L’asilo Ape Tau a Coppito: le basi per il futuro in un “alveare”

Nel mese di ottobre è stato inaugurato l’asilo Ape Tau. Questo asilo si trova a Coppito, paese devastato durante il terremoto che ha colpito L’Aquila. Dal mese di ottobre promette di ospitare una trentina di bambini al suo interno.

L'asilo Ape Tau a Coppito

L'asilo Ape Tau a Coppito

Questo asilo sarà un luogo dove imparare ad affrontare  e costruire il futuro di un territorio devastato, un vero e proprio segno tangibile di rinascita.

Il progetto in questione vede la luce grazie alla collaborazione tra Politecnico di Milano, aziende del settore edile (come la Velux), Confindustria e ANCE Mantova.

L’idea iniziale è di Luigi Masotto, presidente di A regola d’arte (un’associazione mantovana di costruttori), prematuramente scomparso l’anno scorso. Ed è a lui che è dedicata l’intera struttura.

La struttura ricorda un’ape

La struttura ha i colori dell’ape e la forma del TAU di San Francesco, simbolo di pace, rinascita ed unione.

L’asilo è organizzato in tre blocchi coperti e da una pensilina che giunge fino all’ingresso principale.

Nel corpo centrale sono alloggiati i servizi: accoglienza, segreteria, bagni, depositi.

Le due ali laterali ospitano un’aula e la zona riposo e sono collegate al corpo centrale. L’intera struttura è realizzata completamente a secco; si tratta di centinature portanti alternate ad elementi secondari realizzati in zinco e acciaio.

Il guscio interno e le facciate, sempre realizzate a secco, sono isolate in maniera tale da garantire il massimo comfort in ogni stagione (si colloca infatti nella categoria B secondo CasaClima).

Nel dettaglio: materiali, soluzioni utilizzate e messa in opera

La struttura portante del corpo centrale è in legno; per quando riguarda le due ali e i collegamenti invece si è utilizzato l’acciaio. Per la struttura primaria hanno realizzato archi a tre cerniere, su questi appoggiano le travi secondarie, che sono a loro volta l’appoggio per i pannelli curvati.

Le fondazioni, sulle quali sono fissati gli archi, sono di calcestruzzo armato. Sono realizzate a platea e armate da un cordolo perimetrale nel quale alloggiano i vespai areati ad igloo, realizzati su moduli prefabbricati.

I pannelli a sandwich curvati, isolati con del poliuretano, sono quelli tipici dell’edilizia industriale e costituiscono la scocca dell’edificio.

Asilo - Prospetti

Asilo - Prospetti

Il rivestimento esterno è stato realizzato con uno strato di lamiera grecata verniciata. L’interno è caratterizzato da un controsoffitto ricurvo in gesso, dotato di strati di isolanti  per migliorarne le prestazioni termiche.

Per migliorare il comfort acustico, oltre all’utilizzo di lane minerali, sono state utilizzate lastre fonoassorbenti forate collocate nella porzione superiore del controsoffitto. Particolare attenzione è stata riservata all’isolamento acustico, trattandosi di una struttura a botte dove l’effetto eco e il riverbero sono fenomeni tipici.

Per migliorare l’illuminazione, e soprattutto per sfruttare quella zenitale, sono stati collocati due cupolini apribili in corrispondenza  del colmo della scocca. Questa soluzione migliora anche la ventilazione perché crea un effetto camino.

Le chiusure esterne, a doppia orditura, sono anch’esse a secco e realizzate utilizzando la tecnologia stratificata.

L'asilo Ape Tau struttura

Asilo - Particolare struttura

Le pareti interne sono a semplice o doppia orditura metallica, di gesso esterno e gesso fibra interno. L’isolamento è garantito da materassini di poliestere di diverso spessore e diversa densità.

Il solaio contro terra, poggiando su vespaio areato, è realizzato con importanti spessori di polistirene espanso ad alta densità per garantire un adeguato isolamento. In più il pavimento, per migliorare le prestazioni di isolamento, è rivestito in gomma.

La pensilina esterna che si collega con l’ingresso è realizzata in struttura metallica modulare. I moduli prefabbricati sono saldati fra loro. La copertura è realizzata ad esagoni, per richiamare le forme dell’alveare, ed è opportunamente isolata. Al di sopra si trovano i pannelli solari termici che contribuiscono all’approvvigionamento di acqua calda sanitaria.

Per quanto riguarda il riscaldamento si è optato per il riscaldamento a pavimento, alimentato tramite una pompa di calore che sfrutta l’energia geotermica.

La particolarità di questa struttura è la forma di guscio della copertura. Questa conferisce agli ambienti un senso di protezione ed appartenenza. Molto importanti in questo progetto sono anche stati i materiali utilizzati. Molta cura è stata messa anche nella definizione dei colori, delle finiture e degli arredi.

Potrebbero interessarti anche:

    None Found

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.



Altri articoli di giardinaggio che potrebbero incuriosirti:

Biopellet all'arancia e fotovoltaico all'uva: dal CNR alcune novità
Quando l’Italia sta per essere investita da una forte ondata di caldo (era ora), e una attesissima e ritardataria estate sta facendo capolino, ci ...
BIO-Albergo a Merano : il primo esempio in Italia
A Gargazzone, località poco distante da Merano, nel cuore della più grande area coltivata a frutta di tutta Europa, sorge un hotel di concezione compl...
Detrazioni Irpef e risparmio energetico: benefici non solo per l’ambiente.
Scadono i termini ultimi per presentare le schede integrative relative agli interventi di riqualificazione energetica per beneficiare del 55% di detra...
FATHY HASSAN e la sua architettura
Le architetture di Hassan Fathy sono state sempre caratterizzate da una particolare attenzione alle tematiche del rapporto costruzione-ambiente. Cerch...
30 St. Mary Axe, "The Gherkin" di Londra.
30 St. Mary Axe è uno dei numerosi interventi realizzati nella City Londinese ma si caratterizza per una nuova tipologia edilizia per un grattacielo, ...
MATERIALI INNOVATIVI: i nuovi ISOLANTI per la costruzione e ristrutturazione edilizia
Il risparmio energetico all'interno di edifici di nuova costruzione o preesistenti, è un aspetto fondamentale nell'ambito del nuovo concetto di “bioed...
Le Geode
Il Geode è una costruzione realizzata nel 1983 e completata due anni dopo e rappresenta uno dei pochi esempi di architettura sferica. Analizziamone le...
Museo delle Belle Arti di Lille
Il progetto di ampliamento del Museo delle belle arti di Lille è stato promosso dagli architetti Jean-Marc Ibo e Myrto Vitart. Cerchiamo di capirne le...