Le Glasshouses ai Giardini Botanici di Graz, Austria.

Nel 1982 lo stato dell’Austria organizzò un concorso di idee per conto dell’Università di Graz per la costruzione di nuove glasshouses (letteralmente case di vetro) per i giardini botanici della città. Il progetto definitivo appartiene al team guidato dall’architetto Volker Giencke, fu costruito in due fasi: una nel 1989-1990 e l’altra nel 1993-1994.

Volker Giencke è stato docente all’Universita tecnica di Graz dal 1983. Durante la sua carriera gli sono stati riconosciuti numerosi riconoscimenti: Josef Frank Prize, Friedrich Zotter Memorial Award, Austrian State Scholarship for Visual Arts, Prizewinner of the Shinkenshiku Residential Design Comp. /Tokyo, Humboldt Scholarship, Scholarship of the Berlin Academy of Arts, Austrian Award for Housing, Constructec Prize /Hannover, “Mensch-im-Raum” Prize, Prize of the ZV (Central Association of Austrian Architects) ’87, ’91, ’94 and ’98, Architectural Prize of Mecklenburg-Vorpommern, Architectural Prize of Carinthia 1991, 2000, Dedalo Minosse Prize, Vicenza 2002.

Il progetto per le glasshouses 

case di vetro

Particolare della Glasshouse.

Il progetto per le glasshouses si caratterizza per la presenza di una serie di percorsi che si innestano con quelli esistenti all’interno dei giardini.

Esse occupano una piccola parte del complesso dei giardini e consistono in tre cilindri parabolici e un prisma tronco con una copertura inclinata che incontra il terreno.

I tre cilindri sono aperti al pubblici e sono dedicati al clima subtropicale, arido e temperato.

Il cilindro principale si sviluppa lungo l’asse nord sud, perpendicolare al percorso.

Lungo il lato nord del percorso è localizzato l’asilo e la copertura di essa sembra emergere dalla terra lungo il lato ovest.

All’interno dei cilindri è possibile attraversare gli ambienti mediante passerelle, ponti sospesi in un continuo contatto con la natura, costituita da vegetazione, acqua e luce.

Questo progetto è caratterizzato, come prevedibile, da una tecnologia molto avanzata sia in fase di progettazione che in fase di realizzazione e gestione.

La sezione dei cilindri è molto sottile ed è composta essenzialmente da vetro e da alluminio molto sottile che consente di fare filtrare il 98% della radiazione solare che colpisce gli elementi.

Gli impianti delle “case di vetro”

Fase molto complessa come detto è stata quella della predisposizione e realizzazione degli impianti.

L’impianto di riscaldamento è basato sull’uso di acqua caldaattraverso una serie di condotti nella struttura parabolica per creare condizioni ottimali per il mantenimento del clima.

glasshouse

Vista dall'alto delle glasshouses.

Il raffrescamento è invece realizzato mediante un nuovo sistema propulsivo (misto acqua e aria) per creare vapore acqueo che nebulizzando riduce le temperature anche di 5 gradi senza bisogno di ombreggiamento.

All’interno degli ambienti sono individuate quattro zone climatiche caratterizzate da un range di temperature che va daigli 8 gradi ai 24 gradi e tassi di umidità che oscillano tra il 50% e l’80%.

La casa caratterizzata dalla presenza di clima tropicale ospita piante tropicali, orchidee, mangrovie.

L’area invece caratterizzata dalla presenza di un clima mediterraneo ospita agrumi, eucalipti e altre specie tipiche.

La vegetazione che possiamo trovare in Sud America o in Australia cresce nell’area caratterizzata da clima continentale (possiamo trovare ad esempio piante che prediligono anche i climi aridi come i cactus).

I numerosi percorsi interni conducono dunque il visitatore lungo un ipotetico percorso che attraversa alcune delle aree verdi che caratterizzano il nostro pianeta a diverse condizioni climatiche.

La vetrata che costituisce i cilindri è costituita da due strati di lastre acriliche che coprono la struttura come pelle. Alcune unità sono apribili per favorire l’ingresso dell’aria esterna. La linea generatrice di queste tre cilindri è  orizzontale leggermente inclinata verso nord. Questo avviene per motivi legati alla tipologia di ambienti presenti all’interno che necessitano una maggiore apertura verso lato nord.

Si tratta dunque di ambienti che ospitano percorsi davvero interessanti, una avventura particolare e un connubio tra natura che in qualche modo è il sistema prevalente con elementi di raffinata tecnologia.

Potrebbero interessarti anche:

    None Found

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.



Altri articoli di giardinaggio che potrebbero incuriosirti:

La qualità dell'aria negli ambienti confinati.
Un ambiente confinato deve rispondere a determinate esigenze di comfort termoigrometrico. Vediamo di che si tratta.
Soluzioni progettuali per l'involucro edilizio.
La scelta dell'involucro rispetto alle diverse istanze di progetto:alcune riflessioni su varie soluzioni progettuali.
Energie rinnovabili: eolica, geotermica, solare e ...
Le energie rinnovabili sono un tema molto attuale ma spesso non si conoscono le tecnologie e neppure le enormi potenzialità di queste fonti di approvv...
Il nuovo Campus Apple progettato da Norman Foster
Una nuova grande opera architettonica sorgerà grazie a Steve Jobs magnate e mente di Apple. L'ultima grande idea di un genio della tecnologia: si t...
Ecologia, estetica e stile di vita
L'architettura sostenibile pone nuove frontiere estetiche e relative agli stili di vita ecologici. In questo approfondimento cerchiamo di capire come.
Alvaro Siza: padiglione del Portogallo, Lisbona Expo 98
Il padiglione del Portogallo di Alvaro Siza è un progetto realizzato nell'ambito dell'Expo di Lisbona. Cerchiamo di analizzare alcune caratteristiche.
Villaggio ecologico di Selvino, Certificazione Energetica Classe A CasaClima
Pensare sostenibile è un aspetto molto importante nella società contemporanea. Le persone stanno iniziando a cambiare mentalità ricercando nella ca...
“L’architettura può essere poesia?”. Scopriamolo al MAXXI
Il MAXXI ospiterà, a partire dal 16 giugno 2012 e fino al 13 gennaio 2013, un’importante mostra dedicata alla Tomba Brion progettata da Carlo Scarpa.