Un edificio ad impatto zero in Africa: la nuova sede dell’Unep

L'Africa: il cuore pulsante dell'ambiente e della natura

Oggi vi voglio parlare di un grande progetto concluso e inauguratosi nel marzo 2011.

E’ il più grande edificio ad impatto zero in Africa e costituisce un esempio di ammirevole importanza a livello mondiale.

L’edificio in questione è la nuova sede dell’Unep “Programma delle Nazioni Unite per l’Ambiente” e di Un-Habitat “Programma delle Nazioni Unite per gli Insediamenti Umani”.

Il segretario generale dell’Onu Ban Ki Moon, ha dichiarato che il complesso è un modello di architettura sostenibile per l’Africa e non solo.

L’intento del progetto è quello di avere una struttura “amica dell’ambiente” capace però di rispondere al comfort ed alle esigenze lavorative interne.

Il segretario generale dell’Onu ha inoltre asserito che questo è l’esempio di come dovrebbe essere il futuro, perchè se la popolazione continua a crescere, diventerà sempre di più necessario provvedere alla realizzazione di progetti intelligenti come questo, in grado di massimizzare la capacità delle risorse naturali riducendo al minimo gli sprechi.

Ma vediamo insieme le caratteristiche intrinseche del progetto.

Il progetto prevede l’impiego del fotovoltaico

La componente chiave di questo progetto è il sistema fotovoltaico che fornisce tutta l’energia elettrica necessaria per far funzionare i personal computer, l’illuminazione e l’impianto di condizionamento. Per far fronte a questa richiesta energetica, sicuramente di un certo livello, sono stati previsti 6.000 metri quadrati di moduli fotovoltaici, composti più precisamente da 1620 moduli di Shott Solar in silicio policristallino e 2510 pannelli Kaneka in film sottile.

L’energia fotovoltaica è stata progettata dal General Contractor, il Gruppo Energiebau che ha sottolineato l’importanza del progetto che porta l’esempio di come le energie alternative non debbano essere un’esclusiva dei paesi ricchi, ma che invece possono essere una soluzione importante ed efficace per fornire energia a tutto il pianeta, nel massimo rispetto dell’ambiente.

Oltre al fotovoltaico tutto il progetto vuole essere eco-friendly, ad esempio i moduli fotovoltaici sono stati verniciati con sostanze ecologiche. Inoltre tutti i dispositivi di illuminazione sono a risparmio energetico, è previsto poi un sistema di raccolta dell’acqua piovana per usi non potabili e ovviamente dei sistemi di raccolta.

Tutto questo fa si che possa essere un vero e proprio esempio ecologico fondamentale per la crescita sociale ed economica dell’Africa.

La struttura è completamente immersa all’interno del contesto naturale africano e si compone di una serie di bassi fabbricati con coperture sfruttate al massimo per l’acquisizione energetica.

Diamo i numeri

E' il rispetto dell'uomo nei confronti della natura che garantirà la vita nel tempo

L’ultimo rapporto ambientale del Pianeta, stilato propri dall’Unep sui consumi energetici, ha identificato come gli edifici siano una delle principali fonti di dispendio energetico mondiale, in quanto rappresentano la causa principale di emissione di CO2 nell’atmosfera (l’IPPC – Intergovernmental panel on climate change, ha previsto per il 2020, 11 miliardi di tonnellate di emissioni di CO2) da aggiungere al resto dell’inquinamento.

L’edificio dell’Unep, proprio per il ruolo che ricopre e per l’importanza di sensibilizzare in primis il pianeta, ha deciso mostrare un vero e proprio risultato concreto traendone benefici. Proprio per questo motivo ha messo in funzione gli impianti nel febbraio 2011, prevedendo una produzione annuale di 750.000 Kwh ed evitando un’emissione di CO2 pari a 420 tonnellate.

Concludendo direi che si tratta di un progetto esempio di come l’uomo sia in grado di apportare benefici e aspetti positivi per l’uomo e per l’ambiente.

Potrebbero interessarti anche:

    None Found

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.



Altri articoli di giardinaggio che potrebbero incuriosirti:

L’ASFALTO SI NUTRE DI SMOG materiali fotocatalitici contro l’inquinamento
Combattere l’inquinamento è da molto tempo prerogativa di tutti, impegno gratificante ma oneroso delle amministrazioni, carta vincente ma diffic...
Fondi europei ed edilizia: il nuovo regolamento
Il nuovo regolamento europeo per l’ecoedilizia ha come volontà primaria quella di aumentare il sostegno tra gli stati membri per un ottimale utilizzo ...
Un progetto per tutti senza barriere architettoniche
Normalmente nelle fasi di sviluppo del progetto architettonico si seguono procedure standard per la progettazione degli spazi: ci si attiene dunque pi...
L'Edificio Bioclimatico
La progettazione bioclimatica è fondamentale per lo sviluppo di un edificio in grado di relazionarsi correttamente rispetto alle condizioni climatiche...
Un UOVO di STRUZZO come esempio di architettura sostenibile
Denominato Uovo di Struzzo, questo progetto è stato studiato dal Prof. Arch. Giuseppe Magistretti, come analisi di una forma complessa che possa usufr...
Città delle arti e delle scienze a Valencia
Il progetto per la città delle arti e delle scienze a Valencia ha rivoluzionato la città spagnola, rendendola meta turistica molto rinomata. Cerchiamo...
Dal restauro di una Villa Veneta nasce un favoloso "Relais Gourmand"
Villa Pampado è una Villa Veneta della  fine del XVII secolo, situata ad Oriago di Mira, che fu splendida dimora di Gregorio Barbarigo e di Mons. Fran...
Un progetto ecosostenibile di 6 piani
La nuova frontiera della bioarchitettura ha ormai invaso tutti i settori edilizi, dal privato al pubblico, presentandosi come il futuro dell'edilizia ...