CO-WORKING: la condivisione dell’ ufficio e degli spazi per un nuovo modo di lavorare

Filed under: Architettura,In Evidenza |
 CO-WORKING

Spazi per il CO-WORKING

Oggi vi voglio parlare del co-working, un nuovo modo di lavorare che sta prendendo piede in Italia e che coinvolge, molto spesso, attività come quella dell’architettura e del design.

Il co-working può quasi definirsi uno stile di vita che consente di avere maggiore libertà con piccole spese di mantenimento.

Si tratta di un metodo di lavoro che consente a gruppi di persone di condividere degli ambienti, mantenendo comunque un’attività lavorativa indipendente.

I liberi professionisti, soprattutto in questo momento di crisi generale, possono ottenere grazie al co-working risparmio e indipendenza allo stesso tempo, indispensabili per questa tipologia di attività professionale.

Molti spazi di co-working sono stati studiati da architetti che, pensando alla necessità spaziale, hanno generato luoghi in grado di soddisfare a pieno le esigenze che possono essere indispensabili in un’attività di tipo indipendente.

Inoltre si tratta di un metodo nuovo e comodo anche per i freelance che hanno la possibilità di incontrarsi con altrettanti professionisti del settore e di farsi conoscere.

Struttura spaziale del CO-WORKING

Solitamente le strutture adibite al co-working sono organizzate in modo da avere libertà di movimento e di pensiero.

La maggior parte di questi complessi hanno a disposizione spazi di lavoro ampi, sale da adibire a meeting, spazi comuni, luoghi da adibire a workshop e avanzati strumenti tecnologici, come plotter, stampanti, proiettori, internet... che consentono di svolgere il proprio lavoro al meglio.

L’attività dell’architetto si sposa bene con questo stile lavorativo in quanto consente al professionista di gestire al meglio il proprio tempo, avere sempre spazi idonei e garantire sempre la massima efficienza, pur conservando una sede di lavoro sempre a disposizione per incontri formali e non.

Esempi di architettura studiata per il CO-WORKING

Sono molti gli esempi che si possono trovare in giro per l’Italia e sparsi per il mondo.

Vediamo alcuni esempi che potranno permettervi di guardare con i vostri occhi questo nuova soluzione.

 ToolBox  Torino

ToolBox di Torino

La ToolBox di Torino è una soluzione architettonica moderna strutturata all’interno di due edifici ex-industriali che permettono in tre piani di avere a disposizione ogni tipo di servizio necessario.

Gli ambienti modulari garantiscono una liberà di movimento ampia pur conservando la giusta privacy lavorativa.

Lo spazio è stato concepito architettonicamente secondo ogni dettaglio dall’architetto Caterina Tiazzoldi, architetto e docente presso la Columbia University di New York.

Il CO-WORKING Looma è invece uno spazio con sede a Roma, nato appositamente per ospitare settori creativi quali l’architettura, la grafica, il web e la fotografia, ideale quindi per giovani professionisti che abbiano voglia di incontrare e conoscere persone complementari anche in ambito lavorativo.

condivisione ufficio

Anche in questo caso gli spazi sono stati progettati per permettere di muoversi liberamente conservando privacy e professionalità.

OAB , L’Ordine degli Architetti di Bergamo ha istituito un Coworking inaugurato pochi mesi fa che accompagna i suoi iscritti nella professione permettendo di avere spazi e strumenti capaci di agevolare il lavoro in modo nuovo.

IMG_0986

Spazi di Coworking istituiti dall’ OAB , l’Ordine degli Architetti di Bergamo

Anche in questo caso lo spazio è stato gestito attraverso complementi modulari e flessibili in grado di permettere la gestione diversificata dei fruitori.

Concludendo il Co-working è ciò che consente ad un mondo sempre più frenetico ed isolato, di riprendere in mano l’importanza della condivisione.

Ritenendo l’architettura ed il design lavori creativi che necessitano sempre di scambio di informazioni, idee e ideali, penso che il co-working, rappresenti l’ideale per questo tipo di attività professionali, sempre alla ricerca di innovazione e avanguardia. Inoltre in un’ottica sempre più green, il co-working è sicuramente un valido compagno di viaggio.

Potrebbero interessarti anche:

    None Found

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.



Altri articoli di giardinaggio che potrebbero incuriosirti:

Hello world!
Welcome to WordPress. This is your first post. Edit or delete it, then start blogging!
Il piccione: animale molesto urbano per eccellenza
Il piccione è l’animale molesto per eccellenza. Infesta le nostre città ma per legge è protetto come un qualsiasi animale domestico. Esistono vari rim...
Regione Piemonte: parte il MUDE (Modello Unico Digitale per l’Edilizia)
In via sperimentale e volontaria i comuni, si adoperano per la presentazione in via telematica da parte dei cittadini di denunce di inizio attività, p...
Una città futuristica sulla SALERNO-REGGIO CALABRIA idee al concorso internazionale per le autostrad...
Una città futuristica al concorso internazionale per le autostrade del sud Siamo di fronte ad una città futuristica, impensabile ed inimmaginabile. ...
Ecologia, estetica e stile di vita
L'architettura sostenibile pone nuove frontiere estetiche e relative agli stili di vita ecologici. In questo approfondimento cerchiamo di capire come.
Steven Holl: alloggi per studenti, Cambridge, Stati Uniti
L'edificio che ospita alloggi per studenti di Steven Holl è un edificio sorprendentemente interessante da diversi punti di vista. Cerchiamo di capire ...
Torre Agbar a Barcellona
La torre Agbar di Nouvel è uno degli edifici contemporanei più riconoscibili della città di Barcellona. Cerchiamo di capire le caratteristiche dell'in...
Kengo Kuma: la casa di acqua e vetro (water/glass house)
Nel progetto di Kengo Kuma i canoni tradizionali dell'architettura sono stati rivisitati, proponendo una soluzione particolare che valorizza il binomi...