COABITARE: Nuovi concetti di vita per l’architettura moderna cohousing

Il cohousing è la nuova frontiera dell’architettura moderna.

Sala da pranzo di una Cohouse: nuovi spazi per coabitare

In realtà, è un richiamo al vecchio modo di vivere. Quando le comodità erano realtà di pochi e la tecnologia per pochissimi, la realtà residenziale si sviluppava secondo un modello sociale di coabitazione dove alcuni luoghi utili per la vita di tutti i giorni erano a disposizione di tutti comunitariamente.

La coabitazione moderna prevede che venga mantenuta la privacy dell’abitazione, come luogo di vita privata e disciplinato da regole familiari ma insieme vengano associati alcuni spazi di servizio comune.

Ciò permette di avere un vantaggio a livello economico, che in questi tempi non guasta, ma soprattutto di avere molti benefici a livello di servizi e di solidarietà comune.

La solidarietà comune è un termine ormai svanito nella realtà frettolosa in cui viviamo; non c’è più lo spirito di condivisione ma di chiusura che oggi provoca problematiche sociali, come quelle condominiali che spesso, si trasformano in tragedia.

Il recupero della parola condivisione di beni, oggetti che sono necessità di tutti, consentono di riportare alla realtà l’uomo che, per natura, necessita di crescere grazie al confronto.

Il cohousing prevede la realizzazione, ad esempio, di una lavanderia comune (come nei College americani), in cui la famiglia ha la possibilità di incontrare altre persone, di discutere evitando l’alienazione sociale dell’uomo del XXI secolo.

E’ necessario quindi che il progettista abbia a pieno la consapevolezza del significato di progettazione condivisa e partecipata.

Condividere una casa

La condivisione è la parola chiave del cohousing

Non è solo più importante valutare lo spazio come luogo in cui costruire un oggetto compatibile con l’intorno, ma diventa importante discutere con chi abiterà quel luogo delle necessità comuni, in modo da realizzare un oggetto di condivisione e non di divisione.

Diventa infatti importante realizzare uno spazio adibito a sala riunioni, locali cucina o lavanderia, aree gioco per bambini, aree verdi, terrazze comuni, luoghi adibiti a magazzino per contenere oggetti di utilizzo comunitario.

La scelta del cohousing non deve basarsi su un mero risparmio economico, anche perchè spesso i costi sono superiori, ma è necessario essere consapevoli del miglioramento della qualità della vita.

Inoltre questo tipo di soluzione progettuale prevede il totale rispetto dell’ambiente, con la ricerca di soluzioni architettoniche ed energetiche all’insegna della qualità.

La collocazione, l’esposizione, la forma, la scelta dei materiali e la distribuzione degli spazi devono rispondere a standard energetici di alto livello.

Nel mondo è gia dalla fine degli anni ’70 e prima che ci troviamo davanti ad alcune realtà di cohousing già consolidate, mentre in Italia è da pochi anni che questa realtà sta’ prendendo piede come una nuova scelta di vita.

Esempio di cohousing nel mondo - Pinakarri Community - Hamilton Hill- Australia esempio di cohousing nel mondo - Swan's Market - Oakland - California

Il cohousing è la nuova frontiera del risparmio economico ed energetico fusi in un unico concetto per poter rispondere alle problematiche ambientali e sociali moderne.

Potrebbero interessarti anche:

    None Found

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.



Altri articoli di giardinaggio che potrebbero incuriosirti:

L'eolico mini: tutti gli elementi per valutarne l'installazione nelle vostre case
l'energia eolica per i privati:impianti,stime e costi.
L'Edificio Bioclimatico
La progettazione bioclimatica è fondamentale per lo sviluppo di un edificio in grado di relazionarsi correttamente rispetto alle condizioni climatiche...
Comfort degli ambienti confinati ed efficienza energetica
L'efficienza energetica è molto importante per garantire condizioni buone di vivibilità degli spazi interni senza utilizzare risorse eccessive. Esisto...
I colori dell'arcobaleno in città: la filiale della SHINKIN SUGAMO BANK
La nuova filiale di Shimura della Shinkin Sugamo Bank a Tokyo, è un complesso architettonico che merita assolutamente qualche cenno. Si tratta ...
Villa VPRO a Hilversum, Olanda.
La Villa VPRO è un esempio molto interessante di architettura dinamica e composizione spaziale. Di seguito vengono approfondite alcune caratteristiche...
Un edificio ad impatto zero in Africa: la nuova sede dell'Unep
Oggi vi voglio parlare di un grande progetto concluso e inauguratosi nel marzo 2011. E' il più grande edificio ad impatto zero in Africa e cost...
Biblioteca Nazionale di Francia di Dominique Perrault
Analizziamo le caratteristiche dell'intervento di Perrault per la Biblioteca Nazionale francese, uno dei progetti più interessanti del panorama archit...
Grattacieli nel mondo SOSTENIBILI: la tecnologia guarda verso l'alto
L'edilizia contemporanea, soprattutto quella delle grandi star dell'architettura, trova nei grattacieli il giusto connubio tra modernità e stravaganza...