La bioedilizia del futuro parte dalle case preistoriche

ERDHAUS: Bioville futuristiche ispirate alle caverne preistoriche

Sembrano biocase ispirate alle caverne preistoriche, in realtà sono modernissime abitazioni rupestri create dalle concavità naturali.

Tutte altamente innovative, dal punto di vista bioecologico ed abitativo.

ERDHAUS nasce dallo studio di alcuni insediamenti arcaici reinventati con nuove soluzioni abitative.

E’ da questo manifesto paradosso che germoglia l’architettura progettata dal bioarchitetto Peter Vetsch, tra i maggiori autori delle biocase “Erdhaus”, ovvero case di terra.

Le unità abitative sono collegate fra loro da sinuose linee arcuate e cupole maestramene armonizzate con l’ambiente circostante.

Terra, fango, stoffa ed altri materiali biocompatibili isolanti, garantiscono l’efficienza energetica che fa ottenere una minima dispersione di calore, essendo case tra l’altro prevalentemente interrate.

Il gradevole risultato estetico ed armonico degli edifici altamente ecosostenibili è senza compromessi nel rispetto delle esigenze dell’individuo e dell’ambiente: le case di terra sono infatti flessibili ed adattabili ai desideri dei fortunati che le potranno abitare.

La costruzione dei tetti verdi

Suggestiva immagine delle biocase

Alcuni Interni

Altri interni delle bioville


Potrebbero interessarti anche:

    None Found

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.



Altri articoli di giardinaggio che potrebbero incuriosirti:

Detrazioni Irpef e risparmio energetico: benefici non solo per l’ambiente.
Scadono i termini ultimi per presentare le schede integrative relative agli interventi di riqualificazione energetica per beneficiare del 55% di detra...
La forma dell'edificio e il funzionamento bioclimatico.
Questa breve trattazione vuole considerare alcuni aspetti relativi a delle riflessioni sul concetto di forma di un edificio in relazione alle componen...
Architettura dell'area mediterranea e clima
Nel corso di secoli di storia gli insediamenti si sono caratterizzati per una relazione inscindibile tra civiltà, abitazione ed eventi climatici. Ques...
Una copertura giardino per l'Exhibition Hall Art Gallery a Bonn
La galleria di arte a Bonn nel progetto di Gustav Peichl: architettura plastica e volumi puri.
Tecnologia e natura nel Dutch Pavillion per l’Expo 2000 ad Hannover
Questo edificio fu realizzato per l’Expo 2000 che si è svolto nella città tedesca e costituisce l’immagine e lo sviluppo concreto di una serie di cons...
30 St. Mary Axe, "The Gherkin" di Londra.
30 St. Mary Axe è uno dei numerosi interventi realizzati nella City Londinese ma si caratterizza per una nuova tipologia edilizia per un grattacielo, ...
Torre Agbar a Barcellona
La torre Agbar di Nouvel è uno degli edifici contemporanei più riconoscibili della città di Barcellona. Cerchiamo di capire le caratteristiche dell'in...
Lusso frenato per Londra 2012
Con l'arrivo delle Olimpiadi di Londra 2012,  la città ha subito una serie di cambiamenti legati anche e soprattutto all'impianto architettonico-urban...