NON PIU’ LA DIA MA LA SCIA

Il ministero per la semplificazione normativa in data 16 settembre 2010 ha sostituito la DIA (Dichiarazione di Inizio Attività) con la SCIA (Segnalazione Certificata di Inizio Attività).

la SCIA per inizio lavori

La SCIA porterà ad uno sveltimento dell'inizio lavori

La semplificazione normativa risponde ad una logica di riduzione degli oneri amministrativi soprattutto per quanto riguarda il privato, consentendo di iniziare i lavori dalla data di presentazione della segnalazione alle amministrazioni locali di competenza.

In questo modo non sarà più necessario attendere i 30 giorni previsti dalla procedura precedente.

Nel caso in cui si riscontri una carenza di requisiti nel progetto e nella sua realizzazione, l’amministrazione locale ha 60 giorni di tempo dalla ricezione della segnalazione per adottare eventuali provvedimenti che possono arrivare sino al divieto di prosecuzione dei lavori.

Passati i 60 giorni vale la regola del silenzio-assenso a meno che non si riscontrino problematiche dannose per la salute e/o la pubblica sicurezza.

La nuova norma richiede espressamente che alla segnalazione di inizio attività vengano allegate le “attestazioni e osservazioni di tecnici abilitati” con gli elaborati grafici e progettuali necessari per consentire eventuali verifiche successive di competenza dell’amministrazione.

la scia al posto della dia

Lo sveltimento procedurale per un'ottimizzazione dell'organizzazione di cantiere

Il nuovo articolo 49 commi 4-bis e seguenti della legge n.122 del 2010 sostituisce direttamente, dall’entrata in vigore della legge di conversione quella della “dichiarazione di inizio attività” presente in tutte le normative statali e regionali.

La sostituzione non è sempre automatica in quanto la SCIA non viene fatta nei casi di interventi edilizi soggetti a permesso di costruire che, invece, possono essere realizzati con la DIA.

Come nella DIA preliminarmente all’avvio dell’attività edilizia è necessari presentare una relazione dettagliata con la firma di un progettista abilitato e degli elaborati progettuali che attestino l’osservanza normativa del progetto da realizzare.

La disposizione della SCIA si applica nella materia edilizia mantenendo il campo applicativo della DIA.

In caso di intervento edilizio in zona sottoposta a vincolo, non può essere applicata la SCIA in quanto permane l’obbligo di acquisizione di dati e allegazione della segnalazione certificata dell’assenso dell’ente preposto a tutela del vincolo stesso.

cantiere edile

In caso di DIA effettuate precedentemente l’entrata in vigore della legge, dovrà applicarsi la disciplina legislativa precedente salvo che il privato decida di avvalersi degli effetti positivi della SCIA.

Molti vedono in questa semplificazione una possibile soluzione alla crisi economica nel settore dell’edilizia.

Sveltendo la parte burocratica, molti problemi dettati dall’attesa, possono essere risolti permettendo al progettista di avere un lavoro continuativo e senza causare continue interruzioni dettate dalla legislazione.

Allo stesso modo il Ministero per la semplificazione normativa, mantiene la possibilità di effettuare controlli mirati, in modo da non creare delle situazioni di “inquinamento” edilizio che provocherebbe problematiche gravi e situazioni di difficile ritorno.

Potrebbero interessarti anche:

    None Found

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.



Altri articoli di giardinaggio che potrebbero incuriosirti:

Le murature storiche in pietra: manodopera e modalità di esecuzione.
La speculazione in edilizia ha cancellato secoli di sapiente maestria nella lavorazione della pietra, vediamo come si doveva costruire un muro in piet...
Il benessere acustico.
Il comfort acustico è un requisito fondamentale per la vivibilità e la qualità degli ambienti in cui viviamo. Vediamo in sintesi quali sono gli aspett...
Architettura sostenibile: i Tree Hotel nella Lapponia svedese
In Lapponia si sta sperimentando un nuovo modello abitativo. Gli architetti hanno studiato dei nuclei abitativi a metà strada tra un nido di uccello e...
Edifici multipiano in Legno Lamellare "PRES-LAM"
Ultimamente, anche in Italia, sta facendo leva un nuovo sistema costruttivo ecologico e antisismico, alternativo al ormai comune cemento armato. Qu...
Il sistema costruttivo a secco: bioedilizia nelle costruzioni
Che cos'è il sistema costruttivo a secco? Da un po' di tempo a questa parte, anche in Italia, si contrappone alle tradizionali tecniche costruttive, ...
Una piscina pubblica nella roccia: la Piscina Itakeskus a Helsinki
La piscina Itakeskus a Helsinki ha una peculiarità straordinaria: è ricavata all'interno di una collina. Cerchiamo di capire alcuni aspetti di questo ...
Casa di Paglia: un primo esempio urbano dalla Capitale
La sostenibilità ambientale rappresenta un nuovo stimolo progettuale, che consente di riflettere, discutere ed ottenere grandi risultati in campo edil...
Base di gara: il ritorno temporaneo delle tariffe dopo il decreto Liberalizzazioni
Come è noto a tutti i professionisti il decreto sulle liberalizzazioni ha da poco abrogato ogni tipo di tariffa professionale. Forse si è trattato di ...