Bioedilizia, costruire in modo biocompatibile case belle e sane

Bioedilizia

Casa ristrutturata con tecniche di bioedilizia, ampi spazi vetrati sulle pareti meglio esposte al sole, e materiali ecocompatibili.

Quello che sta cambiando veramente il mondo delle costruzioni e dell’edilizia è certamente la nuova sensibilità dell’utente finale rispetto alle tematiche della propria salute e del rispetto dell’ambiente.

Non si dovrebbe più costruire solo per fare business, si spera che le imprese che non rispettano i principi fondamentali del buon costruire, (alla base della bioedilizia) ma pensano solo al proprio guadagno, siano sempre più penalizzate sia dalle leggi, ma sopratutto dal mercato ovvero da tutti i consumatori che si avvalgono di imprese edili e ne comperando le loro case o avvalendosi dei loro servizi di ristrutturazione.

Se si arriverà al punto in cui una casa costruita senza alcun criterio di bioedilizia ed eco-compatibilità, nessuno la vorrà comprare, allora le imprese cominceranno a capire che solo la qualità paga, sia chi costruisce sia chi la compra.

Sino ad oggi essere un impresa bioecologia od un progettista sensibile alle tematiche della sostenibilità del costruire non è stato per nulla facile, perché si era dei pionieri molto spesso un po’incompresi.

Progettare una casa partendo dalla scelta dei materiali naturali e biocompatibili

Nel corso del nostro lavoro, abbiamo appurato che essere bioarchitetti vuol dire innanzi tutto avere a cuore parecchie tematiche ambientaliste e porre al centro di tutto il rispetto dell’uomo come parte dell’ambiente che lo circonda, per lasciare ai nostri figli, non solo un progresso tecnologico, ma soprattutto culturale che lasci ad ognuno il suo spazio vitale non immiserito.

La consapevolezza e sensibilità collettiva rivolta all’attenzione per l’ambiente equivale ad aver cura della salute dell’uomo e del suo benessere psicofisico.

Il nostro intento è quello di sensibilizzare, chi ci vorrà leggere, circa l’importanza della bioarchitettura e della bioedilizia, affronteremo nelle varie sezioni del sito, tutta una serie di tematiche che riguarderanno la struttura abitativa in senso lato, poiché interpretando gli edifici come organismi vivi al servizio dell’uomo, che interagiscono con da un lato con l’ambiente e dall’altro con i suoi abitanti, e tutti assieme vanno a rappresentare l’unità fondamentale del tessuto urbano che rappresentano una sorta di scrigno contenitore della maggior parte della nostra vita.

Il legno: uno dei materiali biocompatibili per eccellenza

Fondamentale è dunque saper riconoscere realmente i materiali biologici e non nocivi, le tecnologie costruttive tradizionali o non invasive, riappropriarsi di concetti e tematiche che appartengono alla storia dell’uomo, non può che consentire, aldilà del benessere dell’individuo, il ripristino e la conservazione dell’ equilibrio millenario tra uomo e ambiente, ahimè rovinato solo negli ultimi decenni.

Qui di seguito si riportano alcuni dei principali elementi per la valutazione bioecologica dei materiali alla base della scelta dei materiali e delle tecniche costruttive di bioedilizia.

ELEMENTI DA VALUTARE NELLA SCELTA BIOECOLOGICA DEI MATERIALI

Ecologia Biologia umana Storia Azione sui sensi Criteri fisico-chimici
Dispendio energetico Radioattività Origine Finitura superficiale Peso reazione al calore
Disponibilità Esalazione di gas Processo di estrazione Colore/estetica Reazione all’umidità
Origine delle risorse (minerale, fossile, materie prime rinnovabili Tossicità Comportamento statico
Azione sul clima Comportamento elettromagnetico

