazi espositivi si trovano in una parte del palazzo situato a nord della piazza monumentale. Questa parte del padiglione ha posto una serie di problemi per Siza. Per le Esposizioni Mondiali molti dei  padiglioni costruiti sono caratterizzati per essere installazioni temporanee e destinate dunque ad essere abbattute al termine dell’Expo. Pensando alla sostenibilità ambientale, il comitato di Lisbona aveva deciso di assicurare che i padiglioni si sarebbero potuti utilizzare dopo la conclusione dell’Expo del 98.

Siza ha quindi dovuto rendere gli edifici i più flessibili e adattabili possibili ai futuri usi. Le dimensioni complessive sono state determinate anticipando l’aggiunta possibile in futuro di due corridoi mentre la strategia delle finestre modulari offre una distribuzione uniforme della luce. La circolazione verticale e i cortili interni sono stati progettati sempre con criteri di possibili modificazioni futuri. Siza ha inoltre assicurato che il padiglione, se fosse stato riutilizzato come un museo statale o per uffici amministrativi, avrebbe funzionato alla perfezione dato il tipo di progettazione degli spazi.

Il padiglione è composto da due aree espositive: una per le mostre, mentre la seconda fornisce un ampio spazio esterno per alcune installazioni.
Nominato per la progettazione strutturale, Arup ha fornito consulenze in ingegneria strutturale, meccanica, elettrica, e geotecnica, per la sicurezza antincendio, la progettazione illuminotecnica e per quanto riguarda l’acustica.

Il secondo corpo dell’edificio è costituito da un volume a pianta rettangolare con due piani fuori terra e un piano interrato. I tre piani si sviluppano attorno ad uno spazio aperto riempito con terra per permettere la piantumazione.  Da una parte dell’edificio si sviluppa un corpo complementare che si eleva per due piani fuori terra, separato dal corpo principale mediante una galleria.

Alvaro Siza

Alvaro Siza si è laureato in architettura nel 1955, presso la Scuola di Belle Arti della Faculdade de Arquitectura da Universidade do Porto. Ha completato la sua prima opera costruita (quattro case a Matosinhos), prima di terminare i suoi studi nel 1954, lo stesso anno in cui ha aperto il suo studio privato di Porto. Siza Vieira ha insegnato presso la scuola di architettura dal 1966 al 1969, tornando nel 1976. Oltre al suo insegnamento, è stato visiting professor presso la Graduate School of Design presso l’Harvard University, la University of Pennsylvania e l’Università Los Andes di Bogotà e presso l’École Polytechnique Fédérale di Losanna.

Insieme a Fernando Távora, è uno dei riferimenti della Scuola di Architettura di Porto, dove entrambi erano insegnanti. Entrambi gli architetti hanno lavorato insieme tra il 1955 e il 1958. Un altro architetto ha collaborato con Eduardo Souto de Moura, ad esempio, sui padiglioni del Portogallo dell’Expo ’98 a Lisbona e l’Expo 2000 di Hannover, così come sulla Serpentine Pavillon del 2005.

Tra i primi lavori di Siza è il complesso per la piscina pubblica che ha creato nel 1960 per Leça da Palmeira, un villaggio di pescatori e una località di villeggiatura estiva a nord di Porto. Nel 1977, in seguito alla rivoluzione in Portogallo, il governo della città di Évora ha commissionato a Siza di pianificare un progetto residenziale nella periferia rurale della città.
La maggior parte delle sue opere più note si trovano nella sua città natale, Porto: il Boa Nova Tea House (1963), la Facoltà di Architettura (1987-93), e il Museo Serralves di Arte Contemporanea (1997). Dalla metà degli anni 1970, Siza è stato coinvolto in numerosi progetti di edilizia residenziale pubblica, piscine pubbliche e università. Tra gli altri progetti realizzati troviamo la New Orleans Tower a Rotterdam in Olanda, la Iberê Camargo Foundation a Porto Alegre in Brasile e il progetto per una torre residenziale a Maastricht in Olanda.

Potrebbero interessarti anche:

    None Found

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.



Altri articoli di giardinaggio che potrebbero incuriosirti:

La Biennale di architettura 2010 a Venezia: venite con noi a visitarla!
la biennale di architettura a venezia è un appuntamento imperdibile per architetti, studenti designer e curiosi!
Detrazioni 55%: bocciata nella finanziaria 2011 ma forse inserita con il mille proroghe
E’ da oltre un anno che si discute sulla possibilità e necessità di proseguire con la detrazione del 55% per gli interventi di riqualificazione energe...
KLIMAHOUSE 2011 a Bolzano: la fiera della bioarchitettura
Per gli amanti della bioarchitettura, questo evento sarà sicuramente in grado di catalizzare la vostra attenzione. L'evento, ormai approdato alla s...
Riscaldamento nelle chiese: caratteristiche e accorgimenti. Parte seconda
L'impianto di riscaldamento di una chiesa è una questione delicata per prevenire eventuali danni ai manufatti e alle opere d'arte. Alcuni consigli su ...
Un edificio ad impatto zero in Africa: la nuova sede dell'Unep
Oggi vi voglio parlare di un grande progetto concluso e inauguratosi nel marzo 2011. E' il più grande edificio ad impatto zero in Africa e cost...
Richard Rogers: il parlamento del Galles a Cardiff
L'edificio del parlamento di Cardiff è un edificio progettato da Richard Rogers che si inserisce come un'esperienza di forte rinnovamento della zona p...
La galleria Henze e Ketterer di Gigon/Guyer
Un esempio interessante di galleria d'arte multifunzionale: la galleria Henze e Ketterer.
Edifici in Polietilene Tereftalato (PET): l'esempio di EcoArk
Il PET è un materiale molto utilizzato negli ultimi anni, in quanto si tratta di una struttura plastica che può essere facilmente riciclata e reimmess...