Mansilla e Tuñón: l’auditorium di Leon, Spagna.

Filed under: Architettura,Architettura Moderna |

Questo intervento molto particolare occupa il lato meridionale di una piazza di notevoli dimensioni collocata nel centro storico di Leon, una città castigliana a nord della penisola iberica. Si tratta di un edificio caratterizzato da una facciata con diverse bucature nelle quali sono state ricavate diverse aperture dalle dimensioni varie. Nei pressi dell’edificio possiamo trovare il cinquecentesco monastero di San Marcos.

L’edificio ospita un museo e un auditorium che nel corso di poco tempo hanno restituito vigore culturale alla città spagnola. La facciata bianca è caratterizzata dunque da cinque livelli orizzontali che evocano le fattezze di uno spartito musicale e le aperture vetrate incassatela cui posizione evoca invece le note musicali.

Vista laterale della facciata dell'auditorium.

Il posizionamento delle aperture e le loro diverse dimensioni proiettano fasci di luce all’interno degli ambienti in maniera molto affascinante. Il complesso è composto da due parti distinte: un volume cubico contiene tre piani di sale dedicate all’esposizione e un’ala angolare ad est, che invece ospita l’auditorium.

L’accesso per il pubblico segna la divisione tra i due blocchi e un accesso a rampa porta il visitatore agli spazi espositivi. Si tratta di un sistema molto flessibile: l’auditorium può infatti adattarsi, a seconda del tipo di evento che sta ospitando, a diverse configurazioni spaziali mediante sedili e pannelli acustici mobili.

L’auditorium è caratterizzato da un rivestimento ligneo wengè e illuminato a soffitto da lampade cilindriche. I posti a sedere sono stati predisposti per 1.200 persone e lo spazio può  ospitare una varietà di eventi, dalla musica da camera all’opera per conferenze.

I toni scuri dell’auditorium contrastano in maniera decisa con la luminosità sprigionata dal bianco degli esterni e dell’ingresso interno. Gli uffici sono collocati lungo la zona meridionale dell’auditorium mentre gli impianti sono collocati negli spazi sotterranei.

I progettisti: Emilio Tuñón e Luis Mansilla

Vista interna dell'auditorium. Si può notare il rivestimento in legno wengè.

L’edificio è stato progettato dagli architetti Emilio Tuñón e Luis Mansilla. Nel 1992, Emilio Tuñón Álvarez ( 1959 ) e Luis Moreno Mansilla ( 1959 ) hanno fondato l’ufficio Mansilla + Tuñón e ottenuto il Premio Nazionale di Architettura di Spagna nel 2003.

Nel corso degli anni hanno svolto l’incarico come professori del dipartimento di progetti architettonici della Facoltà di Architettura di Madrid. Sono stati i professori in molte università, tra le quali possiamo evidenziare la Graduate School of Design di Harvard, Ecole Polytechnique Fédérale di Losanna, San Pablo CEU architettura, la Nuova Scuola di Architettura di Porto Rico e la Städelschule di Francoforte.

Nel corso della loro carriera hanno vinto concorsi per i seguenti progetti: Automotive Museum di Madrid ( 2008 ),International Convention Centre di Madrid ( 2007 ),Fondazione Art Center Helga de Alvear a Cáceres ( 2005 ),Lalin Town Hall ( 2004 ),Piano di zona Valbuena a Logroño ( 2003 ),Biblioteca Artisti di strada a Madrid ( 2003 ),Museo della Cantabria ( 2002 ),Reale collezioni museali di Madrid ( 2002 ),Museo di San Fermin ( 2001 ),Centro di Cultura Contemporanea di Brescia ( 2000 ),Museo de Bellas Artes de Castellón ( 1998 ),Auditorio Ciudad de León ( 1996 ) e il Centro Cultural de la Comunidad de Madrid nella vecchia fabbrica di El Aguila ( 1995 ).

Emilio Tuñón e Luis Mansilla hanno vinto numerosi premi per il progetto dell’Auditorium Leon, tra cui il Premio Nazionale di Architettura e il Premio Architettura spagnola. Nel 2003 sono stati tra i finalisti per il Premio Mies van der Rohe.

Potrebbero interessarti anche:

    None Found

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.



Altri articoli di giardinaggio che potrebbero incuriosirti:

NON PIU’ LA DIA MA LA SCIA
Il ministero per la semplificazione normativa in data 16 settembre 2010 ha sostituito la DIA (Dichiarazione di Inizio Attività) con la SCIA (Segnalazi...
Un progetto per tutti senza barriere architettoniche
Normalmente nelle fasi di sviluppo del progetto architettonico si seguono procedure standard per la progettazione degli spazi: ci si attiene dunque pi...
Risorse energetiche rinnovabili per un pianeta più sano
Le risorse per l'approvvigionamento del nostro pianeta sono in esaurimento e le condizioni ambientali sono sempre più gravose per l'eccessivo sfruttam...
La boutique Chanel a Milano: gli stilemi dell’eleganza francese
E’ Peter Marino che si occupa da più di dieci anni dell’immagine delle boutique Chanel nel mondo. Già vincitore di due premi AIA (American Institutr o...
Le trasformazioni del paesaggio urbano e naturale
Il territorio italiano nel corso del secolo scorso ha subito grandi trasformazioni in termini di assetti territoriali. Cerchiamo di capire alcuni aspe...
Il FOTOVOLTAICO del futuro si spalma e si ricicla
Siamo in un momento decisivo per il nostro paese (e forse anche oltre). Il pannello sul tetto che scotta desta l’attenzione di tecnici e ricercato...
Comfort degli ambienti confinati ed efficienza energetica
L'efficienza energetica è molto importante per garantire condizioni buone di vivibilità degli spazi interni senza utilizzare risorse eccessive. Esisto...
Alvaro Siza: padiglione del Portogallo, Lisbona Expo 98
Il padiglione del Portogallo di Alvaro Siza è un progetto realizzato nell'ambito dell'Expo di Lisbona. Cerchiamo di analizzare alcune caratteristiche.