La biblioteca centrale di Phoenix

Filed under: Architettura,Bioarchitettura |

La Burton Barr Central Library a Phoenix, Arizona è un importante progetto realizzato da William Bruder e dagli Architetti DWL, e una delle 15 biblioteche che sono state realizzate nella città americana. Essa contiene oltre 705.000 articoli ed è stata inaugurata nel 1995.

La particolarità del progetto è certamente la gestione dell’illuminazione diurna, con schermi verticali ondulati,  posizionati sopra l’ingresso sud che fungono da elementi ombreggianti. L’ingresso nord è invece totalmente investito dai raggi di sole attraverso una facciata totalmente vetrata, con alberi che esercitano, il seppur debole ombreggiamento estivo. Le facciate che ricevono più radiazioni solari, ad est e ovest sono ombreggiate invece con una struttura orizzontale di rame.

Vista della biblioteca centrale di Phoenix. E' possibile individuare gli elementi modulari in facciata.

Vista della biblioteca centrale di Phoenix. E' possibile individuare gli elementi modulari in facciata.

Utilizzando un unico nucleo centrale aperto,  la circolazione verticale è realizzata mediante tre ascensori ad alta velocità e una grande scala, in modo tale da rendere tutte le collezioni della libreria facilmente accessibili. La biblioteca è spesso citata come un esempio di architettura verde, affrontando molti temi del design eco-sostenibile. La massa termica delle pareti e una elevata efficienza meccanica consente di diminuire i consumi del sistema energetico ad un terzo dell’importo inizialmente ipotizzato.

Il progettista Bruder è solito lavorare con gli elementi che caratterizzano il paesaggio dell’Arizona e infatti la nuova biblioteca di Phoenix evoca infatti le formazioni rocciose del paesaggio della Monument Valley. Gli interni inoltre sono stati concepiti in maniera molto flessibile per andare incontro ad eventuali esigenze di trasformazione degli spazi.  La struttura è realizzata da un reticolo di pilastri alti 10 metri.

Will Bruder è nato nel 1946 a Milwaukee, Wisconsin ed è l’architetto che si è occupato della progettazione della biblioteca.

Bruder ha studiato arte e ingegneria, ma non ha avuto formazione universitaria in architettura. Dopo aver ricevuto un Bachelor of Fine Arts in scultura presso l’Università del Wisconsin-Milwaukee nel 1968, ha lavorato e studiato con Paolo Soleri, acquistando esperienza sul campo del legno, della lavorazione dei metalli, e della muratura. Attraverso l’apprendistato con Soleri e con Gunnar Birkerts, ha ottenuto l’ abilitazione come architetto e ha aperto il suo studio nel 1974.

Nella sua carriera ha affrontato numerosi progetti tra cui la Cholla Branch Library a Phoenix in Arizona nel 1986, la Rock Valley Art Center, Deer Valley, Arizona nel 1994, la Temple Kol Amia sempre a Phoenix, nel 1994, il Nevada Museum of Art  a Reno nel Nevada nel 2003 e attualmente sta lavorando alla realizzazione della Portland Main Library a Portland nello stato del Maine (USA).

Potrebbero interessarti anche:

    None Found

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.



Altri articoli di giardinaggio che potrebbero incuriosirti:

La scelta dei materiali da costruzione e la qualità di uno spazio
I materiali da costruzione spesso sono composti da elementi che se rilasciati in ambienti confinati possono produrre danni per la salute. Ma in che mo...
Una città futuristica sulla SALERNO-REGGIO CALABRIA idee al concorso internazionale per le autostrad...
Una città futuristica al concorso internazionale per le autostrade del sud Siamo di fronte ad una città futuristica, impensabile ed inimmaginabile. ...
La casa mobile BLOB
Dopo 18 mesi di lavoro è stata presentata alla “Biennale di Design Interieur 2010” Blob, la casa mobile. Si tratta di un lavoro svolto totalmen...
Sezione aurea e proporzioni per un'architettura armonica
L'architettura è fatta di forme e proporzioni. Cerchiamo di approfondire questo aspetto attraverso alcune riflessioni.
KLIMAHOUSE 2011 a Bolzano: la fiera della bioarchitettura
Per gli amanti della bioarchitettura, questo evento sarà sicuramente in grado di catalizzare la vostra attenzione. L'evento, ormai approdato alla s...
Tradizione e innovazione: Rozak House
La Rozak House sotto alcuni punti di vista può essere definito come un progetto estremo di architettura ecocompatibile e sostenibile. Cerchiamo di cap...
Una discoteca a Barcellona, il Gran Velvet
Il Gran Velvet ospita locali per l'intrattenimento notturno: si tratta di un edificio molto particolare per la varietà di spazi che ospita e il suo s...
Un edificio per uffici a Calveen, Olanda
Questo progetto tratta la realizzazione di un edificio per uffici che si colloca lungo la Rondweg Noord, una strada a scorrimento veloce che, lungo la...