I biomi terrestri e la gestione ambientale

Filed under: In Evidenza |

Il nostro pianeta è caratterizzato da una serie di condizioni climatiche in relazione a particolari strutture ambientali  in base ad aree geograficamente definite. Queste comunità biologiche vengono denominate biomi.

Definizione di bioma

I biomi possono essere definiti come categorie generali di ambienti, ovvero un bioma rappresenta un areale caratterizzato da fauna, flora e paesaggio comuni. I biomi sono determinati evidentemente da condizioni climatiche precise: dato un intervallo di temperatura e precipitazioni è possibile generalmente individuare quale comunità biologica lo abita.

I biomi terrestri

I biomi terrestri

I biomi terrestri: la tundra è un ambiente poco ospitale.

La maggior parte dei biomi terrestri è identificata dal tipo di vegetazione che domina quella comunità. Possiamo infatti individuare tra gli altri prati, foreste, deserti, savane, macchia mediterranea.

I deserti sono grandi ambienti caratterizzati da bassi livelli di umidità e precipitazioni quasi assenti e irregolari. Inoltre le escursioni termiche, ovvero le variazioni giornaliere di temperatura, sono molto ampie proprio perché la scarsa umidità permettere di immagazzinare e assorbire grandi quantità di calore.

Le praterie invece sono biomi tipici dei climi continentali mediamente secchi delle grandi pianure americane, delle steppe russe, delle praterie africane e delle pampas del Sud America.

I climi delle zone di alta montagna, o di latitudini estreme, non favoriscono la crescita di una vegetazione arborea per le temperature troppo rigide.

La tundra

Questa è la tundra, caratterizzata da inverni molto freddi e rigidi con possibilità molto limitate per la crescita delle piante, perché è possibile avere gelate durante tutto il periodo dell’anno.  Normalmente l’acqua, molto abbondante, è sottoforma di ghiaccio o neve.

La tundra artica brulica di vita durante la molto breve stagione di crescita estiva ma solo alcune specie riescono a sopravvivere a questi climi così rigidi. Le piante che dominano questo bioma sono le piante legnose nane, erbe, muschi e licheni.

La tundra alpina invece si differenzia da quella artica per le condizioni climatiche meno rigide e per le caratteristiche della vegetazione. L’aria rarefatta tipica delle zone montuose comporta per le piante una sovraesposizione di luce, in particolare di radiazioni ultraviolette: in questo modo molte di esse presentano una forte pigmentazione e una pelosità superficiale che le consente una maggiore protezione dei loro tessuti interni.

Le foreste

La foresta di tipo boreale invece è costituita da foreste miste di conifere e alberi decidui e si estende per una grande fascia compresa tra i 45 e i 60 gradi di latitudine nord. Le piante che la caratterizzano sono le conifere aghifoglie come pini, abeti, cedri e larici e tra gli alberi decidui invece i pioppi, aceri, betulle. Questo bioma è caratterizzato da un clima umido e freddo, da una grande presenza d’acqua (fiumi, laghi, zone umide).

Nelle zone sotto il 45 gradi di latitudine nord invece le condizioni climatiche sono differenti e si passa generalmente, a parte in corrispondenza di rilievi montuosi, ad avere una foresta di tipo mediterraneo, caratterizzata da climi più miti. Infatti il clima di tipo mediterraneo è caratterizzato da estati calde e secche e inverni miti e piovosi. La vegetazione normalmente è composta da arbusti sempreverdi e da macchia mediterranea.

La macchia mediterranea è la vegetazione caratteristica delle zone costiere italiane.

La macchia mediterranea è la vegetazione caratteristica delle zone costiere italiane.

Le regioni umide tropicali, come quelle dell’America Centrale e Meridionale, dell’Africa e dell’Asia sud-orientale rappresentano uno dei biomi più complessi e biologicamente ricchi del nostro pianeta. Si tratta delle foreste pluviali tropicali caratterizzate da abbondanti piogge e temperature molto elevate per tutto l’arco dell’anno.

Le foreste di latifoglie sono caratteristiche invece dei climi temperati in cui le estati sono ricche d’acqua e gli inverni rigidi. Questo tipo di piante è in grado di produrre durante i periodi primaverili ed estivi un grande numero di foglie per poi lasciarle cadere durante i periodi invernali.  Nei climi caldi invece le foreste sono dominate da alberi sempreverdi.

E’ molto importante sapere riconoscere e valorizzare le caratteristiche ambientali proprie di un luogo per preservarne gli ecosistemi e mantenere condizioni ambientali accettabili per le piante e gli organismi che li abitano.

Potrebbero interessarti anche:

    None Found

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.



Altri articoli di giardinaggio che potrebbero incuriosirti:

Materiali edili riciclati: nuova vita agli scarti trasformati per l'edilizia
I materiali di scarto del processo edilizio costituiscono il settore più cospicuo d’inquinamento ambientale. I materiali di risulta, se recuperati e ...
La rappresentazione nel progetto di architettura.
Il disegno è sicuramente un elemento fondamentale nella costruzione e la presentazione del progetto. Ma in che modo può risultare davvero efficace? Qu...
Fasi e attori del processo edilizio
Il processo edilizio è un sistema di operazioni molto complesso, che coinvolge una serie di figure professionali e necessita una particolare cura e at...
La casa bioclimatica ed il rapporto tra abitazione e clima.
L'architettura e l'ambiente spesso confliggono. Ma proprio dall'ambiente che l'architettura trae i segni del suo compiersi e deve essere in grado di d...
Materiali da costruzione: il calcestruzzo degrado
Il calcestruzzo è il materiale di costruzione più diffuso e prodotto nel mondo. La sua funzione è fondamentale perchè viene impiegato quasi sempre per...
Architettura bioclimatica nel mediterraneo: dalle architetture ipogee ai trulli ai damusi
Aspetti e caratteristiche di alcune tipologie architettoniche relative all'area del mediterraneo che si caratterizzano per particolari soluzioni biocl...
Il territorio e l'influenza sul microclima.
Il microclima è fondamentale per lo sviluppo e l'abitabilità di un sistema spaziale definito. Queste condizioni sono determinabili e modificabili attr...
Riforma del condominio: come cambiano le assemblee.
Dopo 70 anni d’attesa la Legge n.220/2012, meglio nota come riforma del condominio, entrerà in vigore a partire dal 18 giugno 2013. Sono molte le mod...