Herzog & de Meuron: la fondazione Laurenz a Basilea.

Questo edificio, realizzato da Herzog & de Meuron, è un complesso che ospita una serie di opere d’arte contemporanea, tra cui la collezione dell’Emanuel Hoffmann Stiftlung (Fondazione di Emanuel Hoffmann) che conserva oltre 150 opere tra cui spiccano i lavori di Paul Klee, Salvador Dalì e di Robert Delaunay. Si tratta essenzialmente di una struttura concepita per la conservazione, lo studio e la divulgazione dell’arte contemporanea e quindi si rivolge prevalentemente a curatori di spazi museali, studenti e docenti di università.

Esternamente l’edificio ricorda un grande bunker caratterizzato però da una certa leggerezza conferita dalla forma e dagli spessori e dal colore bianco, misto ad un rivestimento ottenuto dalla ghiaia scavata per realizzare le fondamenta. I materiali prelevati dal suolo hanno inoltre stabilito le forme e le strutture delle superfici di altre parti dell’edificio, sia all’interno che all’esterno. Ad esempio  le linee delle finestre ricordano forme naturali. In realtà, esse sono calcolate e prodotte da strumenti di controllo digitale, attraverso appunto la riproduzione su larga scala dei modelli delle forme naturali dei ciottoli. Ciò ha determinato una sorta di paesaggio artificiale-naturale che costituisce la forma delle aperture delle finestre.

Herzog & de Meuron

Vista esterna della fondazione dalla ferrovia adiacente.

Gli architetti hanno impiegato lo stesso profilo digitale per i rivestimenti per le pareti ed i soffitti dell’ingresso. La grande inerzia termica sviluppata da questa struttura aiuta a mantenere una temperatura interna ottimale per conservare le numerose opere esposte. L’illuminazione naturale è garantita mediante aperture che sono state ricavate nelle pareti. L’ingresso è ricavato nei pressi di un piazzale che consente di l’entrata all’interno della struttura, protetto da una copertura spiovente.

L’atrio interno si estende per tutta l’altezza della costruzione e consente di osservare una sezione trasversale dei vari piani. Attraverso questo vestibolo è possibile raggiungere i diversi luoghi dedicati all’esposizione delle opere, situate a piano terra e al piano interrato. All’interno inoltre sono localizzati un caffè, un negozio di libri, un auditorium e due installazioni permanenti di carattere artistico.

Sviluppandosi per circa 7.250 metri quadrati, l’area espositiva d’arte localizzata su i tre piani superiori occupa la maggior parte della superficie complessiva che è pari a circa 16.500 metri quadrati. Ci sono inoltre 3.650 metri quadrati al piano terra e nel seminterrato a disposizione per le mostre.

Le installazioni permanenti realizzate da Robert Gober e Katharina Fritsch occupano 260 e 390 metri quadrati, rispettivamente mentre l’area che ospita l’amministrazione occupa circa 800 metri quadrati. Il reparto di movimentazione arte e le botteghe occupano ulteriori 800 metri quadrati. L’ auditorium può ospitare circa 140 persone e la sala per seminari occupa 250 metri quadrati. I restanti 3.100 mq sono per servizi tecnici e attrezzature.

I progettisti Jacques Herzog e Pierre de Meuron

Jacques Herzog e Pierre de Meuron

Vista frontale della fondazione di Herzog & de Meuron.

I progettisti responsabili dell’opera, come già accennato precedentemente sono gli architetti  Jacques Herzog e Pierre de Meuron.

Herzog & de Meuron è uno studio di architettura svizzero, fondato e con sede a Basilea, in Svizzera nel 1978.

I due fondatori sono gli architetti Jacques Herzog (nato il 19 aprile 1950) e Pierre de Meuron (nato l’8 maggio 1950), che hanno frequentato entrambi  l’Istituto Federale Svizzero di Tecnologia (ETH) di Zurigo. Il loro progetto più conosciuto forse è quello della stazione elettrica di Bankside a Londra per la nuova sede della Tate Modern.

Jacques Herzog e Pierre de Meuron sono visiting professor presso la Scuola di Harvard University Graduate of Design dal 1994 e professori del Politecnico federale di Zurigo dal 1999.

Nel 2001, Herzog & de Meuron sono stati insigniti del premio Pritzker, la più alta onorificenza in architettura. Il presidente della giuria J. Carter Brown ha commentato: E’ difficile pensare ad altri architetti della storia che hanno affrontato il tegumento di architettura con maggiore fantasia e virtuosismo.”

Questa frase è in riferimento all’utilizzo innovativo di materiali e trattamenti esterni, come il vetro serigrafato. Il critico di architettura e giurato del premio Pritzker Ada Louise Huxtable ha riassunto efficacemente l’esperienza dei due architetti svizzeri: “Hanno affinato la tradizione del modernismo portandola alla semplicità elementare, e hanno saputo interpretare la trasformazione di materiali e superfici attraverso l’esplorazione di nuovi trattamenti e tecniche.”.

Nel 2006, il New York Times Magazine li ha definiti uno degli studi di architettura più ammirati al mondo.

Tra i progetti attualmente in fase di realizzazione o di progettazione troviamo  il Contemporary Art Museum Barranca de Huentitan in Messico, il Portsmouth Dockland Stadium per il Portsmouth Football Club a Portsmouth in Inghilterra e il Parrish Art Museum a Water Mill nello stato di New York.

Potrebbero interessarti anche:

    None Found

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.



Altri articoli di giardinaggio che potrebbero incuriosirti:

Tecniche e Tecnologie dell'architettura
Si tratta di un brevissimo riassunto generale sulle tecniche e le tecnologie in architettura, una riflessione sui materiali delle costruzioni e il lor...
GIARDINI VERTICALI: case verdi e la natura si riappropria dei suoi spazi
Giardini in verticali  e case verdi ricoperte vegetazione I giardini verticali sono un nuovo concetto di vedere l’orto privato e pubblico. Realizz...
Il controllo ambientale in architettura. Parte seconda.
Proseguiamo il percorso storico nell'analisi dell'evoluzione dei sistemi di controllo ambientale in architettura.
Una città futuristica sulla SALERNO-REGGIO CALABRIA idee al concorso internazionale per le autostrad...
Una città futuristica al concorso internazionale per le autostrade del sud Siamo di fronte ad una città futuristica, impensabile ed inimmaginabile. ...
FATHY HASSAN e la sua architettura
Le architetture di Hassan Fathy sono state sempre caratterizzate da una particolare attenzione alle tematiche del rapporto costruzione-ambiente. Cerch...
Una discoteca a Barcellona, il Gran Velvet
Il Gran Velvet ospita locali per l'intrattenimento notturno: si tratta di un edificio molto particolare per la varietà di spazi che ospita e il suo s...
Architettura residenziale: BGF house dello studio FPA vince all'European Property Awards 2012
Quest'anno uno studio di Padova,  FPA Franzina+Partners Architettura, fondato nel 1992 dall'architetto Michele Franzina, ha vinto l’“European Prop...
Un edificio a torre elicoidale: DNA Tower
Franzina + Partners Architettura, studio con sede a Padova e New York ha progettato questo edificio a torre  elicoidale costituito da 39 piani per  un...