L’architettura passiva

Le caratteristiche climatiche di un luogo sono molto importanti per determinare le caratteristiche architettoniche di un edificio. Il vento, il sole, le condizioni atmosferiche influiscono, o almeno dovrebbero influire, in maniera decisiva sulle scelte operate a livello progettuale.  Le architetture che reagiscono e interagiscono con il luogo.

L’architettura spesso è il tramite tra uomo e natura: gesti semplici come aprire una finestra per fare entrare l’aria, la luce oppure abbassare la tenda per oscurare l’ingresso della radiazione solare sono esemplari in merito. Per molti anni sono stati prodotti sistemi edilizi chiusi, scatole asettiche figlie di un pensiero razionale che poco hanno a che fare con queste tematiche.  Un progetto invece a partire dal luogo, dalle forze in esso impiegate consentono un di sviluppare un sistema più armonico, più vicino alle esigenze umane per promuovere le qualità del luogo stesso.

Dice David Miller, professore e architetto: “ E’ fondamentale un approccio regionale alla soluzione dei problemi ecologici. Per gran parte del secolo scorso e ora nel secolo attuale, gli architetti hanno continuato a dibattere sull’apparente contraddizione tra universale e particolare[…]. Ora devono puntare ad una architettura razionale ed eterna che sappia promuovere le qualità del luogo.” (David E. Miller, Toward a New Regionalism, University of Washington Press, Seattle 2005).

architettura passiva

L'architettura passiva non è solo fotovoltaico.

Nel corso degli ultimi anni l’architettura si è interessata generalmente a questi temi, di ricavare energia dalle fonti di approvvigionamento naturale, di usare materiali ecocompatibili e di progettare coerentemente con il contesto.  E inoltre l’architettura passiva non si fonda esclusivamente sul solare, ovvero attraverso collettori o pannelli fotovoltaici: l’edificio va valutato e compreso come una entità complessa che utilizza al meglio le risorse naturali per diverse prestazioni.

In questa ottica le soluzioni attive e passive si combinano; si parte dall’orientamento corretto per l’edificio, allo studio di sistemi costruttivi efficaci (che spesso possono costituire in partenza un elemento efficace di risparmio energetico), all’inserimento di sistemi di controllo e produzione energetica da fonti rinnovabili.

L’ultima frontiera dunque della architettura sostenibile è il controllo attivo delle temperature indipendentemente dalle condizioni climatiche attraverso sistemi interattivi che utilizzano sistemi passivi e attivi. In questo modo gli edifici reagiscono in maniera sinergica con il clima, aiutando gli abitanti a costituirsi come parte efficace di questo sistema.

casa passiva

La Passivehaus (casa passiva) di Peter Schurch.

E ancora Ralph Knowles: ”Oggi è più importante che mai cogliere l’impatto degli elementi sulla vita. I sistemi edilizi sigillati ed ad alta energia ci hanno isolato dalla natura: attraverso edifici fondati su equilibrio ecologico, scelte personali e creatività, possiamo ricollegarci con i paesaggi e con l’umanità. Portando la natura nei nostri edifici, costruiremo delle strutture uniche nel loro rapporto con il clima, con il luogo e con il sole“. (Ralph Knowles, Ritual House, Island Press, Washington, DC 2006).

In merito Manfred Hegger dice: “ Sarà questa la strada verso una architettura solare sostenibile ed efficiente. Si fonda dunque sull’uso del solare passivo, e di facile realizzazione ed è molto affidabile. […] E’ facilmente controllabile grazie a tecnologie intelligenti che si autoregolano. Infine combina sistemi solari passivi e attivi […]. Le parole chiave in questo ambito sono sistemi solari ibridi, involucri edilizi microclimatici e facciate autoregolanti. Lo sviluppo di una architettura solare intelligente produrrà tecnologie e una architettura nuova, delle quali abbiamo un grande bisogno. (Manfred Hegger, “From Passive Utilization to Smart Solar Architecture”, Solar Architecture, a cura di C. Schittich, Birkhauser, Basilea 2003).

Potrebbero interessarti anche:

    None Found

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.



Altri articoli di giardinaggio che potrebbero incuriosirti:

La geotermia, energia dalla terra da valorizzare
Non solo fonti rinnovabili come quella solare ed eolica: esiste anche la geotermia. In Italia è ancora poco sfruttata se paragonato all’utilizzo che s...
Pellicole filtranti per vetri
Le pellicole filtranti per vetri sono un'ottima soluzione progettuale per le architetture con ampie vetrate o anche per edifici in assenza di scuri. ...
Case prefabbricate eco-sostenibili:modelli residenziali modulari e replicabili
Un esempio pratico di modello residenziale modulare, assemblabile a piacimento e replicabile in serie. Un progetto altamente ecocompatibile con certif...
High Line: un esempio tra metropoli e natura a New York
Progetti impossibili che diventano concreti: questa è New York. Tutto ciò è possibile grazie all’impegno collettivo. E questo è anche il caso della Hi...
Il padiglione di Barcellona di Mies
Il progetto per il padiglione di Barcellona è uno dei progetti di architettura più importanti della storia dell'architettura moderna. Cerchiamo di app...
Città delle arti e delle scienze a Valencia
Il progetto per la città delle arti e delle scienze a Valencia ha rivoluzionato la città spagnola, rendendola meta turistica molto rinomata. Cerchiamo...
Il Tokyo International Forum di Rafael Vinoly
L'International Forum di Tokyo rappresenta uno degli interventi più importanti sviluppati nella capitale nipponica. Cerchiamo di capire le caratterist...
Fonti rinnovabili in Italia: il futuro
A seguito della presentazione alla Camera lo scorso 27 giugno della Relazione annuale sullo stato dei servizi e sull’attività svolta sono state molto ...