Il centro Galego di Arte Contemporanea

L’edificio per il centro Galego di Arte Contemporanea è collocato all’interno di un contesto densamente occupato da edifici a Santiago de Compostela.

Questa condizione è stata certamente un ostacolo nella progettazione che ha visto impegnato Alvaro Siza.

L’edificio è formato da due volumi a forma di L di tre piani più una terrazza realizzati con rivestimento in granito.

La porta ovest comprende il portico di accesso, la reception, l’ingresso per l’auditorium e al primo piano l’ingresso alla biblioteca, ai centri amministrativi e di documentazione.

La porta est ospita invece le aree espositive collocate nel seminterrato, la libreria e la tavola calda.

Tra i due fabbricati è collocata una zona di transizione su cui appoggia un portone di ingresso che porta verso le aree espositive. Il primo piano è occupato dagli uffici amministrativi e della direzione, mentre al terzo piano sono collocate le zone di servizio. Le aree della terrazza, collocate in copertura, sono aperte al pubblico in occasione di mostre ed eventi temporanei.

Alvaro Siza, il progettista del centro Galego

centro Galego

Vista esterna del centro Galego di Arte Contemporanea.

Álvaro Joaquim de Melo Siza Vieira nasce nella città di Matosinhos, presso la città di Porto,nel 1933.

Si laurea in Architettura nel 1955 e alla fine degli anni cinquanta apre un proprio studio e inizia la sua attività professionale con il progetto per la Casa del Té a Leça da Palmeira.

Dalla metà del decennio successivo diventa professore universitario in diverse università internazionali, che abbandonerà poi negli anni per dedicarsi solamente alla cattedra all’Università di Architettura di Oporto, che tra l’altro è stata progettata dallo stesso Siza.

Tra i progetti più importanti di Alvaro Siza troviamo il progetto per il Quartiere residenziale di Malagueira a Evora, in Portogallo,  il complesso residenziale detto “Bonjour Tristesse” a Berlino, Germania, il Padiglione del Portogallo all’Expo ’98 di Lisbona, Portogallo, il Centro Culturale e auditorium della Fondazione Ibere Camargo a Porto Alegre, Brasile e il Padiglione temporaneo della Serpentine Gallery (con Eduardo Souto de Moura) a Londra nel Regno Unito.

Potrebbero interessarti anche:

    None Found

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.



Altri articoli di giardinaggio che potrebbero incuriosirti:

I PANNELLI FOTOVOLTAICI DI TERZA GENERAZIONE
I pannelli fotovoltaici di terza generazione sono uno dei punti cardine dell’energia pulita. Seppur simili ai precedenti, sono migliorate le loro ...
La casa prefabbricata: nuove soluzioni confortevoli e belle
Quanti di noi hanno trascorso, e trascorrono tuttora, giorni e giorni a sovrapporre mattoncini lego, per raggiungere forme architettoniche o meccanich...
Un progetto tra uomo e ambiente: Tim and Karen Hixon Visitor Center
Il progetto del Tim and Karen Hixon Visitor Center è un esempio interessante di architettura integrata rispetto all'ambiente circostante: cerchiamo di...
Ecologia, estetica e stile di vita
L'architettura sostenibile pone nuove frontiere estetiche e relative agli stili di vita ecologici. In questo approfondimento cerchiamo di capire come.
Una copertura giardino per l'Exhibition Hall Art Gallery a Bonn
La galleria di arte a Bonn nel progetto di Gustav Peichl: architettura plastica e volumi puri.
La casa di riposo di Vantaa, Finlandia
Il progetto per la casa di riposo a Vantaa in Finlandia ha caratteri fortemente innovativi rispetto alle tradizionali tipologie edilizie che ospitano ...
Residenze per anziani WoZoCo apartments: una soluzione estrema ad un problema di spazio
Il trattamento della facciata e le scelte spaziali rendono l'edificio di Amsterdam, dello studio MVRDV, un progetto molto interessante.
Il viadotto di Millau di Foster + Partners
Il viadotto di Millau non è solamente un ponte ma è un esempio di architettura molto interessante. Cerchiamo di capirne di più su questo singolare pro...