Le Geode

Progettato da Adrian Fainsilber e Gerard Chamayou, fu inaugurato il 6 maggio 1985 da François Mitterrand, presidente della Repubblica francese. Il Geode è una sfera geodetica coperta da 6433 triangoli di acciaio, che riflettono l’ambiente circostante.
L’edificio si costituisce come una sorta di Trompe-l’oeil di tipo architettonico, e La Geode si compone di due strutture annidate, totalmente indipendenti l’una dall’altra: il teatro, sostenuto dal pilastro centrale e la copertura sferica. Gli architetti hanno concepito e progettato questa sfera perfetta come i geodi, pietre coperte di cristalli al loro interno.

Per fornirgli questa immagine unica, hanno affrontato una accurata progettazione, basata su una buona abilità matematica.

L’opera è uno dei risultati della pianificazione urbanistica e dei programmi di trasformazione urbana promossi dalla amministrazione parigina per il recupero di aree che ospitavano i vecchi mattatoi al fine di trasformarle in nuovi spazi museali che facevano riferimento alla Città delle Scienze e dell’Industria.

Geode

Vista della Geode

Il museo è stato concepito come un grande spazio in grado di sorprendere il visitatore, che magari approccia per la prima volta con il mondo delle innovazioni scientifiche, applicate alle più recenti tecnologie.

Una delle principali attrazioni è costituita appunto dalla Geode, una grande sfera di acciaio, dotata di una grande sala cinematografica interna, in cui li spettatore può ammirare notevoli effetti speciali. E’ stata pensata come una vera e propria sfera di cristallo che crea contrasto con la linearità della architettura del museo adiacente.

Il Geode è una struttura ad albero, realizzata in cemento armato, basata essenzialmente su tre punti: un pilastro centrale e le due colonne di ascensori. Il  pilastro centrale ad albero si ramifica in traversi e vele a sbalzo sviluppando circa 17 metri di altezza.

Esso copre i passi della sala e dei locali di servizio, e pesa oltre 6000 tonnellate. La sua costruzione è conosciuta come “buccia di cipolla” che risolve i problemi causati dalla pressione e dilatazione termica.

La sottostruttura è realizzata con una serie di strati che forniscono protezione antincendio, l’impermeabilizzazione, isolamento termico e isolamento acustico.

Lo spazio dedicato al cinema, di forma emisferica, occupa la parte superiore dell’edificio.
Il display, tra i più grandi al mondo, che copre quasi tutta la sala, si estende per 1.000 m². Si compone di pannelli di alluminio di un millimetro di spessore, forati, e rivestiti con una vernice vinilica.
Le perforazioni sono state concepite per assorbire parte della luce proveniente dall’esterno per evitare il fenomeno della riflessione solare.

Tra lo schermo e la cupola emisferica, un’area tecnica include gli schermi acustici e dodici altoparlanti sono posizionati dietro lo schermo. La camera è inclinata 27 ° verso l’orizzonte e  30 ° dallo schermo.

Particolare del rivestimento dell'edificio sferico.

Particolare del rivestimento dell'edificio sferico.

Questa posizione contribuisce a dare allo spettatore l’impressione di essere  totalmente immerso nella proiezione cinematografica. L’interno è dotato di 400 posti, ognuno con una diversa inclinazione in base alla sua posizione nella stanza in modo che lo sguardo dello spettatore è sempre diretto verso il centro dello schermo.

Si tratta di una cupola di 36 m di diametro. La struttura geodetica è formata da un telaio portante in acciaio tubolare.

Il rivestimento esterno, come già accennato, supporta 6.433 triangoli in acciaio inox lucidato, che vengono assemblati in modo da renderli separati di pochi millimetri. Quindi, ciascun triangolo, ognuno dei quali può espandersi sottoposto all’effetto delle variazioni di temperatura, non intacca dunque quelli a fianco mantenendo il rivestimento integro e la struttura solida.

Questi triangoli formano l’involucro della Geode e danno questo aspetto a specchio che riflette l’intorno.

La struttura geodetica in architettura

Se gli archi e cupole sono sempre esistiti in architettura sacra, la sfera, data la sua complessità, è stata a lungo estranea alle regole di architettura e non è stata quasi mai utilizzata, per difficoltà costruttive e di utilizzo.

Il rilancio di questa forma avviene quando si scopre che la terra è una sfera e fino al XVIII secolo, la sfera rimane il sogno di uno spazio perfetto per un uomo e un mondo nuovo.

