I colori dell’arcobaleno in città: la filiale della SHINKIN SUGAMO BANK

Filed under: Architettura,Architettura Moderna |
colori dell' arcobaleno

I colori dell'arcobaleno

La nuova filiale di Shimura della Shinkin Sugamo Bank a Tokyo, è un complesso architettonico che merita assolutamente qualche cenno.

Si tratta di uno di quei casi dove l’architettura contemporanea si mostra per la sua qualità e non solo per gli eccessi. La forma, oltre ad essere innovativa ed accattivante, è stata studiata nei minimi particolari, per un risultato finale eccezionale.

La filiale di Tokyo è stata commissionata dalla compagnia bancaria allo studio Emmanuelle Moureaux Architecture + Design.

Lo studio è già conosciuto per le sue opere spettacolari e colorate, ma per una banca, solitamente austera e presentata in modo rigido e classico, è una piacevole novità.

Ma cerchiamo di capire il progetto, dal Concept alla sua realizzazione.

Concept

Il concept è sicuramente l’elemento cardine dell’intero progetto. La Shinkin Sugamo Bank, ha un ideale fondamentale che doveva essere espresso anche nell’aspetto architettonico dell’intero edificio.

Il motto principale della banca è “we take pleasure in saving happy customers!” che significa “Abbiamo il piacere di servire clienti felici!”

Proprio per questo motivo, la committenza desiderava realizzare una banca capace di accogliere il cliente, mettendolo a proprio agio sin dal suo arrivo, accompagnandolo verso l’interno e infondendogli tranquillità e fiducia.

Progetto razionale ma colori sgargianti

Per infondere questa sensazione di quiete, il team di progettazione, ha deciso di realizzare qualcosa di semplice, funzionale e che allo stesso tempo fosse in grado di risultare un progetto brillante.

I 12 lastroni a sbalzo verniciati con colori sgargianti e fluorescenti

La banca ha una forma tutto sommato razionale, geometrica, minimal, ma nasconde delle sorprese assolutamente accattivanti.

Approdando davanti alla sua facciata principale, si viene immediatamente travolti da un’esplosione di colori che rimbalzano e si riflettono sulla superficie dell’intero complesso.

L’edificio infatti si compone di un blocco geometrico dal quale “nascono” 12 lastroni a sbalzo verniciati con colori sgargianti e fluorescenti, che si riflettono in modo diffuso sul blocco, creando un gioco luminoso molto suggestivo.

Durante la notte un’illuminazione lieve e omogenea, mantiene la suggestione e l’effetto arcobaleno.

Un arcobaleno di colori anche all’interno

Ma non finisce qui; se il motto della banca mette al primo posto la felicità del cliente, diventa importante analizzare anche gli interni, la qualità dell’attesa, la fruibilità degli spazi e la vivibilità degli ambienti.

Quando si accede all’interno della filiale, infatti, non si può fare a meno che stare con il naso all’in su e notare una luce diffusa molto piacevole che pervade gli ambienti, donando un tono di relax inconsueto per una banca.

Esternamente, infatti, non si ha la sensazione di una grande illuminazione interna, in quanto non c’è una forte presenza di superfici vetrate, che anzi sembra quasi assente.

Entrando, invece, ci si rende conto della presenza di 3 lucernari che permettono l’ingresso di una luce morbida.

Le pareti chiare poi, aiutano l’illuminazione naturale.

Se si guarda verso l’alto, la sensazione è quella di essere avvolti dalla volta celeste; insomma è tutto studiato, per sembrare quasi etereo.

Per quanto riguarda l’aspetto funzionale, la filiale è così suddivisa: al 1° piano fuori terra c’è la suddivisione classica di una banca con la presenza di ATM, sportelli bancari ed uno spazio aperto d’atteso, il tutto scandito da 14 colori differenti, atti a movimentare lo spazio.

Al 2° piano fuori terra sono stati collocati gli uffici, le sale riunioni ed una caffetteria per pause relax.

Il 3° piano fuori terra è poi un piano riservato al personale della banca, con la presenza anche di alcuni spogliatoi.

Penso che se tutte le banche fossero così, la gente sarebbe un po’ più tranquilla nel recarsi all’interno.

Come ben si sa, la cromoterapia, gli studi della luce e la distribuzione corretta di funzione e spazi, sono aspetti fondamentali per evitare stress inutili che provocano una pessima qualità di vita, soprattutto nelle grandi metropoli.

Potrebbero interessarti anche:

    None Found

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.



Altri articoli di giardinaggio che potrebbero incuriosirti:

Bioarchitettura, l’architettura consapevole
La bioarchitettura è una disciplina che si occupa di individuare il giusto equilibrio tra il benessere di chi vive in una casa e la salute dell’ambien...
Architettura Industriale: Aree Produttive Ecologicamente Attrezzate
Dagli anni Settanta, con l’avvento dei primi rapporti mondiali sull’ambiente il concetto di sviluppo sostenibile ha cominciato ad influenzare le conce...
RESTRUCTURA 2010: salone interamente dedicato all’edilizia
Come ogni anno, si svolgerà a Torino Restructura, evento che coinvolge a 360° il settore dell’edilizia. Le date dell'evento previste per quest'...
Metodi di raffrescamento passivo per gli edifici.
La progettazione architettonica consapevole contempla certamente l'analisi e lo studio di sistemi in grado di interfacciarsi correttamente in relazion...
Una scatola magica per il Deposito Europeo di Design a Klagenfurt, Austria.
Il deposito di design è un particolare progetto che ospita uffici e spazi espositivi caratterizzato da un insieme di volumi puri. Cerchiamo di capire ...
Tecnologia e natura nel Dutch Pavillion per l’Expo 2000 ad Hannover
Questo edificio fu realizzato per l’Expo 2000 che si è svolto nella città tedesca e costituisce l’immagine e lo sviluppo concreto di una serie di cons...
Wiel Arets: biblioteca dell’Università ad Utrecht, Olanda.
Approfondiamo le caratteristiche dll'intervento promosso da Wiel Arets per la biblioteca di Utrecht in Olanda, che si configura come un edificio molto...
Herzog & de Meuron: la fondazione Laurenz a Basilea.
L'edificio di Herzong & de Meuron è un episodio importante dell'architettura degli spazi museali: cerchiamo di capire perchè.