Città delle arti e delle scienze a Valencia

In molte città di tutta Europa si sono sviluppati numerosi progetti relativi a complessi di svago e di intrattenimento in genere.  Il progetto per la Città delle Arti e delle Scienze a Valencia è un intervento emblematico in questo senso.

L’architetto responsabile del design del progetto per l’ Hemisferic, che ospita un cinema IMAX e un laser show e il Palau de les Artes  Reina Sofia di Valencia, è Santiago Calatrava.

La Città delle Arti e delle Scienze, sviluppato da Santiago Calatrava, è un grande centro ricreativo urbano per la cultura e la scienza che incorpora diverse strutture.

Situato nel vecchio letto disseccato del fiume Turia, a metà strada tra la città vecchia di Valencia e il quartiere costiero di Nazaret, la Città delle Arti e delle Scienze si estende su una superficie di 350.000 metri quadrati.

A seguito di una disastrosa alluvione nel 1957, il fiume è stato deviato lungo un canale a sud della città.
L’Hemisfèric (Planetario) è stato il primo elemento ad essere aperto al pubblico nel mese di aprile 1998. Il Museo della Scienza Principe Felipe è stato aperto nel 2000, l’Umbracle (struttura di parcheggio) è stato  inaugurato nel 2001, il Palacio de las Artes è stato aperto nel 2002.

La filosofia architettonica di Calatrava è in linea con le sue abilità sia in campo ingegneristico che architettonico.
Non c’è dubbio che la Città delle Arti e delle Scienze di Valencia ha dato una spinta enorme all’attrattività della città, infatti il numero di visitatori di questa città spagnola sono più che raddoppiati negli ultimi anni.

Facilmente raggiungibile dall’autostrada e situato a sud della città ospita numerosi hotel di lusso per il tempo libero che circondano il sito, e la Parque Jardin del Turia scorre a nord dal complesso verso il centro di Valencia e della metropolitana più vicina Alameda.

L’Hemisfèric

L’ Hemisferic all’interno del centro per le Arti e delle Scienze è direttamente collegato con il Palau, ed è sede di un planetario, un cinema IMAX e di un laser show.

Il Palau de les Artes Reina Sofia, inaugurato nel 1998, è un teatro dalle fattezze maestoso, che ospita spettacoli di danza e teatro con quattro sale, un anfiteatro e teatro da camera.

Come si entra nel parco si attraversa l’Umbracle, che introduce ad una zona verde che copre 7000 metri quadrati. La struttura dell’Ombrello si illumina di notte con un grande effetto spettacolare.

Città delle arti e delle scienze Valencia

Vista notturna della città delle arti e delle scienze a Valencia.

Un’altra grande attrazione del centro è l’Acquario Oceanografico. Le zone sono suddivise in aree mediterranee, temperate e tropicali, artiche, antartiche, oceani, zone umide e il Delfinario.

L’Hemisfèric, la caratteristica costruzione a forma di occhio progettata da Santiago Calatrava, è stato il primo elemento ad essere aperto al pubblico nella Città delle Arti e delle Scienze, nel mese di aprile 1998.

Il globo dell’Emisfero (spesso nominato con il Planetario), che ospita anche il teatro Omnimax, è coperta da una struttura  ellittica a conchiglia e collocato all’interno di un guscio. L’Emisfero è leggermente sotto il livello del terreno per evitare conflitti visivi con il Museo della Scienza e Palacio de las Artes.

Questo imponente complesso architettonico concentra l’attenzione su una zona precedentemente incoerente e poco sviluppata, realizzando un collegamento importante e un marker territoriale per le aree esterne della città.
Una torre di comunicazioni era stato inizialmente previsto per la punta occidentale del sito, ma un cambio di governo nel 1996 ha portato alla sostituzione della torre delle telecomunicazioni con il Palacio de las Artes.

 Santiago Calatrava

Santiago Calatrava

Vista della città delle arti e delle scienze.

Santiago Calatrava ha vinto il concorso per la torre delle comunicazioni nel 1991 e in quello stesso anno gli fu dato l’incarico di sviluppare l’intero complesso.

Questa passerella, parte integrante del paesaggio in generale, funge da elemento ordinatore; giardini si estendono su entrambi i lati e, come ricordo del passato fluviale del sito, delle pozze che riflettono abbracciare il planetario, che copre il tetto della biblioteca, cinema, diversi auditorium e i ristoranti posizionati nelle zone sottostanti.

Santiago Calatrava Valls è un architetto, scultore e ingegnere strutturale spagnolo la cui sede principale di lavoro è a Zurigo, Svizzera. Classificato ora tra i progettisti più conosciuti e apprezzati del mondo, il suo studio di progettazione ha sedi a Zurigo, Parigi, Valencia e New York.
Calatrava è nato a Benimamet, un comune ora integrato come parte urbana di Valencia, in Spagna, dove ha completato i suoi studi in Architettura presso l’Università Politecnica di Valencia, insieme ad un corso post-laurea in urbanistica.

Dopo la laurea nel 1975, si iscrive all’Institute of Technology (ETH) di Zurigo, Svizzera, e si laurea in ingegneria civile. Nel 1981, dopo aver completato la sua tesi di dottorato, ha iniziato la sua carriera di architetto e ingegnere.

Tra i numerosi progetti realizzati il Puente del Alamillo a Siviglia in Spagna, il Nuovo terminale al Bilbao Airport, il Turning Torso a Malmö in Svezia e il la stazione dei treni in Belgio.

Potrebbero interessarti anche:

    None Found

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.



Altri articoli di giardinaggio che potrebbero incuriosirti:

Il controllo ambientale in architettura. Prima parte.
L'architettura e l'ambiente sono un binomio che ha caratterizzato le costruzioni per molto tempo. Cerchiamo di capire quali siano i caratteri fondamen...
La progettazione del verde urbano
In questa breve trattazione ho semplificato e introdotto alcuni concetti cari ad un approccio consapevole, integrato e di qualità rispetto ai temi del...
La RIDUZIONE dei CONSUMI ENERGETICI di un edificio
Per ridurre i consumi di energia di un edificio è possibile predisporre diversi interventi in grado di migliorare le prestazioni. Vediamo alcuni aspet...
I colori dell'arcobaleno in città: la filiale della SHINKIN SUGAMO BANK
La nuova filiale di Shimura della Shinkin Sugamo Bank a Tokyo, è un complesso architettonico che merita assolutamente qualche cenno. Si tratta ...
Monumento alle vittime dell’Olocausto di Eisenman a Berlino
Il progetto per il memoriale di Berlino per le vittime della persecuzione nazista è un progetto molto interessante per la sua capacità di intendere qu...
Negozio Freitag a Zurigo, riciclo creativo in architettura
Creare un edificio utilizzando container? Sembra un' idea poco credibile ma lo studio Spillmann-Echsle lo ha realizzato veramente. Cerchiamo di capirn...
La biblioteca centrale di Phoenix
La biblioteca centrale di Phoenix è un esempio molto importante e significativo di progettazione di spazi pubblici. Analizziamone alcune caratteristic...
Architettura e ambiente in 2 edifici ecocompatibili e ad efficienza energetica in Sardegna
Vi presentiamo un progetto molto particolare e interessante realizzato dallo studio Franzina + Partners Architettura in Sardegna, le Pebble Houses. I...