ELEMENTI DA VALUTARE PER MATERIALI

E TECNICHE DI COSTRUZIONE DI BIOEDILIZIA

Costruzione fino al grezzo Materiali e tecniche di costruzione
Fondamenta Mattoni, pietra naturale, calcestruzzo magro
Murature di locali interrati Mattoni, pietra arenaria calcarea
Murature perimetrali Argilla, mattoni, arenaria calcarea, legno massiccio, strutture di sostegno in legno
Pareti interne Come per le pareti esterne. Inoltre: pannelli di gesso naturale, pannelli di truciolato di legno esenti da formaldeide e collanti tossici
Intonaco esterno Intonaci naturali con calce idraulica come coesivo
Intonaco interno Intonaci minerali con calce aerea come coesivo, intonaci di gesso naturale
Rivestimento esterno Intonaci, rivestimento con tavole di legno, piastrelle di ceramica, mattoni
Finestre Legnami autoctoni, vetro incolore in lastre doppie
Soffitti Soffitti e travi in legno, soffitti in pianelle di cotto
Scale Dentro legno, fuori pietra
Isolamento tetto piano Nessun consiglio. Preferibilmente tetti inclinati
Coperture tetto spiovente Tegole di terracotta, scandole, paglia, canne
Pavimento Nessun consiglio. Sostituito, per esempio, da assito su travetti di legno
Finiture Materiali e tecniche di costruzione
Finitura del pavimento Tavole, parquet, linoleum, sughero, tappeti di fibre naturali come sisal, cocco, lana
Pareti interne e rivestimento soffitti Legno, tessuti naturali, piastrelle di ceramica, lastre di pietra naturale (roccia sedimentaria)
Materiali isolanti Sughero, canne, fibra di cocco, lana di pecora, lastre di truciolato composto, perlite, cellulosa a lastre e a fiocchi, silicati espansi come riempitivo
Vernici Bianco di calce, vernici al silicato, colori alla caseina, colori all’uovo, colori a tempera, dispersioni senza solventi chimici, con resine naturali, cere e oli naturali
Protezione del legno Composti di borace (ufficialmente autorizzati), acido pirolegnoso (non autorizzato)
Tappezzerie Carta da parati in carta riciclata con aggreganti e trattamenti naturali, fibre ruvide, tappezzeria in tessuto, fibre vegetali, midollino, sughero, pelle senza additivi sintetici o trattamenti di superficie
Collanti Colle, colle di saturazioni, dispersioni senza solventi chimici

Potrebbero interessarti anche:

    None Found

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.



Altri articoli di giardinaggio che potrebbero incuriosirti:

Come si riconosce un materiale ecocompatibile?
Materiali per costruire in modo naturale Nel xx secolo l'avanzare della tecnologia ha fatto si che ci si soffermasse maggiormente sulla parola innova...
Progettare l'illuminazione: il benessere luminoso.
L'illuminazione è un aspetto fondamentale nella progettazione architettonica: cerchiamo di capire quali siano gli elementi da considerare al fine di s...
Progettare la copertura dell'edificio
La copertura rappresenta un punto estremamente delicato per l'edificio. Cerchiamo di capire il perchè.
L'asilo Ape Tau a Coppito: le basi per il futuro in un “alveare”
Nel mese di ottobre è stato inaugurato l’asilo Ape Tau. Questo asilo si trova a Coppito, paese devastato durante il terremoto che ha colpito L’Aquila....
Arredare casa: consigli ed informazioni utili
Nell'organizzazione degli spazi è necessario seguire alcuni consigli dettati da semplici regole per favorire e migliorare l'utilizzo degli spazi stess...
Le scadenze IMU e la bufera per i pagamenti della prima rata
Ecco che si abbatte l’ennesima bufera sulla tassa IMU. Non sono ancora scaduti i termini per pagare la prima rata ma continuano le complicazioni e i p...
Legge di stabilità 2013: detrazioni ristrutturazioni non coinvolte
Legge di stabilità 2013 risulta al momento ancora in fase di modifica ma per quanto riguarda ristrutturazioni e riqualificazioni energetiche gli inter...
CO-WORKING: la condivisione dell' ufficio e degli spazi per un nuovo modo di lavorare
Oggi vi voglio parlare del co-working, un nuovo modo di lavorare che sta prendendo piede in Italia e che coinvolge, molto spesso, attività come qu...