Computer Science And Engineering Building: ricerca e sostenibilità

Questo edificio che ospita un centro di ricerca e automazione è stato realizzato nel 2001 all’interno dell’università di York nell’Ontario in Canada.

L’università di York ha promosso politiche di sostenibilità ambientale per la realizzazione di questo edificio già ai tempi della sua progettazione. L’edificio ospita il dipartimento di  ingegneria informatica con laboratori, sale studio e uffici.

Il complesso è posizionato a nord della città di Toronto con temperature invernali piuttosto rigide che scendono oltre i 15 gradi sottozero e temperature durante la stagione estiva che superano i 25 gradi centigradi.

Nel 2001 l’edificio ha vinto (con la Druk White Lotus School in India) il premio Arup World Architectural Award come miglior edificio sostenibile.

Nel 2002 ha ricevuto il Consulting  Engineers of the  Canada  Award of Excellence, la medaglia per l’architettura del governo canadese.

Il Computer Science And Engineering Building

Computer Science And Engineering Building

Computer Science And Engineering Building: particolare ambienti interni del dipartimento di informatica.

L’edificio è stato progettato dallo studio Busby and Associati of Vancouver and Architects Alliance di Toronto.

L’edificio ha pianta rettangolare di circa 67×30 metri orientato lungo l’asse principale della griglia (asse nord sud) all’interno del campus esistente dell’università. L’edificio si sviluppa su quattro piani: basamento, piano terra e due piani fuori terra.

Lo spazio dedicato alla sala congressi è piuttosto esteso (circa 950 posti a sedere) ed è posizionato nella porzione sud-est.

La pianta dell’edificio è caratterizzata per la presenza di uno spazio circolare come atrio (che regola l’accesso di luce e vento) e nella zona nord est sono posizionati gli uffici.

I grandi laboratori dotati di strumentazione informatica sono posizionati lungo la facciata ovest a piano terra e sui piani superiori.

I serramenti sono dotati di doppi vetri (a taglio termico) per consentire una maggiore efficienza.

L’edificio è realizzato in cemento armato e sono presenti numerose aperture vetrate per consentire l’accesso di aria e radiazione solare (durante il periodo invernale che è piuttosto rigido).

Nella zona degli uffici sono state previste delle vetrate correttamente orientate verso nord(lato ovest) per consentire una maggiore illuminazione naturale diffusa degli spazi interni.

Gli uffici che invece sono stati posizionati lungo il lato est hanno un sistema simile ma l’orientamento volge verso sud-sud-est per ricevere e catturare l’irraggiamento solare che proviene da est durante la mattina.

L’aria è raffrescata attraverso un sistema di condotti sotterranei posizionati al di sotto del basamento e all’interno della sala lettura e congressi è attivo un impianto di ventilazione meccanica.

Questionario di valutazione dell’efficienza dell’edificio

Vista esterna del dipartimento.

Vista esterna del dipartimento.

La valutazione complessiva mediante il questionario basato su una scala percettiva è riferito all’intero staff che occupa abitualmente il dipartimento e un campione di studenti.

L’edificio è occupato stabilmente da un certo numero di lavoratori (composti per il 36% da donne e per il restante 64 % da uomini) che vi lavorano 5 giorni alla settimana circa 7 ore al giorno.

La percentuale di under  30 è pressoché identica a coloro che superano i trenta anni di età e la maggior parte delle persone (oltre l’80 %) lavora nel dipartimento da più di un anno.  Dei 94 studenti che hanno compilato il questionario di valutazione il 70 % utilizza il dipartimento da più di un anno circa 4 giorni a settimana per 4 ore al giorno (di cui 3 spese davanti allo schermo del computer).

I responsi del questionario sono abbastanza positivi per quanto riguarda l’immagine, lo spazio e l’organizzazione del lavoro così come per i valori percepiti di temperatura e umidità dell’aria.

Ci sono dei problemi per quanto riguarda l’apporto di luce solare naturale e artificiale che in alcuni casi disturba l’utilizzo degli apparecchi elettronici e che deve essere maggiormente calibrata e controllata.

Così come la ventilazione naturale e meccanica e il livello di rumore all’interno del dipartimento è giudicato spesso eccessivo.

L’aria durante i periodi estivi è percepita fresca e senza odori ma sia durante il periodo estivo che in quello invernale la temperatura interna è troppo bassa.  Anche dal punto  di vista della salubrità degli ambienti ci sono spesso dei pareri non positivi da parte di una buona parte dei fruitori dell’edificio. (I dati del questionario di valutazione sono tratti da ” Users’ perceptions of health and productivity in sustainable buildings di Baird, G. and Oosterhoff, H.”)

Riepilogando l’edificio preso in considerazione è considerato globalmente efficiente a parte alcuni parametri da rivalutare in relazione anche alla destinazione d’uso dell’edificio e alla massiccia presenza di impianti, sistemi elettronici e all’esigenza di mantenere un adeguato livello di comfort acustico per permettere di svolgere in maniera efficace lo studio e le ricerche.

Potrebbero interessarti anche:

    None Found

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.



Altri articoli di giardinaggio che potrebbero incuriosirti:

Le serre solari: progettare sostenibile
L'architettura moderna si sta' sviluppando mettendo in primo piano l'uomo, l'edificio e l'ambiente. Le caratteristiche climatiche del luogo in ...
Il potere evocativo dell’olfatto in architettura
Architettura come testimonianza L’architettura di tutte le epoche è una testimonianza culturale, è storia che vive accanto a noi e svetta con le sue ...
Il controllo ambientale in architettura. Parte terza
Concludiamo il breve excursus sulle evoluzioni delle tecniche di controllo ambientale attraverso alcune riflessioni su alcuni possibili scenari di rif...
High Line: un esempio tra metropoli e natura a New York
Progetti impossibili che diventano concreti: questa è New York. Tutto ciò è possibile grazie all’impegno collettivo. E questo è anche il caso della Hi...
Cambio di regole al catasto: nuove norme per il mercato immobiliare
Per quanto riguarda le compravendite nel mercato immobiliare le regole cambiano. Senza una pianta aggiornata dell’appartamento oggetto di compravendit...
Sanatoria al Catasto. Proroga dei termini per le regolarizzazioni: il Governo è favorevole
In prossimità della scadenza fissata per fine 2010 ecco che si presenta l’ennesima proroga. Si tratta infatti di una proroga di un anno, quindi fino a...
Monumento alle vittime dell’Olocausto di Eisenman a Berlino
Il progetto per il memoriale di Berlino per le vittime della persecuzione nazista è un progetto molto interessante per la sua capacità di intendere qu...
Progetto Eden in Cornovaglia di Nicholas Grimshaw
Il progetto Eden è un complesso di serre che ospita vegetali appartenenti al bioma mediterraneo e tropicale: cerchiamo di capire le caratteristiche de...