Formazione continua obbligatoria anche per gli architetti

Filed under: Architettura,In Evidenza,Normativa |

Per molte categorie professionali la formazione continua e obbligatoria è già in vigore da tempo, per quanto riguarda gli Architetti si attende solo l’approvazione da parte del Consiglio Nazionale, e quindi il successivo passaggio al Ministero della Giustizia.

La riforma e gli aggiornamenti continui

Il Regolamento per l’aggiornamento, la formazione continua e lo sviluppo professionale degli Architetti, Pianificatori, Paesaggisti e Conservatori attua l’articolo 7, comma 1, del Dpr 137/2012,  cioè della riforma degli ordinamenti professionali.

Anche gli architetti tornano a scuola

Anche gli architetti tornano a scuola

Secondo questo regolamento ogni professionista ha l’obbligo di aggiornare con continuità le proprie competenze professionali. In caso contrario sono previste delle sanzioni per violazione delle norme deontologiche.

Per ora esiste solamente un testo provvisorio di tale provvedimento. Ma non mancano le polemiche in merito. Federarchitetti ha infatti aspramente contestato tale percorso formativo, accusando il Consiglio Nazionale degli Architetti di autoreferenzialità.

Cos’è la formazione continua

Non è ancora molto chiaro in cosa consista effettivamente la formazione continua e obbligatoria. Secondo la bozza presentata per “aggiornamento e sviluppo professionale continuo” si deve intendere ogni forma di attività in grado di migliorare le competenze professionali e le abilità personali utili allo sviluppo di architettura, società ed ambiente.

Consiglio Nazionale degli Architetti pianificatori, paesaggisti e conservatori

Consiglio Nazionale degli Architetti pianificatori, paesaggisti e conservatori

Tutti gli iscritti ai rispettivi albi degli APPC dovranno acquisire ogni anno un numero, ancora da definire, di crediti formativi professionali (CFP) prestabilito, una parte di questi crediti dovranno essere ottenuti su temi di Deontologia, Previdenza e Compensi professionali.

Fino ad ora, nonostante la confusione e la frammentarietà delle informazioni, pare sia certo il fatto che gli iscritti possano decidere autonomamente le attività formative da frequentare, in più ogni ora di attività formativa corrisponderà ad un credito.

Come attuare la formazione continua per gli architetti  

Per facilitare l’attuazione della formazione continua e permanente sarà realizzata una piattaforma informatica dove il Consiglio Nazionale degli Architetti inserirà tutti gli eventi formativi utili all’acquisizione di crediti da parte degli iscritti ai relativi ordini professionali. Su tale portale, inoltre, ogni iscritto dovrà inserire il proprio curriculum vitae, con la possibilità di aggiornarlo con i crediti formativi maturati dopo aver frequentato attività specifiche.

Sia l’aggiornamento che la supervisione delle attività di formazione saranno svolti dal Consiglio Nazionale degli Architetti (CNAPPC), ma anche dai rispettivi ordini territoriali.

Formazione continua obbligatoria

Formazione continua obbligatoria

Il consiglio si occuperà di proporre i propri eventi formativi, di validare quelli esteri, e di fissare i criteri valutativi per ogni attività formativa da svolgere; il compito degli Ordini sarà quello di promuovere i corsi e  valutare quelli provenienti da soggetti terzi, svolgendo anche attività di controllo su questi.

Saranno validi anche i corsi on line, a patto che vengano approvati dal Consiglio Nazionale.

Potrebbero interessarti anche:

    None Found

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.



Altri articoli di giardinaggio che potrebbero incuriosirti:

La qualità degli interventi di recupero edilizio in ambito rurale.
La tutela del paesaggio e gli interventi su fabbricati antichi rappresentano un nodo cruciale nel mantenimento e la valorizzazione del nostro patrimon...
La qualità dell'aria negli ambienti confinati.
Un ambiente confinato deve rispondere a determinate esigenze di comfort termoigrometrico. Vediamo di che si tratta.
AutoCad per Mac: un cambiamento epocale per tutti i progettisti
Autocad per Mac ritorna dopo una lunghissima attesa. Si tratta di un cambiamento epocale per tutti i progettisti che utilizzano l'ambiente Mac. La sch...
Energie rinnovabili: eolica, geotermica, solare e ...
Le energie rinnovabili sono un tema molto attuale ma spesso non si conoscono le tecnologie e neppure le enormi potenzialità di queste fonti di approvv...
Tradizione e innovazione: Rozak House
La Rozak House sotto alcuni punti di vista può essere definito come un progetto estremo di architettura ecocompatibile e sostenibile. Cerchiamo di cap...
Progetto Eden in Cornovaglia di Nicholas Grimshaw
Il progetto Eden è un complesso di serre che ospita vegetali appartenenti al bioma mediterraneo e tropicale: cerchiamo di capire le caratteristiche de...
Case prefabbricate in legno per un'edilizia sostenibile
Le case prefabbricate in legno sono un esempio di sostenibilità ambientale e, lentamente, stanno prendendo piede anche in Italia. Da molti decenni ...
La Classe Energetica degli edifici
Da anni sentiamo parlare di Classe Energetica per quanto rigurda gli elettodomestici e siamo tutti ormai attenti e sensibili nell'acquistare prodotti ...