Un guscio anti terremoto di produzione italiana

Filed under: Edilizia e Costruzioni,In Evidenza,Sicurezza |

L’idea di un guscio anti terremoto nasce in Italia, nella piana calabrese di Gioia Tauro. La difesa della vita ad ogni costo: è da questo che è nata l’idea di realizzare un guscio salvavita da utilizzare in casa e nei posti di lavoro, ed è stato l’imprenditore meccanico Antonio De Masi a spingere per la realizzazione di questo importante progetto.

Il brevetto

Rizziconi è una delle aree economicamente più depresse d’Italia, ma è proprio da questo territorio che nasce il brevetto di una cella di sicurezza a moduli in grado di resistere alla caduta verticale di 9,3 tonnellate e di 8,3 tonnellate in pressione orizzontale.

Guscio di sicurezza antisismico  di produzione italiana

Guscio di sicurezza antisismico di produzione italiana

L’aspetto più interessante di questa cellula salvavita è la sua modularità, ed è proprio per questo motivo che al suo interno può trovare spazio un numero variabile di persone.

La cellula di sicurezza tipo

La cellula tipo ha le seguenti dimensioni: 1,5 metri in lunghezza, 1,2 metri in larghezza e 2,3 metri in altezza. Questo modello standard è in grado di contenere dalle 4 alle 6 persone per un costo minimo che si aggira intorno ai 2.200 euro. Per adesso pare ci sia già una richiesta potenziale di cellule salvavita di circa un milione di prodotti annui, ma siamo sicuri che queste cifre potrebbero salire.

Vogliamo sottolineare che in caso di eventi sismici la cellula di sicurezza può rappresentare il primo luogo sicuro raggiungibile in famiglie e sul posto di lavoro. Ed è proprio per questo motivo che 10 di queste strutture nei prossimi giorni raggiungeranno i territori dell’Emilia da poco colpiti da drammatici eventi sismici che tutti conosciamo purtroppo molto bene.

Cerchiamo di capire in sintesi come è fatta questa innovativa cellula di sicurezza. Esternamente l’intera struttura è rivestita di pannelli in acciaio, ricoperti da una rete di protezione o da una lamiera forata con la funzione antidetriti.

Il montaggio di questo elemento di sicurezza è molto rapido, basteranno infatti non più di dieci minuti. Inoltre non serve uno spazio specifico per ospitare la capsula, andrà benissimo un corridoio o una stanza (l’importante che il luogo sia facilmente raggiungibile in caso di emergenza).

L’idea

Guscio di sicurezza modulare

Guscio di sicurezza modulare

I gravi terremoti che hanno colpito l’Emilia lo scorso 20 maggio 2012 hanno solo accelerato la realizzazione di questo importante progetto, l’idea nasce invece due anni fa dopo il terribile sisma che colpì il Giappone.

Da quel momento inizio un importante lavoro di ricerca e di sperimentazione. Un buon numero di prototipi realizzati, e testati, 300 mila euro di investimento e infine si è arrivati al brevetto attuale: una cellula di sicurezza modulare utilizzabile sia per edifici di tipo residenziale che per edifici industriali e commerciali.

La risposta del mercato

La speranza è che il mercato risponda bene a questa proposta. La consegna della cellula di sicurezza è molto breve, non più di 40 giorni.

Una risposta affermativa da parte del mercato non solo rappresenterebbe un enorme passo in avanti per la sicurezza, soprattutto nei posti di lavoro, sarebbe anche un moto di sviluppo per un’area da sempre depressa.

Il Gruppo De Masi attualmente da lavoro a circa 160 persone nella Piana di Gioia Tauro, una buona risposta del mercato vorrebbe dire la possibilità di nuovi posti di lavoro in un’area dove l’occupazione è ferma da tempo.

Potrebbero interessarti anche:

    None Found

2 Responses to Un guscio anti terremoto di produzione italiana

  1. ma e’ già acquistabile???

    viviana
    01/10/2012 at 14:11
    Rispondi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.



Altri articoli di giardinaggio che potrebbero incuriosirti:

Architettura Industriale: Aree Produttive Ecologicamente Attrezzate
Dagli anni Settanta, con l’avvento dei primi rapporti mondiali sull’ambiente il concetto di sviluppo sostenibile ha cominciato ad influenzare le conce...
NON PIU’ LA DIA MA LA SCIA
Il ministero per la semplificazione normativa in data 16 settembre 2010 ha sostituito la DIA (Dichiarazione di Inizio Attività) con la SCIA (Segnalazi...
Il ROOF-POND: sistema solare passivo o tetto d'acqua
Un'altra novità in ambito bioarchitettonico è la nuova soluzione di sistema solare a guadagno indiretto. Si tratta del Roof-Pond, il sistema solare...
Muffa in casa: cause e rimedi
Pareti annerite e macchie che fioriscono in alcuni punti della casa sono elementi da non trascurare, spesso indice di scarso comfort domestico e di un...
Le piante in casa: per umidificare e depurare l'ambiente domestico
L'uso delle piante è certamente rilevante al fine di predisporre di ambienti sani e vivibili grazie alle azioni depurative di questi importantissimi o...
Acquisto della prima casa: gli italiani chiedono sempre meno alle banche
Dalle analisi del broker Mutui.it, che ha analizzato oltre 400.000 domande di mutuo prima casa presentate negli ultimi 3 mesi, è emerso che le somme m...
Casa di Paglia: un primo esempio urbano dalla Capitale
La sostenibilità ambientale rappresenta un nuovo stimolo progettuale, che consente di riflettere, discutere ed ottenere grandi risultati in campo edil...
Base di gara: il ritorno temporaneo delle tariffe dopo il decreto Liberalizzazioni
Come è noto a tutti i professionisti il decreto sulle liberalizzazioni ha da poco abrogato ogni tipo di tariffa professionale. Forse si è trattato di ...