Auditorium Parco della Musica, Roma.

Nel corso dei primi anni di questo secolo è stato realizzato a Roma l’Auditorium Parco della Musica, su idea e progetto del  Renzo Piano Building Workshop.

Il complesso sorge su un sito molto ampio, oltre 55.000 metri quadrati localizzato a nord della capitale italiana, in prossimità dell’ex villaggio olimpico. Il progetto è caratterizzato da tre grandi sale da concerto di notevoli dimensioni. I singoli edifici sono messi in relazione tra loro mediante un anfiteatro all’aperto. Il progetto unisce e fonde elementi contemporanei con sistemi antichi: l’atrio centrale semicircolare e gli edifici ricurvi, simili a capsule con tetti rivestiti in piombo, come giganteschi armadilli sono appoggiati su basi in mattone rosso e marmo.

Il complesso di edifici comprende tre sale di grandezza variabile e un anfiteatro che può ospitare 3000 persone. Le sale sono state concepite per ospitare vari tipi di musica e il fatto che i volumi siano separati facilita l’acustica e l’isolamento. L’auditorium più grande è destinato ad ospitare grandi orchestre e cori; quello intermedio sempre orchestre,cori e compagnie di danza di dimensioni minori e il terzo per ospitare eventi musicali più intimi, come i concerti di musica contemporanea.

Vista dall'alto del complesso dell'Auditorium Parco della Musica

Il rivestimento degli interni è in ciliegio che è un ottimo materiale fono isolante. Nel corso del proseguimento dei lavori di realizzazione degli auditorium sono stati rinvenuti resti di una villa romana, le cui fondamenta sono state incorporate nel progetto ed è possibile ammirare da uno dei bracci di collegamento della sala di dimensioni maggiori, che ospita anche un piccolo museo.

Sotto le sale inoltre sono presenti due grandi sale prove, un museo che contiene numerosi  strumenti musicali, degli uffici, una biblioteca, una sala conferenze, teatri studio, sale riunioni, dei negozi, ristoranti è caffè. 

Le aree destinate ad ospitare gli spazi commerciali sono all’interno di gallerie in acciaio, vetro e mattoni che sono situate all’ingresso del sito.

Gli edifici sono inseriti all’interno di un’area verde.

L’architetto Renzo Piano

Vista interna dell'auditorium.

Vista interna dell'auditorium.

Renzo Piano nasce a Genova, in Italia, nel 1937. Ha studiato e successivamente ha insegnato presso il Politecnico di Milano.

Si è laureato presso l’Università nel 1964 e ha iniziato a lavorare con strutture leggere di natura sperimentale.

Dal 1965 al 1970 ha lavorato con Louis Kahn e con Makowsky.

Ha lavorato insieme a Richard Rogers negli anni 1971-1978; il loro progetto più famoso è certamente il Centre Georges Pompidou a Parigi (1977). Ha avuto anche una lunga collaborazione con l’ingegnere Peter Rice.

Potrebbero interessarti anche:

    None Found

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.



Altri articoli di giardinaggio che potrebbero incuriosirti:

Edilizia bio-ecologica: in arrivo le prime certificazioni di garanzia
E’ arrivata la prima certificazione totalmente italiana nel campo dell’edilizia bio-ecologica; essa ha già fornito garanzie e certificato dieci aziend...
Muffa in casa: cause e rimedi
Pareti annerite e macchie che fioriscono in alcuni punti della casa sono elementi da non trascurare, spesso indice di scarso comfort domestico e di un...
Un ecovillaggio e una casa passiva per il futuro verde della Svezia
Come spesso avviene, è dal nord Europa che ci giungono gli esempi significativi in materia di soluzioni bioedilizie più all’avanguardia. E’ ver...
Energie rinnovabili: l’ENERGIA MARINA
L'energia marina è una delle più interessanti energie rinnovabili: cerchiamo di capire il funzionamento della tecnologia di sfruttamento e alcune cara...
I grandi magazzini Manor: involucro edilizio ed efficienza energetica
Il progetto dei magazzini Manor in Svizzera è interessante dal punto di vista tecnologico per le soluzioni impiegate in relazione ai temi della sosten...
Kengo Kuma: la casa di acqua e vetro (water/glass house)
Nel progetto di Kengo Kuma i canoni tradizionali dell'architettura sono stati rivisitati, proponendo una soluzione particolare che valorizza il binomi...
Grattacieli nel mondo SOSTENIBILI: la tecnologia guarda verso l'alto
L'edilizia contemporanea, soprattutto quella delle grandi star dell'architettura, trova nei grattacieli il giusto connubio tra modernità e stravaganza...
La bioedilizia e le vernici naturali
Per molti anni l'edilizia comune si è rivolta ad aziende petrolchimiche per poter realizzare prodotti in grado di verniciare e trattare differenti sup...