Detrazioni 55%. La telenovela continua: approvato nuovo emendamento proroga

Filed under: Edilizia e Costruzioni |
Legge stabilità 2011

Legge stabilità 2011

La telenovela continua e ci sembra sempre più evidente che il Governo non si è ancora pienamente chiarito le idee sulla sorte delle detrazioni del 55%. Pare sia stato approvato a conferma di questo tira e molla un emendamento dell’ultima ora che andrà ad integrare il ddl di stabilità. Pare infatti sia confermata la presenza della detrazione del 55% oltre il 2010. Esiste però una novità che riguarda l’ammortizzare dei costi: la diluizione della detrazione non avverrà più in 5 anni, come previsto fino a fine 2010,  ma bensì in 10 anni.

Ecco uno stralcio dell’emendamento approvato

Il passo successivo, o meglio la prossima puntata, avverrà all’approvazione definitiva in senato della legge di stabilità.

Per dovere di cronaca vi riportiamo il testo dell’emendamento approvato: “Art. 1 Comma 47-bis. Le disposizioni di cui l’articolo 1, commi da 344 a 347, della legge 27 dicembre 2006, n. 296, si applicano, nella misura ivi prevista, anche alle spese sostenute entro il 31 dicembre 2011. La detrazione spettante ai sensi del presente comma è ripartita in dieci quote annuali di pari importo. Si applicano, per quanto compatibili, le disposizioni di cui all’articolo 1, comma 24, della legge 24 dicembre 2007, n. 244, e all’articolo 29, comma 6 del decreto-legge 29 novembre 2008, n. 185, convertito, con modificazioni, della legge 28 gennaio 2009, n.2.”.

Detrazione fiscale

Detrazione fiscale

Soddisfazione speriamo duratura

Ovviamente enorme la soddisfazione di chi è coinvolto per primo, tra tutti, l’Uncsaal che aveva già manifestato nei giorni passati il proprio disappunto nei confronti dell’iniziale idea di interrompere la detrazione. Il cambiamento di rotta è assolutamente positivo e risponde alle migliaia di richieste  di proroga giunte al Governo e agli organi parlamentari principalmente da costruttori, progettisti e operatori del settore, ma anche da istituzioni locali e semplici cittadini.

Credo sia presto per mettere la parola fine a questa vicenda. Facendo il conto dei danni che questa decisione tardiva sta già arrecando a svariati settori non possiamo far altro che rimanere in attesa per ulteriori sviluppi e soprattutto conferme.

Potrebbero interessarti anche:

    None Found

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.



Altri articoli di giardinaggio che potrebbero incuriosirti:

Serramenti e vetri: quando la dispersione termica può essere ridotta
La sostituzione dei serramenti e dei vetri sono delle scelta che offrono grandi vantaggi in termini di risparmio energetico. La spesa da affrontar...
Il controllo ambientale in architettura. Prima parte.
L'architettura e l'ambiente sono un binomio che ha caratterizzato le costruzioni per molto tempo. Cerchiamo di capire quali siano i caratteri fondamen...
La progettazione del verde urbano
In questa breve trattazione ho semplificato e introdotto alcuni concetti cari ad un approccio consapevole, integrato e di qualità rispetto ai temi del...
Detrazione 55% per il risparmio energetico: l'Ecobonus ritorna per il 2011
Dopo mesi di dubbi ed incertezze finalmente è arrivata la conferma definitiva: il bonus del 55% per la riqualificazione energetica delle abitazioni co...
ENERGIA in MOVIMENTO: il Centro Ricreativo Marino a Steinhude
Il progetto per la struttura ricreativa marina a Steinhude rappresenta un alto livello di progettazione sostenibile attraverso una serie di interventi...
London City Hall di Norman Foster
La city hall di Londra è un esempio interessante di edificio sostenibile applicato alla progettazione di un edificio per uffici.
Il padiglione di Barcellona di Mies
Il progetto per il padiglione di Barcellona è uno dei progetti di architettura più importanti della storia dell'architettura moderna. Cerchiamo di app...
Studi di settore 2012: vantaggi o svantaggi?
Siamo in periodo di dichiarazione dei redditi, per la maggior parte dei professionisti italiani questo coincide anche con la presentazione degli studi...