L’eolico mini: tutti gli elementi per valutarne l’installazione nelle vostre case

turbina eolica di piccola taglia

turbina eolica di piccola taglia

Quando si parla di energia eolica spesso siamo soliti pensare alle grandi distese di paesaggio puntellato da altissime ed esili torri, riconducendo così l’installazione di questo tipo di energia pulita a vaste aree collinari o alle immense superfici acquee. Esistono invece due tipologie di impianti detti micro e mini eolico che sono turbine di piccola taglia le quali possono trovare collocazione nelle di campagna, in giardino o addirittura in un appartamento di città.

Il mini ed il micro eolico

Ma quali sono questi impianti?

Il MICRO EOLICO: potenza fino a 5 kW, installato di norma per soddisfare il fabbisogno di un nucleo familiare. I micro generatori sono ideali per l’utilizzo in siti caratterizzati da venti a velocità medio-basse, intorno ai 5 m/s.

MINI EOLICO: potenza tra 5 kW e 200 kW, ideale per scambiare o vendere elettricità.

E quali sono gli elementi da valutare per stabilire se è opportuna l‘installazione dell’eolico di piccole dimensioni?

Per prima cosa dobbiamo fare una stima dell’energia producibile.

Ma nel caso dei piccoli impianti eolici risulta troppo costoso effettuare delle campagne anemometriche di misurazione, per cui ci si affida agli “atlanti eolici”che potrete trovare e consultare on-line, come ad esempio quello realizzato dal Cesi (www.atlanteolico.cesiricerca.it).

La seconda valutazione da fare è la quantificazione di spazio disponibile. Infatti bisognerà avere un tetto o un giardino nel quale sia possibile installare la torre e la turbina e, soprattutto, l’area disponibile dovrà essere priva di ostacoli (altri edifici, vegetazione, costruzioni..) che possano far diminuire l’energia disponibile per la produzione elettrica.

Ricordiamo inoltre come la zona di turbolenza raggiunge un’altezza in genere circa doppia rispetto all’altezza dell’ostacolo.

micro e mini eolico

impianti come micro e mini eolico possono essere installati sul tetto della vostra abitazione

A che distanza dobbiamo installarli per evitare l’inquinamento acustico?

Per gli impianti da 1 kW di potenza le distanze devono essere sui 15-20 metri,in questo modo il rumore emesso dall’impianto non supererà quello di fondo dell’ambiente circostante. Nel caso dei generatori da 200 kW, la distanza minima tra l’impianto e l’edificio sarà di almeno 400-500 metri.

Quindi possiamo dire che da un punto di vista generale, per gli impianti mini-eolici è necessario trovare il giusto equilibrio tra due fattori: installare l’impianto sufficientemente lontano dagli edifici abitati per limitare l’inquinamento sonoro e ridurre l’interferenza dell’edificio con il vento, ma neanche così lontano da far lievitare i costi per la realizzazione della linea elettrica interrata.

Come scegliere turbine e torre?

turbine eolicoPer la scelta delle turbine è importante valutare anche la scelta del rotore, dal momento che, a parità delle altre caratteristiche, a piccoli incrementi del suo diametro corrispondono grandi incrementi dell’area spazzata, e di conseguenza, della potenza.

Per scegliere la torre bisogna considerare che qualche metro in più consente di sfruttare venti più potenti e regolari, aumentando la producibilità dell’impianto, e flussi d’aria meno disturbati da edifici, alberi e altri ostacoli.

I costi dell’eolico

E infine quanto costa l’installazione di impianti di piccola taglia?

L’installazione di un micro-impianto eolico, completo di tutti gli accessori indispensabili (inverter, quadri elettrici, etc.) comporta un investimento iniziale abbastanza oneroso (circa 3000/4000 euro, per kW installato, per impianti di taglia inferiore ai 10 kW).

costi eolicoTuttavia l’inserimento viene recuperato nel giro di pochi anni, grazie ai risparmi in fase di esercizio e agli incentivi. In linea generale vale la regola per cui al crescere della potenza installata diminuisce il costo per Kw installato. Infatti per un impianto da 10/20 kW il costo si aggira sui 2500 euro/kW, per impianti da 20 kW la spesa sarà 1500-2000 euro/kW e per impianti tra 20 e 200kW saremo sui 1000-1500 euro/kW.


Potrebbero interessarti anche:

    None Found

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.



Altri articoli di giardinaggio che potrebbero incuriosirti:

GIARDINI VERTICALI: case verdi e la natura si riappropria dei suoi spazi
Giardini in verticali  e case verdi ricoperte vegetazione I giardini verticali sono un nuovo concetto di vedere l’orto privato e pubblico. Realizz...
La sostenibilità in architettura
Il concetto di sostenibilità è di straordinaria importanza in relazione alla preoccupazione per il futuro delle prossime generazioni. Questo concetto ...
Fotovoltaico galleggiante: acqua e sole per produrre energia
Il problema delle energie rinnovabili Tocchiamo oggi, seppur sfiorandoli, argomenti caldissimi dell'attualità: le energie rinnovabili, la scarsa disp...
I materiali da costruzione nell'edilizia storica
I materiali nell'edilizia storica sono un elemento fondamentale sia a livello costitutivo del manufatto sia in funzione del loro valore storico-artist...
Progetto Eden in Cornovaglia di Nicholas Grimshaw
Il progetto Eden è un complesso di serre che ospita vegetali appartenenti al bioma mediterraneo e tropicale: cerchiamo di capire le caratteristiche de...
Agroenergie, tra bilancio Ambientale e bilancio Economico, il 27 Marzo a Bologna
Il 27 Marzo 2012 si terra a Bologna Agroenergie - tra bilancio Ambientale e bilancio Economico - dalla Normativa alla Redditività fino alle prospettiv...
Architettura e ambiente in 2 edifici ecocompatibili e ad efficienza energetica in Sardegna
Vi presentiamo un progetto molto particolare e interessante realizzato dallo studio Franzina + Partners Architettura in Sardegna, le Pebble Houses. I...
Crisi edilizia: i dati Istat sul 2012 confermano
I dati Istat  diffusi oggi 20/02/2013 ci confermano la crisi che sta attraversando nell'ultimo periodo il comparto edile. Crisi edilizia:  produzione...