I biomi terrestri e la gestione ambientale

Filed under: In Evidenza |

Il nostro pianeta è caratterizzato da una serie di condizioni climatiche in relazione a particolari strutture ambientali  in base ad aree geograficamente definite. Queste comunità biologiche vengono denominate biomi.

Definizione di bioma

I biomi possono essere definiti come categorie generali di ambienti, ovvero un bioma rappresenta un areale caratterizzato da fauna, flora e paesaggio comuni. I biomi sono determinati evidentemente da condizioni climatiche precise: dato un intervallo di temperatura e precipitazioni è possibile generalmente individuare quale comunità biologica lo abita.

I biomi terrestri

I biomi terrestri

I biomi terrestri: la tundra è un ambiente poco ospitale.

La maggior parte dei biomi terrestri è identificata dal tipo di vegetazione che domina quella comunità. Possiamo infatti individuare tra gli altri prati, foreste, deserti, savane, macchia mediterranea.

I deserti sono grandi ambienti caratterizzati da bassi livelli di umidità e precipitazioni quasi assenti e irregolari. Inoltre le escursioni termiche, ovvero le variazioni giornaliere di temperatura, sono molto ampie proprio perché la scarsa umidità permettere di immagazzinare e assorbire grandi quantità di calore.

Le praterie invece sono biomi tipici dei climi continentali mediamente secchi delle grandi pianure americane, delle steppe russe, delle praterie africane e delle pampas del Sud America.

I climi delle zone di alta montagna, o di latitudini estreme, non favoriscono la crescita di una vegetazione arborea per le temperature troppo rigide.

La tundra

Questa è la tundra, caratterizzata da inverni molto freddi e rigidi con possibilità molto limitate per la crescita delle piante, perché è possibile avere gelate durante tutto il periodo dell’anno.  Normalmente l’acqua, molto abbondante, è sottoforma di ghiaccio o neve.

La tundra artica brulica di vita durante la molto breve stagione di crescita estiva ma solo alcune specie riescono a sopravvivere a questi climi così rigidi. Le piante che dominano questo bioma sono le piante legnose nane, erbe, muschi e licheni.

La tundra alpina invece si differenzia da quella artica per le condizioni climatiche meno rigide e per le caratteristiche della vegetazione. L’aria rarefatta tipica delle zone montuose comporta per le piante una sovraesposizione di luce, in particolare di radiazioni ultraviolette: in questo modo molte di esse presentano una forte pigmentazione e una pelosità superficiale che le consente una maggiore protezione dei loro tessuti interni.

Le foreste

La foresta di tipo boreale invece è costituita da foreste miste di conifere e alberi decidui e si estende per una grande fascia compresa tra i 45 e i 60 gradi di latitudine nord. Le piante che la caratterizzano sono le conifere aghifoglie come pini, abeti, cedri e larici e tra gli alberi decidui invece i pioppi, aceri, betulle. Questo bioma è caratterizzato da un clima umido e freddo, da una grande presenza d’acqua (fiumi, laghi, zone umide).

Nelle zone sotto il 45 gradi di latitudine nord invece le condizioni climatiche sono differenti e si passa generalmente, a parte in corrispondenza di rilievi montuosi, ad avere una foresta di tipo mediterraneo, caratterizzata da climi più miti. Infatti il clima di tipo mediterraneo è caratterizzato da estati calde e secche e inverni miti e piovosi. La vegetazione normalmente è composta da arbusti sempreverdi e da macchia mediterranea.

La macchia mediterranea è la vegetazione caratteristica delle zone costiere italiane.

La macchia mediterranea è la vegetazione caratteristica delle zone costiere italiane.

Le regioni umide tropicali, come quelle dell’America Centrale e Meridionale, dell’Africa e dell’Asia sud-orientale rappresentano uno dei biomi più complessi e biologicamente ricchi del nostro pianeta. Si tratta delle foreste pluviali tropicali caratterizzate da abbondanti piogge e temperature molto elevate per tutto l’arco dell’anno.

Le foreste di latifoglie sono caratteristiche invece dei climi temperati in cui le estati sono ricche d’acqua e gli inverni rigidi. Questo tipo di piante è in grado di produrre durante i periodi primaverili ed estivi un grande numero di foglie per poi lasciarle cadere durante i periodi invernali.  Nei climi caldi invece le foreste sono dominate da alberi sempreverdi.

E’ molto importante sapere riconoscere e valorizzare le caratteristiche ambientali proprie di un luogo per preservarne gli ecosistemi e mantenere condizioni ambientali accettabili per le piante e gli organismi che li abitano.

Potrebbero interessarti anche:

    None Found

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.



Altri articoli di giardinaggio che potrebbero incuriosirti:

Materiali da costruzione: il calcestruzzo degrado
Il calcestruzzo è il materiale di costruzione più diffuso e prodotto nel mondo. La sua funzione è fondamentale perchè viene impiegato quasi sempre per...
Il rapporto tra uomo, energia ed ambiente
Lo studio delle relazioni tra uomo, energia e ambiente sono fondamentali per una progettazione consapevole degli ambienti confinati. Valutiamo insieme...
MASDAR CITY: la città a ciclo di vita rinnovabile
Il progetto Masdar city nasce nel 2006, dalla realizzazione della società Masdar di Abu Dhabi. Questa società promuove lo sviluppo di energie rinno...
La nuova Casa dello studente dell'Aquila
L’obiettivo che sembrava impossibile è stato raggiunto. La nuova Casa dello studente dell'Aquila è stata realizzata da Rubner Objektbau, finanziata in...
Gli schermi solari un grande aiuto al risparmio energetico
Gli schermi solari rappresentano uno degli aspetti più importanti per quanto riguarda la progettazione consapevole e sostenibile. La presenza di sche...
Edifici multipiano in Legno Lamellare "PRES-LAM"
Ultimamente, anche in Italia, sta facendo leva un nuovo sistema costruttivo ecologico e antisismico, alternativo al ormai comune cemento armato. Qu...
I falsi miti sull'eolico sfatati dall'Aper
E’ recente la diatriba tra Sgarbi e Vendola, governatore della regione Puglia che dichiara di produrre un eccesso di energia pari al 70 % in più r...
Rendimento energetico in edilizia: Italia deferita alla Corte di giustizia Europea
La decisione è del 26 aprile 2012: la Commissione Europea ha deciso di deferire l’Italia. Il procedimento di infrazione in questione riguarda la Diret...