Detrazioni fiscali in edilizia: cambiamenti e novità per chi ristruttura

Filed under: Edilizia e Costruzioni,Normativa |

Recuperare un’immobile, realizzare delle migliorie energetiche, continua ad essere una decisione conveniente, anche in base al decreto del 22 giugno 2012 n.83, varato dal Governo Tecnico, che prevede detrazioni fiscali relativamente invitanti.

L’intento dello stato è quello di risanare una condizione fatiscente degli immobili e di incentivare inteventi migliorativi dal punto di vista energetico.

Ristrutturazioni: detrazioni fiscali 50%

Detrazioni fiscali ristrutturazioni

Detrazioni fiscali ristrutturazioni

Per fare ciò lo Stato prevede che le detrazioni fiscali per gli interventi di ristrutturazione edilizia, prima ad una percentuale del 36%, siano ora del 50%, consentendo di detrarre somme fino a 96.000 euro per unità immobiliare, a confronto dei 48.000 euro precedenti.

Il decreto per lo sviluppo e la crescita, divenuto da poco legge, prevede inoltre che tutte le spese effettuate prima del 26 giugno 2012 seguano il criterio della detrazione al 36 %, mentre tutto ciò che è stato pagato dal giorno dopo possa seguire la detrazione del 50%.

Si prevede poi che dal 30 giugno 2013 le detrazioni tornino al 36%.

E’ molto importante essere attenti rispetto la data, soprattutto per chi ha operato delle ristrutturazioni e dei recuperi in quel periodo, in modo da poter usufruire delle detrazioni correttamente.

Esempio pratico

Per far comprendere meglio ciò che sto dicendo è utile proporre un esempio.

Poniamo che si siano effettuati dei lavori di ristrutturazione con spese pagate antecedenti alla data utile.

La spesa massima detraibile è di 48.000 euro con un recupero decennale di 17.280 euro.

Per chi invece ha effettuato pagamenti dopo il 26 di giugno può detrarre il 50% delle spese con un tetto massimo di 96.000 euro e fino al 30/06/2013, riuscendo a recuperare un importo totale diluito in dieci rate annuali di 48.000 euro (4.800 euro anno).

Detrazioni Risparmio Energetico 55%

Detrazioni Risparmio Energetico 55%

Detrazioni Risparmio Energetico 55%

Per quanto riguarda le detrazioni al 55% relative alla riqualificazione energetica degli edifici ( a differenza di quanto stabililto inizialmente prevedendo di farle scendere al 50% dal primo gennaio 2013 al 30 giugno 2013) sono state prorogate al 30 giugno 2013. Al termine di questo periodo, come nel precedente caso descritto, il valore decrementerà tornando al 50%.

E’ importante quindi sfruttare al meglio il periodo in modo da poter usufruire delle agevolazioni maggiori.

Ottenere le detrazioni

Di fondamentale importanza è il metodo previsto dall’Agenzia delle Entrate per dichiarare tali lavori, usufruendo successivamente delle differenti agevolazioni.

 detrazioni fiscali 50%

Detrazioni fiscali 50% per le ristrutturazioni

E’ importante che tutte le spese avvengano tramite bonifico postale o bancario e questo sia munito di CAUSALE, C.F del beneficiario della detrazione e P.IVA o C.F del ricevente di tale pagamento.

Per quanto riguarda invece la detrazione energetica è importante essere muniti della CERTIFICAZIONE ENERGETICA dell’immobile che deve essere inviata all’ENEA.

Per quanto riguarda le detrazioni fiscali al 50% (in precedenza del 36%), ad oggi è necessario solamente inserire i dati catastali dell’immobile all’interno della DICHIARAZIONE DEI REDDITI;

Per avere idee più chiare e non sbagliare è possibile fare riferimento alla circolare 19/E/2012 che dichiara i documenti che il contribuente dovrà conservare per un numero specifico di anni.

Per ulteriori informazioni e chiarimenti sulle modalità e sui documenti da trasmettere non dimenticatevi di Leggere attentamente le informazioni presenti sul sito dell’Agenzia delle Entrate e all’interno del sito internet dell’Enea, nell’area apposita relativa il Decreto Sviluppo.

Potrebbero interessarti anche:

    None Found

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.



Altri articoli di giardinaggio che potrebbero incuriosirti:

Architettura Industriale: Aree Produttive Ecologicamente Attrezzate
Dagli anni Settanta, con l’avvento dei primi rapporti mondiali sull’ambiente il concetto di sviluppo sostenibile ha cominciato ad influenzare le conce...
Aerodinamica degli edifici: brevi considerazioni
Gli effetti del vento sono importanti al fine degli sviluppi progettuali in termini strutturali e di benessere degli ambienti. Cerchiamo di capire bre...
Il potere evocativo dell’olfatto in architettura
Architettura come testimonianza L’architettura di tutte le epoche è una testimonianza culturale, è storia che vive accanto a noi e svetta con le sue ...
Metodi di raffrescamento passivo per gli edifici.
La progettazione architettonica consapevole contempla certamente l'analisi e lo studio di sistemi in grado di interfacciarsi correttamente in relazion...
Protezione dal gas RADON negli edifici bioclimatici
Il radon è un gas radioattivo proveniente dal sottosuolo. Cerchiamo di capire quale sia la pericolosità di queste sostanze e quali siano le possibilit...
Solarsiedlung a Friburgo: un quartiere nel sole.
Il quartiere Solarsiedlung è un progetto veramente efficace di architettura sostenibile: cerchiamo di capire perchè.
Un edificio ad impatto zero in Africa: la nuova sede dell'Unep
Oggi vi voglio parlare di un grande progetto concluso e inauguratosi nel marzo 2011. E' il più grande edificio ad impatto zero in Africa e cost...
La Casa del Futuro: una casa domotica a risparmio energetico
Il futuro nasconde moltissime sorprese dietro l'angolo, una di queste è la ricerca di una casa super efficiente in grado di soddisfare le esigenze sem...