Etienne-Louis Boullée (1728-1799) ha progettato il Cenotafio di Newton attraverso l’utilizzo di una forma sferica. Ma la sfera non è realizzabile attraverso l’uso della pietra e per molti anni fu una realizzazione che rimase essenzialmente sulla carta. Dopo la seconda guerra mondiale, il progetto di un edificio sferico è stato ripreso grazie ai progressi nella costruzione in acciaio.

Fu l’americano Richard Buckminster Fuller (1895-1983) a sviluppare i principi dell’architettura geodetica. Dopo aver costruito nel 1954, una cupola geodetica per la fabbrica di Ford, ha disegnato la bandiera della delegazione degli Stati Uniti per l’Esposizione Universale di Montreal nel 1967 (una cupola di 75 metri di diametro). E non solo: realizzò poi , la Spaceship Earth a Epcot in Florida e diverse altre cupole geodetiche. E dunque nel 1983 Adrien Fainsilber, architetto francese, progetta e disegna il Geode, con la collaborazione di Gerard Chamayou, ingegnere e scultore, che la realizza. Finalmente il sogno di un edificio sferico si realizza.

Le Geode ed il suo progettista

Adrien Fainsilber (nato nel 1932 a Nouvion-en-Thiérache) è un architetto e urbanista francese che si è laureato nel 1960 presso l’Ecole Nationale Superieure des Beaux-Arts di Parigi.  Tra le sue principali esperienze troviamo una collaborazione presso l’agenzia dell’architetto Hideo Sasaki, Cambridge, Massachusetts.
Di ritorno in Francia, è responsabile degli studi presso l’Istituto per lo Sviluppo e pianificazione nella regione parigina (IUARP) e partecipa alla prima attuazione del Master Plan della regione Ile-de-France .

Ha fondato il suo studio di progettazione nel 1970 dopo aver vinto il concorso per la Villetaneuse città universitaria (concorso vinto in associazione con Hogne Sigurdardottir-Anspach) e nel 1986 ha vinto il Gran Premio Nazionale per l’Architettura nel 1986.

Nel 2000 ha fondato una società a responsabilità limitata con sette partner, l’Agenzia di architettura AFA (Adrien Fainsilber and Associates), ora “AFA Workshop”. Tra le sue principali realizzazioni troviamo il Centro letterario e giuridico a Villetaneuse per l’Università di Parigi Nord, l’ Ospedale di Evry nel 1981, l’ Administration Center nel 1987, il Museo d’Arte di Roger Quilliot a Clermont-Ferrand nel 1992, il Museo d’Arte Moderna e Contemporanea di Strasburgo nel 1998 e la Biblioteca municipale de l’Alcazar a Marsiglia realizzata nel 2002.

Potrebbero interessarti anche:

    None Found

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.



Altri articoli di giardinaggio che potrebbero incuriosirti:

Aerodinamica degli edifici: brevi considerazioni
Gli effetti del vento sono importanti al fine degli sviluppi progettuali in termini strutturali e di benessere degli ambienti. Cerchiamo di capire bre...
Il potere evocativo dell’olfatto in architettura
Architettura come testimonianza L’architettura di tutte le epoche è una testimonianza culturale, è storia che vive accanto a noi e svetta con le sue ...
Il controllo ambientale in architettura. Parte seconda.
Proseguiamo il percorso storico nell'analisi dell'evoluzione dei sistemi di controllo ambientale in architettura.
Sistemi di climatizzazione naturale
Esistono numerosi sistemi architettonici per il controllo climatico affinchè il nostro edificio sfrutti le risorse rinnovabili naturali e consenta un ...
Feng Shui e architettura
Il feng shui è un concetto cinese legato alla costruzione e al mantenimento di equilibri spaziali ed energetici. Il progetto di architettura può esser...
Energie rinnovabili: eolica, geotermica, solare e ...
Le energie rinnovabili sono un tema molto attuale ma spesso non si conoscono le tecnologie e neppure le enormi potenzialità di queste fonti di approvv...
Museo d’Arte Contemporanea di Meier a Barcellona
Il museo di arte contemporanea di Barcellona ospita installazioni permanenti di opere d'arte: cerchiamo di capire le caratteristiche di questo importa...
Biblioteca Nazionale di Francia di Dominique Perrault
Analizziamo le caratteristiche dell'intervento di Perrault per la Biblioteca Nazionale francese, uno dei progetti più interessanti del panorama archit...