Impianti di riscaldamento: le priorità degli italiani in fatto di risparmio energetico in casa

Filed under: Edilizia e Costruzioni,Impianti |

Cosa si aspettano le persone dal proprio impianto di riscaldamento e di cosa hanno bisogno per ottimizzarlo?

La risposta a questa domanda è stata data da una ricerca svolta da  Honeywell Environmental Control (EVC Italia) azienda specializzata  nella progettazione e realizzazione di soluzioni di gestione del comfort e dell’acqua per le abitazioni, assieme a con Consulting Marketing & Inustrieberatung GMBH, società tedesca che si occupa di ricerche di marketing e consulenze.

La ricerca è stata svolta in  in 5 Paesi europei: Italia, Spagna, Francia, Olanda, Regno Unito, su un numero di circa 1.800 persone proprietarie di case o appartamenti, che sono state suddivisi in quattro tipologie:  i Risparmiatori, gli Ambientalisti, i Cercatori di convenienza, i “Peace-of-Mind” intesi come coloro che non vogliono nessun tipo di complicazione.

risparmio energetico

Dagli impianti di riscaldamento si vuole maggior risparmio energetico, economico e comfort abitativo

Dallo studio risulta che i Risparmiatori rappresentano il gruppo più numeroso, circa il 50% del totale (il 45,3% degli italiani intervistati), seguono i Cercatori di convenienza con il 30% (il 27,2% per quanto riguarda gli italiani), gli Ambientalisti con 13%( 17,4%degli italiani intervistati) e in fine  i Peace of mind con solo il 7,6% (10,1% per l’Italia).

E’ importante considerare però che le tipologie di riscaldamento utilizzate dagli italiani sono per l’84% caldaie a gas o gasolio (mentre la percentuale europea è del 77%), il 18% utilizza pompe di calore, (contro il 10% della media europea ), dato che dimostra la nostra propensione  all’utilizzo di  impianti di riscaldamento moderni ad alta efficienza energetica.

Regolazione della temperatura e risparmio energetico in casa

 risparmio energetico in casa

E' emersa la necessità di utilizzare la tecnologia a tutela dell’ambiente con una visione quindi eco-sostenibile.

 La regolazione della temperatura delle stanze e la sua gestione durante la giornata è un importante fattore nell’economia domestica, per questo motivo  è stato chiesto alle persone di specificare in che modo regolano la temperatura nella loro casa; oltre la metà degli intervistati dice di utilizzare un termostato per il controllo di tutta casa (il 69% degli italiani), altri 1 per ogni singola stanza dell’abitazione e solo una piccola percentuale impiega invece le valvole sui radiatori. Molti dicono di  programmare e pianificare l’accensione e lo spegnimento del riscaldamento mentre pochi, solo il 6%, non utilizzano nessun metodo di controllo della temperatura.

Da questi dati emerge come il monitoraggio e il controllo del calore domestico siano considerati dalle persone importanti elementi, non solo per garantire un livello ottimale di comfort domestico, ma anche diminuire i costi delle spese di riscaldamento, si è inoltre visto che solo l’ 86% degli italiani intervistati è soddisfatto del sistema di controllo della temperatura della sua abitazione, contro il 66% degli europei.

Le direttive della Lombardia in materia di efficienza energetica in casa

In merito a questi bisogni e necessità alcune pubbliche amministrazioni, come ad esempio la Regione Lombardia, in base alla direttiva 2002/91/CE del Parlamento Europeo, hanno estenso, all’interno delle normative in materia di efficienza energetica in edilizia, l’obbligo della contabilizzazione autonoma del calore e della termoregolazione degli ambienti e a tutti gli impianti di riscaldamento che sono al servizio di più unità immobiliari.

Cosa vogliono gli italiani:  risparmio energetico e comfort abitativo

impianti di riscaldamento

Termoregolazione degli ambienti obbligatoria in Lombardia per tutti gli impianti di riscaldamento al servizio di più unità immobiliari.

Gli italiani desiderano quindi  ottenere un risparmio economico ed energetico ma anche migliorare il comfort abitativo anche integrando il sistema di controllo in uso con altre applicazioni tecnologiche: domotica, remote control ecc. e la propensione al cambiamento di molti intervistati è motivata dalla necessità di risparmiare sulla spesa energetica ( 55% degli italiani intervistati) ma anche dall’esigenza di utilizzare la tecnologia a tutela dell’ambiente con una visione quindi eco-sostenibile (41%).

Quindi le priorità degli italiani per quanto riguarda il risparmio energetico possono così essere sintetizzate: economizzare i costi di riscaldamento, eliminare sprechi e inquinamento, migliorare la gestione degli impianti domestici.

Di recente Honeywell si è impegnata nella campagna “A tu per tu con l’efficienza energetica”, rivolta ai cittadini per sensibilizzarli all’utilizzo di comportamenti eco-sostenibili grazie all’uso di sistemi di gestione, ripartizione e contabilizzazione del calore domestico che, permettendo la gestione del comfort domestico, consentono di risparmiare dal punto di vista energetico ed economico.

 

 

Potrebbero interessarti anche:

    None Found

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.



Altri articoli di giardinaggio che potrebbero incuriosirti:

NON PIU’ LA DIA MA LA SCIA
Il ministero per la semplificazione normativa in data 16 settembre 2010 ha sostituito la DIA (Dichiarazione di Inizio Attività) con la SCIA (Segnalazi...
L'apporto dell'energia solare in un edificio.
L'architettura bioclimatica si occupa di sviluppare sistemi in grado di fare funzionare sinergicamente l'edificio e l'ambiente. L'aspetto relativo all...
I materiali metallici in edilizia
I materiali metallici, le loro applicazioni e i processi ricorrenti di degrado. Una breve trattazione sui principali materiali di derivazione metallic...
Metodi di raffrescamento passivo per gli edifici.
La progettazione architettonica consapevole contempla certamente l'analisi e lo studio di sistemi in grado di interfacciarsi correttamente in relazion...
Il riscaldamento nelle chiese e la conservazione delle opere d'arte
Il patrimonio artistico contenuto negli edifici ecclesiastici è inestimabile: cerchiamo di capire quali siano i problemi principali legati alla conser...
Indice di prestazione energetica obbligatorio: ad un mese dall'entrata in vigore del Dlgs 28/2011 tu...
Annunci immobiliari e prestazioni energetiche: il Dlgs 28/2011  E' passato un mese dall'entrata in vigore del Dlgs 28/2011 che ha aggiunto il comma 2...
Sicurezza nei cantieri: "I Robot " in edilizia, un futuro non troppo lontano
Uno dei problemi maggiori da affrontare in ambito edilizio riguarda la sicurezza nei cantieri. L'utilizzo di macchinari e strumenti di natura peric...
Professioni. E’ legale pubblicizzare prestazioni e tariffe
Con l’abolizione delle tariffe professionali il libero professionista, così come l’eventuale cliente, si trova all’interno di una giungla dove vige mo...