Una città futuristica sulla SALERNO-REGGIO CALABRIA idee al concorso internazionale per le autostrade

Una città futuristica al concorso internazionale per le autostrade del sud

Siamo di fronte ad una città futuristica, impensabile ed inimmaginabile.

Il “parco solare Slow up Rising” è una delle proposte infrastrutturali emerse dal concorso internazionale per le autostrade del sud dove come oggetto c’era la progettazione di un tratto autostradale della Salerno-Reggio Calabria.

Il tema proposto dal concorso richiedeva un parco solare per rinnovare, almeno parzialmente, una parte del territorio occupato dall’autostrada.

autostrada solare SALERNO-REGGIO CALABRIA

Tratto autostradale del bando di concorso

Lo studio canadese JA, seppur uscendo dalla richiesta del bando, ha deciso di inviare la sua proposta di città solare.

Lo studio di architettura ritiene che sia necessario dare una nuova prospettiva sul tema delle autostrade dismesse.

I componenti di JA, credono fermamente nella necessità di convogliare il “macro” con il “micro”, considerando come macro l’autostrada e come micro “la cittadina”.

Il PROGETTO della città verticale

Partendo da questo concept, hanno creato una città verticale collegata univocamente con la nuova autostrada.

Loro la definiscono una vera e propria “piattaforma verticale” che collega l’autostrada, al vertice, fino al fondo della valle tramite la progettazione di una cittadina che si amplia verticalmente.

Una città futuristica sulla SALERNO-REGGIO CALABRIA

Una città futuristica sulla SALERNO-REGGIO CALABRIA

Sicuramente ci troviamo davanti ad un nuovo concetto urbano.

Partendo dall’autostrada e creando quindi lo scheletro, la popolazione può radicarsi al di sotto della struttura, proprio come fosse un albero con i suoi rami.

La piccola dimensione torna a prendere piede scavalcando le grandi infrastrutture senza paura riappropriandosi del proprio spazio.

Questo porta ad una coesistenza attualmente inesistente.

Il bando del concorso richiedeva la realizzazione di un parco solare; in realtà loro non hanno dato molto spazio alla richiesta, ma hanno preferito realizzare una sorta di eco-parco interconnesso con la tecnologia ingegneristica più avanzata.

Dubbi e preplessità sul progetto

Anche se ritengo che la loro possa essere stata una provocazione senza grandi pretese, sono molto scettica rispetto questo progetto.

Ritengo che spesso l’architettura futuristica si dimentichi del contesto, dell’uomo e della natura.

Sicuramente è un’idea nuova, di diverso aspetto e costruzione, ma la ritengo fantastica e non realizzabile.

idee al concorso internazionale per le autostrade

La città verticale sotto l'autostrada

Trovo questa soluzione molto lontano dalla ricerca del rispetto dell’ambiente e del paesaggio.

Ogni cosa che l’uomo decide di realizzare in campo architettonico, può dettare trasformazioni sociali e paesaggistiche enormi, che spesso hanno provocato più danni che altro.

Quindi, ammettendo la possibilità di trovare nuove forme e soluzioni, che possono spaziare a 360°, credo anche che nessuno debba mai dimenticarsi di tutto ciò che ci circonda, perchè è con quello, che dobbiamo fare quotidianamente i conti.

Inoltre ritengo che più si parla di eccesso e più si scavalca il giusto.

E’ necessario durante lo studio progettuale ricercare l’adeguato connubio tra innovazione (assolutamente necessaria e amata) e realtà.

Potrebbero interessarti anche:

    None Found

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.



Altri articoli di giardinaggio che potrebbero incuriosirti:

CasaClima Nature: la prima casa in Alto Adige
Una CasaClima vuol dire principalmente risparmio energetico ma non solo. Si ha un risparmio sia economico sia un basso impatto ambientale. Non meno tr...
Il controllo ambientale in architettura. Parte terza
Concludiamo il breve excursus sulle evoluzioni delle tecniche di controllo ambientale attraverso alcune riflessioni su alcuni possibili scenari di rif...
PAPER CONCERT HALL: un auditorium musicale per l'Aquila
La Paper Concert Hall è uno degli esempi di architettura realizzata nell'Aquila nella fase post-terremoto. Ritengo sia molto importante mostrar...
Vetro traslucido e struttura metallica per l’Ambasciata Finlandese a Washington D.C.
L'ambasciata finlandese a Washington è un esempio di uso virtuoso di elementi metallici e di concezione di una architettura in simbiosi con l'ambiente...
Un recupero edilizio inusuale: gli edifici industriali di Zavrtnica
Quando si parla di recupero edilizio, spesso si pensa ad una serie di interventi strutturali in grado di rimettere a nuovo edifici ed intere aree di u...
Rendimento energetico in edilizia: Italia deferita alla Corte di giustizia Europea
La decisione è del 26 aprile 2012: la Commissione Europea ha deciso di deferire l’Italia. Il procedimento di infrazione in questione riguarda la Diret...
Animali in condominio nella nuova riforma
La nuova riforma del condominio entrerà effettivamente in vigore a partire dal 18 giugno del 2013. Le novità sono tante, anche per quanto riguarda gli...
CO-WORKING: la condivisione dell' ufficio e degli spazi per un nuovo modo di lavorare
Oggi vi voglio parlare del co-working, un nuovo modo di lavorare che sta prendendo piede in Italia e che coinvolge, molto spesso, attività come qu...