Illuminazione alimentata dai rifiuti: Gaon Street Light

Dallo studio del designer Haneum Lee, è nato l’innovativo lampione per esterni Gaon Street Light.

illuminazione per esterni ecologica

Questa fonte di illuminazione per esterni, è alimentata da rifiuti organici che producono energia, generando luce.

Grazie al processo di compostaggio, questo lampione è in grado di non utilizzare l’energia elettrica prodotta dalle reti cittadine, fornendo il giusto apporto luminoso rispetto al comune lampione di arredo urbano.

Il lampione, a livello ambientale, ha un doppio vantaggio:

–        sfrutta al massimo la materia prima organica che si trova in abbondanza

–        sfruttando il compost, genera metano senza sprechi energetici.

FORMA E FUNZIONAMENTO

Il Gaon Street Light dispone, alla base della struttura, di un bidoncino che contiene il rifiuto organico.

Per mezzo del principio di decomposizione del rifiuto organico, quindi genera metano, facendo funzionare il lampione.

Il materiale compostato può poi, successivamente, essere recuperato e riutilizzato per concimare i campi agricoli.

In questo modo il fruitore, cioè il passante, è l’alimentatore, parte attiva del processo; gettando i rifiuti organici all’interno del bidone di contenimento, mette in moto il processo energetico del lampione.

DUBBI SU GAON STREET LIGHT

Ovviamente c’è chi dice che questa idea sia difficilmente realizzabile in quanto, se nessuno butta i rifiuti, il lampione non funziona.

Oltretutto c’è chi si chiede cosa può succedere se viene buttato un rifiuto che non sia di natura organica.

I problemi messi in luce sono anche altri.

Ad esempio qualcuno si domanda che soluzione abbia pensato il designer Haneum Lee, in merito ai possibili odori diffusi dai rifiuti organici.

Qualcun’altro si chiede quanta sia la quantità di compost necessaria per il giusto funzionamento e l’adeguato apporto energetico e luminoso.

Da queste affermazioni, si può capire come il progetto abbia incuriosito molti studiosi e luminari che ritengono possa essere, al di là di ogni dubbio, una realtà innovativa molto importante nel processo evolutivo della progettazione urbanistica.

RISULTATO FINALE

Il sistema cerca di ottenere la massima efficienza energetica utilizzando oltretutto uno spazio esiguo.

Risolti a questo punto, i piccoli dubbi iniziali, si tratterà sicuramente, di una rivoluzione energetica, idonea per tutte le città, dai piccoli paesi alle grandi metropoli mondiali.

Non c’è niente di più bello che pensare di realizzare un oggetto di utilità pubblica, funzionante per merito dei rifiuti della collettività stessa.

Un motivo in più e un nuovo modo di stimolare le persone nello svolgere quotidianamente la raccolta differenziata.

La ricerca è finalmente a disposizione dell’uomo e l’idea dell’uomo è a disposizione della società. Questo è ciò che per molti anni ha permesso all’umanità di evolversi, grazie all’idea di qualcuno in grado di guardare oltre i propri limiti senza soffermarsi alla normalità.

Potrebbero interessarti anche:

    None Found

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.



Altri articoli di giardinaggio che potrebbero incuriosirti:

L'apporto dell'energia solare in un edificio.
L'architettura bioclimatica si occupa di sviluppare sistemi in grado di fare funzionare sinergicamente l'edificio e l'ambiente. L'aspetto relativo all...
Comfort degli ambienti confinati ed efficienza energetica
L'efficienza energetica è molto importante per garantire condizioni buone di vivibilità degli spazi interni senza utilizzare risorse eccessive. Esisto...
Le opere d'arte nelle chiese: principi per la conservazione
Il patrimonio artistico contenuto negli edifici ecclesiastici è inestimabile: cerchiamo di capire quali siano i problemi principali legati alla conser...
I pannelli ad infrarossi
La tecnologia nel campo della bioarchitettura si evolve di giorno in giorno; scienziati, architetti ed ingegneri studiano da anni il comportamento del...
Livinghome model home: esempio di progettazione sostenibile
Il progetto di Livinghome realizzato in California si presenta con ambizioni importanti per realizzare obiettivi concreti in termini di sostenibilità ...
La Rambla de Mar a Barcellona
Il progetto della Rambla de mar caratterizza molto la zona portuale della città catalana ed è punto di attrazione per moltissimi visitatori. Cerchiamo...
Nuove detrazioni fiscali, 50% per le opere di ristrutturazione
Finalmente una buona notizia per chi vuole intraprendere lavori di ristrutturazione, sarà infatti possibile ottenere maggiori sgravi fiscali e il radd...
Certificazioni energetiche e fonti rinnovabili: un modo per contenere i consumi
L’ultima parte della norma tecnica Uni – Ts 11300. La conclusione di questo importante quadro normativo era attesa ormai da tempo, grazie a questa ult...