Fondi europei ed edilizia: il nuovo regolamento

Da pochi giorni ha preso il via Il nuovo regolamento europeo per le misure di finanziamento dell’efficienza energetica nell’edilizia.

Va considerato che gli strumenti finanziari attualmente rivestono un ruolo strategico per garantire la il passaggio verso l’efficienza dal punto di vista energetico e a basse emissioni di carbonio del settore edilizio europeo. Ed è proprio in questo contesto che si inserisce il nuovo regolamento per l’ecoedilizia.

I fondi esistono e c’è la necessità di farne uso

Migliorare l'efficienza energetica per uno sviluppo ecosostenibile

Migliorare l'efficienza energetica per uno sviluppo ecosostenibile

Il Parlamento e la Commissione dell’Unione Europea  hanno dato una spinta per lo snellimento e l’accelerazione l’iter per incoraggiare gli Stati membri a fare ampio uso dei fondi disponibili nel FESR, il Fondo Europeo di Sviluppo Regionale.

Attualmente infatti si può utilizzare fino al 4% delle quote totali nazionali del Fondo Europeo per lo sviluppo regionale, pari a 8 miliardi di euro, per migliorare l’efficienza energetica e l’uso delle energie rinnovabili nel settore edilizio, oltre al sostegno finanziario non limitato già disponibile per le energie sostenibili negli edifici pubblici e commerciali/industriali.

La volontà è quella di aumentare il sostegno agli Stati membri per favorire un uso ottimale e consono di tutti i fondi e finanziamenti disponibili che possano essere utili per creare un effetto leva di incentivo agli investimenti nel campo dell’efficienza energetica.

Sarà inoltre compito della Commissione di esaminare la possibilità di potenziare ulteriormente tutte le iniziative esistenti.

Tra queste in particolare l’iniziativa Città Intelligenti e l’uso del Bilancio Energia Intelligente Europa II,  utili entrambi per condividere le conoscenze e per fornire assistenza tecnica per istituire fondi nazionali rinnovabili.

Le specificità del nuovo regolamento: occhio di riguardo per piccole e medie imprese

Per quanto riguarda le specificità del nuovo regolamento si intende sviluppare le potenzialità dei Fondi Strutturali Europei, della Banca Europea

La casa ecologica

La casa ecologica

e di tutti gli altri strumenti finanziari in maniera sinergica.

Nello specifico di un programma operativo, i Fondi Strutturali sono erogati per finanziare spese utili a contribuire il sostentamento di strumenti di ingegneria finanziaria per le imprese, con un occhio di riguardo alle piccole e medie imprese, quali fondi di capitale di rischio, fondi di garanzia, fondi per mutui e fondi per lo sviluppo urbano, in ultima analisi tutti i fondi che investono in partenariati tra settore pubblico e privato e altri progetti inclusi in un piano integrato per lo sviluppo urbano sostenibile.

Le risorse del Fondo di coesione verranno integrate nella programmazione dell’assistenza strutturale ai fini di una maggiore coerenza nell’intervento dei vari Fondi.

Elevata la soglia dei grandi progetti per garantire un appropriato monitoraggio

Esempio di pannelli solari fotovoltaici

Esempio di pannelli solari fotovoltaici

Ci sono novità e nuove regole anche per quanto riguarda la soglia oltre la quale i progetti vanno considerati grandi progetti e che è stata elevata a 50 milioni di euro. E si prevede, in maniera tale da garantire un appropriato monitoraggio dei progetti ambientali con un costo totale degli investimenti tra 25 milioni e 50 milioni di euro, l’obbligo di includere informazioni su tali progetti nei rapporti annuali e finali sull’esecuzione dei programmi operativi, al fine di garantire un appropriato monitoraggio.

Potrebbero interessarti anche:

    None Found

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.



Altri articoli di giardinaggio che potrebbero incuriosirti:

COABITARE: Nuovi concetti di vita per l'architettura moderna cohousing
Dal Nord Europa è arrivato questo nuovo fenomeno del cohousing: 20 o 30 famiglie, ma a volte anche un numero inferiore, decidono di condividere degli ...
Il bambù: un materiale antico, ecosostenibile ed autorinnovabile
Il bambù è un materiale antico, ecosostenibile e rinnovabile. Tipico e tradizionale in Asia attualmente sta conoscendo un recente sviluppo in altri me...
Regione Piemonte: parte il MUDE (Modello Unico Digitale per l’Edilizia)
In via sperimentale e volontaria i comuni, si adoperano per la presentazione in via telematica da parte dei cittadini di denunce di inizio attività, p...
Frits Philips Concert Hall: nuovo re-styling fra musica e tecnologia
La sala da concerto di Eindhoven è stata inaugurata il 9 ottobre, dopo i lavori di re-styling progettati dallo studio olandese Van Eijk & Van ...
FATHY HASSAN e la sua architettura
Le architetture di Hassan Fathy sono state sempre caratterizzate da una particolare attenzione alle tematiche del rapporto costruzione-ambiente. Cerch...
Il FOTOVOLTAICO del futuro si spalma e si ricicla
Siamo in un momento decisivo per il nostro paese (e forse anche oltre). Il pannello sul tetto che scotta desta l’attenzione di tecnici e ricercato...
Aldo Leopold Legacy Center: un sistema integrato
Il Leopold Legacy Center è stato dedicato alla memoria di uno personaggio fondamentale per lo sviluppo dell'etica ambientale: cerchiamo di capire in c...
Un progetto ecosostenibile di 6 piani
La nuova frontiera della bioarchitettura ha ormai invaso tutti i settori edilizi, dal privato al pubblico, presentandosi come il futuro dell'edilizia ...