Finestre ad energia solare

Il sole è una delle risorse gratuite più grandi di cui il nostro pianeta può usufruire.

I consumi dell’uomo hanno portato lentamente ad un degrado ambientale al quale, oggi, è necessario far fronte.

Scienziati, architetti e ingegneri ogni giorno spremono le loro menti,per trovare delle soluzioni alternative che possano sfruttare abbondantemente l’energia gratuita che il sole può trasmettere.

Attualmente la maggior parte dei prodotti in commercio prevedono l’utilizzo di pannelli fotovoltaici e solari per la produzione di energia elettrica e di acqua calda sanitaria.

Ma l’intenzione reale è quella di trovare delle alternative allo sfruttamento dei tetti delle case.

Via via che si procede con la ricerca, si sta’ cercando di disporre di soluzioni che possano sfruttare ad esempio l’involucro trasparente, rendendolo un elemento energeticamente attivo.

In questi anni sono già state realizzate una serie di tecnologie pensate per raccogliere energia solare e distribuirla in modo equilibrato all’interno dell’involucro edilizio.

 impianti fotovoltaici

Oggi, gli impianti fotovoltaici sono collocati sui tetti

Attualmente la scienza sta’ cercando di realizzare un nuovo tipo di pellicola, estremamente sottile, capace di assorbire l’energia solare trasformandola in energia domestica.

La struttura del film sottile e trasparente è a nido d’ape, in grado di catturare la radiazione solare.

Oggi ho deciso di presentarvi alcuni esempi di evoluzione tecnologica per la realizzazione di finestre ad energia solare.

IL NUOVO MATERIALE SOLARE

Gli scienziati del Department of Energy hanno realizzato un nuovo materiale trasparente in grado di assorbire la radiazione solare trasformandola in energia utile.

Il materiale sviluppato parte da un polimero in grado di sfruttare a pieno la nanotecnologia del carbonio.

materiale per energia solareIl risultato è una struttura molecolare a nido d’ape in grado di assorbile la luce solare, permettendo di ottenere una conducibilità elettrica.

Gli scienziati hanno dichiarato che si tratta del primo materiale creato dalla fusione di molecole di fullerene e semiconduttori, in grado di generare corrente elettrica.

Questa soluzione permetterà di avere finestre ad energia solare, al posto dei pannelli disposti attualmente sui tetti.

L’intenzione degli scienziati, è quella di continuare a studiare questo nuovo materiale in modo da trovare molteplici applicazioni nel campo edilizio e non solo.

LIGHTWAY

In realtà non è nato come un prodotto per essere distribuito a larga scala.

Si tratta, infatti, di una tesi di laurea svolta da un designer australiano.

celle fotovoltaiche trasparenti

Le lamelle emettono energia elettrica che genera luce

Il nome spiega in parte la sua funzione. Si chiama Lightway, si tratta di una persiana che immagazzina la radiazione solare durante il giorno e la rilascia di notte, fornendo illuminazione.

Secondo gli studi svolti dal giovane studente sono sufficienti quattro ore di  ricarica per produrre un’illuminazione pari a 60 watt.

Questa ricarica consente di avere luce per circa 6 ore e diminuisce di circa il 22% il consumo energetico di un’abitazione.

L’idea nasce dall’utilizzo di nuove tecnologie come gli OLED e tramite l’uso di celle fotovoltaiche trasparenti

La speranza del designer, è quella di ottenere il brevetto per poter realizzare il suo prodotto a scala mondiale.

Inoltre le lamelle che compongono il serramento, sono removibili. Il che vuol dire che possono anche essere utilizzate come torcia. La batteria di accumulo presente, permette di rimuovere la lamella, avendo un’adeguata autosufficienza energetica.

FINESTRA AD ENERGIA SOLARE PROGETTATA DAL MIT

Il MIT (Massachusetts Institute of Technology) ha realizzato delle finestre che concentrano la radiazione solare ai margini.

Lo studio verte verso l’uso di un concentratore solare in grado di catturare la luce trasformandola in energia.

Le celle solari sono state previste lungo i bordi della finestra e, grazie ad una miscela di coloranti, la luce solare viene attirata in quei punti, iniziano la produzione di energia.

Il tutto è gestito grazie allo sfruttamento di una serie di lunghezze d’onda differenti che assorbono l’energia e la mandano verso le celle solari poste ai bordi.

Dopodiché è possibile la produzione di energia elettrica.

LA FINESTRA AD ENERGIA SOLARE DI VELUX

LA FINESTRA AD ENERGIA SOLARE DI VELUXQuesta finestra utilizza l’energia solare per muoversi (apertura e chiusura) senza l’ausilio della corrente elettrica domestica.

Velux ha messo in commercio una finestra in grado di fornirsi energia elettrica. Ha previsto un telecomando a radiofrequenza che permette di organizzare i movimenti pre-installati nel serramento.

La produzione dell’energia elettrica è garantita dalla presenza di una piccola cella fotovoltaica disposta sul telaio esterno della finestra.

Una carica completa è in grado di gestire 300 operazione della finestra.
LA FINESTRA AD ENERGIA E’ un nuovo modo per rendere demotica la propria casa, senza sprechi futili.

Oltre all’energia elettrica prodotta dalla cella fotovoltaica, la finestra è in grado, tramite la presenza di un sensore, di percepire la pioggia.

In questo modo il sensore comanda la finestra, chiedendogli l’immediata chiusura.

Queste ricerche o in alcuni casi soluzioni, permetteranno di migliorare la qualità di vita, rispettando l’ambiente. Tutto è realizzato e pensato per essere sostenibile e privo di sprechi energetici.

Potrebbero interessarti anche:

    None Found

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.



Altri articoli di giardinaggio che potrebbero incuriosirti:

La scelta dei materiali da costruzione e la qualità di uno spazio
I materiali da costruzione spesso sono composti da elementi che se rilasciati in ambienti confinati possono produrre danni per la salute. Ma in che mo...
Il controllo ambientale in architettura. Parte seconda.
Proseguiamo il percorso storico nell'analisi dell'evoluzione dei sistemi di controllo ambientale in architettura.
RESTRUCTURA 2010: salone interamente dedicato all’edilizia
Come ogni anno, si svolgerà a Torino Restructura, evento che coinvolge a 360° il settore dell’edilizia. Le date dell'evento previste per quest'...
Funzionamento della serra bioclimatica come sistema di comfort abitativo
La serra bioclimatica è una tecnologia passiva per il controllo dei flussi termo igrometrici attraverso l’edificio e serve principalmente per migliora...
Progettazione delle parti trasparenti e controllo solare.
L'individuazione di soluzioni adeguate relative alla progettazione dei serramenti esterni consente notevoli miglioramenti per le condizioni climatiche...
Il problema amianto: una minaccia per la salute ancora estesa
Il problema dell'amianto grava sul territorio nazionale in modo ancora evidente. Per anni e ancora oggi, una politica soprattutto rivolta verso gli...
Base di gara: il ritorno temporaneo delle tariffe dopo il decreto Liberalizzazioni
Come è noto a tutti i professionisti il decreto sulle liberalizzazioni ha da poco abrogato ogni tipo di tariffa professionale. Forse si è trattato di ...
Cos’è la nuda proprietà e quanto conviene
La nuda proprietà di un immobile rappresenta il valore venale di questo, decurtato dell’usofrutto quindi dell’utilizzo del bene vita natural durante. ...