Una discoteca a Barcellona, il Gran Velvet

Il Gran Velvet sorge su un’area di 80 x 60 metri a Montigalà, un centro commerciale nella periferia di Badalona, una città facente parte dell’area metropolitana di Barcellona.

Di tratta dunque di una serie di spazi per il divertimento, essenzialmente frequentato per la presenza di una grande discoteca e una sala concerti. Le funzioni e l’articolazione spaziale hanno una forte relazione caratterizzata da una strana complicità, in linea con le attitudini contemporanee del divertimento.

L’architetto che si è occupato del progetto è Alfredo Arribas che lo ha sviluppato insieme a Miguel Morte, una figura di spicco per quanto riguarda la new wave del design che si è fatta largo nella capitale della Catalogna negli anni ’80 del secolo scorso. Miguel Morte essenzialmente si occupa del design di interni, bar e club concepiti come punti vendita. Il ristorante Network, progettato in collaborazione con Eduard Samso, i bar Gambrinus e Las Torres de Avila progettati in collaborazione con Javier Mariscal e in particolare l’intervento del Gran Velvet sono o erano essenzialmente tra i locali più frequentati della città.

Il progetto della discoteca

Il progetto è stato concepito come un sistema che lavorasse a grande scala, in uno spazio molto vasto. L’area interessata dall’intervento è essenzialmente piana, con una leggera pendenza a sudest. L’edificio è collocato al centro del complesso che comprende spazi per l’accesso e aree parcheggio. L’immagine percepita all’esterno è quella di un unico volume, un grande contenitore di colore grigio con un elemento di forma cilindrica che lo sormonta, un chiaro riferimento all’architettura dei complessi industriali.

discoteca a Barcellona

Vista esterna del complesso della discoteca Gran Velvet.

La copertura è inclinata nella direzione opposta rispetto al terreno e sviluppa una protrusione verso il lato nord-ovest dove è collocata l’entrata principale per formare una pergola in acciaio che sfiora il terreno.

L’involucro è totalmente opaco e si sviluppa su tutti i lati in maniera essenzialmente identica; la forma risultante è simile ad una immensa vasca da bagno senza angoli acuti e avente una sezione inclinata.

Il basamento

Il basamento invece presenta un involucro verticale e la linea di tracciamento che si vede esternamente indica il cambio di livello interno.

A sinistra dell’ingresso e in posizione decentrata rispetto al piano terra c’è una grande apertura a forma ellittica che ospita il passaggio di una grande scala e di una rampa che permette l’ingresso alla discoteca.

Il cilindro

L’elemento cilindro provvede ad una grande varietà di effetti luminosi e alla ventilazione che è garantita attraverso un sistema costituito da sei portelli che possono essere aperti manualmente o automaticamente mediante dei pistoni idraulici.

Il centro della sala da ballo coincide con l’asse longitudinale del piano terra e ospita il club privato, all’interno del quale c’è una riproduzione del vecchio Velvet.  Altri volumi cilindrici fluttuano attorno ad esso come piccoli satelliti. In un lato un ascensore e una scala a spirale porta nei camerini del club privato e nell’ufficio; nell’altro lato alcune scale portano alla piattaforma dove stazionano i dj.

Vista degli interni della discoteca Gran Velvet.

Vista degli interni della discoteca Gran Velvet.

La struttura secondaria, ovvero il cilindro verticale e le rampe, sviluppano verticalità in contrasto con un sistema essenzialmente orizzontale e molto chiuso, quasi come una conchiglia.

Questo avviene anche tra i due cilindri posizionati a piano terra che contengono la struttura portante e la grande apertura ellittica presente.

La continuità dell’ellisse è rotta nel lato nord-ovest da una alternanza di pannelli ondulati metallici in corrispondenza dei camerini presenti a piano terra.

Gli spazi che ospitano i bar sono disposti perimetralmente lungo tre lati dell’edificio lasciando nel quarto lato (lungo il lato sud-est) lo spazio per le uscite.

Il progetto dunque ospitando luoghi prevalentemente utilizzati durante le ore notturne prende vita la notte, divenendo colorato e immerso nella luce e si costituisce come uno dei principali punti di attrazione per i giovani nella notte della Catalogna.

Potrebbero interessarti anche:

    None Found

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.



Altri articoli di giardinaggio che potrebbero incuriosirti:

Alcune riflessioni sul funzionalismo.
Si tratta di un breve approfondimento sul dibattito funzionalista; sono riportati alcuni spunti di riflessione e accenni storici per cercare di capire...
Il benessere acustico.
Il comfort acustico è un requisito fondamentale per la vivibilità e la qualità degli ambienti in cui viviamo. Vediamo in sintesi quali sono gli aspett...
Il controllo ambientale in architettura. Parte seconda.
Proseguiamo il percorso storico nell'analisi dell'evoluzione dei sistemi di controllo ambientale in architettura.
Il FOTOVOLTAICO del futuro si spalma e si ricicla
Siamo in un momento decisivo per il nostro paese (e forse anche oltre). Il pannello sul tetto che scotta desta l’attenzione di tecnici e ricercato...
Residenze per anziani WoZoCo apartments: una soluzione estrema ad un problema di spazio
Il trattamento della facciata e le scelte spaziali rendono l'edificio di Amsterdam, dello studio MVRDV, un progetto molto interessante.
Walt Disney Concert Hall, Los Angeles.
Un progetto di Frank Gehry fa sempre discutere nel bene e nel male: il suo estremismo plastico lo ha portato a consolidare la sua posizione di archite...
Il centro Galego di Arte Contemporanea
Tra le opere realizzate da Alvaro Siza, l'intervento per il Centro Galiziano di Arte Contemporanea si colloca tra i più interessanti. Approfondiamo al...
Formazione continua obbligatoria anche per gli architetti
Per molte categorie professionali la formazione continua e obbligatoria è già in vigore da tempo, per quanto riguarda gli Architetti si attende solo l...