Il progetto Ikea “Strand East” e la nuova frontiera edilizia

Filed under: Bioarchitettura,Urbanistica |

La nota azienda IKEA, specializzata nella produzione di arredamento e complementi d’arredo accessibili a tutti, si sta lanciando in una serie di iniziative che volgono lo sguardo verso la produzione edilizia.

Avevamo già parlato della linea Aktiv, un progetto che consente di realizzare in pochissimo tempo case prefabbricate confortevoli e sostenibili, complete d’arredo e finiture da considerarsi una vera e propria nuova frontiera del lowcost.

Ma oggi è un’altra iniziativa che mette nuovamente in luce la grande multinazionale: la decisione di entrare nel vero e proprio mercato edilizio con la costruzione di un quartiere sito nella metropoli londinese, tutto marchiato IKEA.

Si tratta di un progetto ambizioso che prevede la realizzazione di case ed appartamenti prevalentemente ad uso residenziale.

L’IKEA ha affidato questo faraonico progetto alla compagnia di progettazione Land Prop che ha commentato di essere entusiasta di partecipare ad un opera simbolo di modernità e allo stesso tempo esempio di un valido contributo per il rinnovamento del quartire Stratford.

La volontà di investire su un progetto ambizioso come questo può essere poi considerata inoltre un’operazione di fiducia da parte di Ikea nei confronti della crisi mondiale e di quella relativa al mercato immobiliare.

Il quartiere preso in considerazione si chiamerà “Strand East”, occuperà 11 ettari e comprenderà 1.200 case che cercheranno di rispondere alle esigenze delle famiglie londinesi in modo concreto e low cost.

Il progetto non prevederà la vendita di unità immobiliari, ma bensì l’affitto agevolato in modo da garantire un corretto afflusso e funzionamento dell’intera area.

Per incrementare poi l’interazione tra i differenti abitanti del quartiere, il progetto prevede una calendarizzazione di eventi ed una serie di attività che, mirano all’unione della comunità; una tipologia di social housing rivisitato in chiave “IKEA”.

L’intento di IKEA è quello di realizzare un quartiere che si affiancherà alle nuove srutture realizzate appositamente per le Olimpiadi 2012 seguendo tre criteri fondamentali: economicità, semplicità e sostenibilità ambientale.

Come si può vedere dalle immagini il quartiere sarà un esempio di architettura contemporanea.

Il progetto Ikea e la sostenibilità ambientale

Strand East

Rappresentazione tridimensionale fotorealistica del nuovo quartiere Ikea

Il progetto IKEA, ormai ribattezzato “Ikea Land”, è molto attento all’ecocompatibilità e al rispetto ambientale.

Proprio per questo, all’interno del quartiere sarà vietata la circolazione di mezzi inquinanti, garantendo la percorrenza e il raggiungimento dei differenti luoghi attraverso i mezzi pubblici.

IKEA sarà estremamente ferrea in questo senso e per permettere a tutti gli abitanti di possedere comunque un mezzo di trasporto senza inquinare l’interno del quartiere, ha previsto la realizzazione di un parcheggio sotterraneo che garantirà il ricovero sicuro del mezzo e obbligherà i fruitori dell’area a muoversi a piedi o con i mezzi publici.

progetto Ikea

Concept quartiere IKEA

Inoltre, anche in merito al discorso relativo la raccolta dei rifiuti differenziati, il progetto è molto innovativo; nascerà un percorso sotterraneo di tunnel che consentirà la corretta incanalatura e gestione dei rifiuti in modo da poterli recuperare riproducendo energia elettrica per la comunità insediata.

Per agevolare poi il commercio interno e la fruizione economica low cost, tutti i grandi esercizi commerciali verranno banditi e al loro posto ritroveranno spazio molti piccoli negozi e un unico hotel con 350 stanze a disposizione di turisti o visitatori di passaggio.

Insomma, si può considerare un progetto volto al futuro che cerca nel passato gli spunti ed i punti di forza per garantire una vita confortevole e d’alta qualità.

La metropoli e la frenesia metropolitana diventano ufficialmente demodè!

Potrebbero interessarti anche:

    None Found

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.



Altri articoli di giardinaggio che potrebbero incuriosirti:

L'abitazione come luogo sano e salubre.
La salubrità degli ambienti in particolare quelli domestici è un aspetto fondamentale della progettazione e la consapevolezza dell'utente nel mantener...
Contributi ENERGIA: Il Certificato Bianco o Titolo di Efficienza Energetica (TEE)
Finalmente un dato positivo per l’Italia. Parliamo di energia. Negli ultimi 5 anni l’Italia ha ridotto notevolmente i consumi di petrolio e questo ...
Calcestruzzo sostenibile
Quando parliamo di sostenibilità ambientale, definiamo il processo di conciliazione tra le attuali esigenze della società e le necessità di vita quali...
Il controllo ambientale in architettura. Parte seconda.
Proseguiamo il percorso storico nell'analisi dell'evoluzione dei sistemi di controllo ambientale in architettura.
Detrazioni 55%. La telenovela continua: approvato nuovo emendamento proroga
a telenovela continua e ci sembra sempre più evidente che il Governo non si è ancora pienamente chiarito le idee sulla sorte delle detrazioni del 55%....
Raffrescamento passivo dell'edificio mediante scambio termico con il terreno.
Il raffrescamento passivo del nostro edificio può essere realizzato in maniera assolutamente efficace mediante gli scambi termici tra terreno e costru...
CONTAINER: unità modulari da abitare
La costante ricerca nel campo dell'architettura, di fissare,creare canoni e modelli architettonici, attraverso elementi modulari, universali e rep...
Involucro edilizio intelligente nel progetto di architettura
L'involucro e la sua progettazione è un elemento fondamentale per lo sviluppo del progetto architettonico. Cerchiamo di capire perchè.