Jean Nouvel: Centro culturale e per congressi, Lucerna, Svizzera

Si tratta di un progetto molto interessante sviluppato dall’ateliers di Jean Nouvel a Lucerna in Svizzera. Si tratta di un centro culturale collocato presso il lago di Lucerna; l’idea iniziale dei progettisti era quella di sviluppare la volumetria dell’edificio verso l’acqua ma successivamente si è passati ad una soluzione diversa. Si è scelto di rendere il lago un elemento che fosse contenuto nel progetto, di renderlo centrale e protagonista.

Si tratta di un sistema multifunzione costituito essenzialmente da tre elementi: una sala concerto localizzata ad est, dotata di alcuni servizi come bar e ristorante che affacciano direttamente sul lago. Ad ovest invece sono collocate alcune gallerie, dei ristoranti, un auditorium e una sala conferenze. La parte centrale, ovvero il nucleo dell’edificio, è in posizione arretrata rispetto alle rive del lago e la sua volumetria di forma cubica si sviluppa in posizione orizzontale rispetto ai rilievi montuosi presenti.

Centro culturale e per congressi

Vista esterna dal lago del Centro.

I tre elementi dunque si sviluppano intorno allo specchio d’acqua e sono messi in relazione tra loro da una serie di collegamenti orizzontali pedonali.  Gli interni sono decorati in maniera essenziale e semplice, attraverso la monocromia, alterata saltuariamente da alcuni inserti colorati. Il complesso degli edifici è messo a sistema attraverso una grande copertura di rame che avvolge la zona centrale e va a sbalzo sulla piazza antistante.  La parte inferiore della copertura è staccata rispetto all’edificio lungo tre lati in modo da evidenziare ulteriormente lo sbalzo, creando un notevole effetto visivo.

Dall’interno è possibile ammirare il paesaggio circostante attraverso piccole griglie metalliche applicate alle pareti esterne, che filtrano la luce in modo tale da diffonderla dolcemente all’interno.

Due canali d’acqua separano la parte dell’edificio con la sala da concerto dalla Sala Lucerna e il Foyer, che è a sua volta separato dall’area che ospita la sala conferenze e il museo.

Questi tre elementi della costruzione sono allineati uno accanto all’altro come navi su una banchina, ognuno con la propria identità formale. Essi sono uniti da l’ampia distesa del tetto sporgente, che copre una grande parte della sottostante Europaplatz. La spina dorsale di tutta la struttura è un ala di servizio, che mette in relazione e serve ogni unità dell’edificio.

La Concert Hall

La trasparenza dell’edificio è in netto contrasto con la Concert Hall, caratterizzata da opacità. Jean Nouvel ha deciso di utilizzare colori insoliti per la sezione Concert Hall: granato, verde scuro e blu notte. Nella sua configurazione questa parte dell’edificio ricorda le grandi  teatri d’opera d’Europa.

La Concert Hall  è rivestita con pannelli di legno in un tono rossastro lucente. La forma curva del muro esterno sviluppa dei rigonfiamenti nel foyer angolare, come la cassa di uno strumento a corda. Le finestre collocate ad una altezza piuttosto bassa forniscono una vista formato cartolina vista, focalizzando l’occhio sul paesaggio della città e dei dintorni di Lucerna. I corridoi che conducono nella sezione sala concerti sono stati tenuti volutamente bassi per enfatizzare l’impatto, che risulta impressionante, entrando nella Sala Concerti.

Jean Nouvel,Concert Hall

Particolare dell'area di ingresso.

Il complesso di Lucerna è di natura multifunzionale e ha caratteristiche di sobrietà in apparenza. Un cubo di spazio per compensare la parte posteriore della sala offre spazio per una splendida sala orientata verso il lago, caratterizzata come una scatola nera con pavimentazione in legno blu.

La sezione della sala conferenze e del museo di fronte alla stazione ferroviaria è racchiuso in un effetto visivo diaframmatico di espansione e contrazione, un intreccio che interpreta la facciata come uno schermo trasparente, come una variazione sul tema architettonico delle “brise-soleil”.

Il progettista l’architetto Jean Nouvel

Jean Nouvel è nato nel 1945 a Fumel, un villaggio nel sud-ovest della Francia. Ha lavorato con uno studio di architettura mentre frequentava la scuola. Nel 1975, apre il suo ufficio e ha partecipato a vari concorsi che lo hanno reso celebre a livello internazionale.

Da quando ha aperto il suo ufficio, Nouvel ha lavorato per creare un linguaggio stilistico diverso da quello predicato dal modernismo e post-modernismo. Rifiutando la stretta obbedienza a Le Corbusier, il grande architetto svizzero che aveva “soggiogato” gran parte dell’architettura moderna, Nouvel inizia ogni progetto con idee nuove, svincolato da forme e valori tradizionali. Proprio in linea con questo ragionamento alla fine del secolo scorso progetta il nuovo centro culturale e per congressi nella città svizzera.

Potrebbero interessarti anche:

    None Found

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.



Altri articoli di giardinaggio che potrebbero incuriosirti:

Architettura bioclimatica nei climi temperati
Lo studio del clima e dell'ambiente in cui il progetto di architettura si sviluppa è fondamentale per una progettazione sostenibile. Vediamo alcune in...
Architettura bioclimatica nel mediterraneo: dalle architetture ipogee ai trulli ai damusi
Aspetti e caratteristiche di alcune tipologie architettoniche relative all'area del mediterraneo che si caratterizzano per particolari soluzioni biocl...
Il controllo termico attraverso le pareti opache.
Gli strumenti di controllo termico possono essere attuati mediante una corretta progettazione delle partizioni esterne ed interne. Ecco alcune specifi...
PAPER CONCERT HALL: un auditorium musicale per l'Aquila
La Paper Concert Hall è uno degli esempi di architettura realizzata nell'Aquila nella fase post-terremoto. Ritengo sia molto importante mostrar...
Una discoteca a Barcellona, il Gran Velvet
Il Gran Velvet ospita locali per l'intrattenimento notturno: si tratta di un edificio molto particolare per la varietà di spazi che ospita e il suo s...
Museo d’Arte Contemporanea di Meier a Barcellona
Il museo di arte contemporanea di Barcellona ospita installazioni permanenti di opere d'arte: cerchiamo di capire le caratteristiche di questo importa...
Il Chichu Art Museum di Tadao Ando a Naoshima, Giappone.
Il museo d'Arte Chicu rappresenta un intervento molto interessante per la capacità di sviluppare una serie di ambienti molto suggestivi. Approfondiamo...
Foster + Partners un progetto per abitare la luna
Si è sempre parlato della possibilità di colonizzare altri pianeti del nostro sistema solare, ma forse la possibilità di realizzare qualcosa del gener...