MASDAR CITY: la città a ciclo di vita rinnovabile

Il progetto Masdar city nasce nel 2006, dalla realizzazione della società Masdar di Abu Dhabi.

Questa società promuove lo sviluppo di energie rinnovabili e tecnologie pulite; interessandosi anche della loro diffusione nel pianeta.

Masdar, in collaborazione con istituzioni globali, lavora per sperimentare e trovare nuove risorse e tecnologie compatibili con la sostenibilità ambientale e l’energia pulita.

5 unità per un progetto complesso di sostenibilità ambientale

La società di Masdar city si compone di cinque unità specializzate che hanno il compito di analizzare, studiare e realizzare sostenibilità ambientale a 360°.

masdar city

Queste unità sono:

MASDAR CITY, è un progetto in fase di sviluppo (ha visto posare i primi mattoni nel 2008), che sta’ cercando di realizzare nella zona periferica di Abu Dhabi, la città più sostenibile al mondo

MASDAR POTENZA studia e investe sulla produzione di energia elettrica pulita.

MASDAR CAPITAL veicola gli investimenti e i capitali nei confronti di energie rinnovabili e pulite.

MASDAR INSTITUTE of SCIENCE and TECHNOLOGY che con la collaborazione del MIT, ha istituito lauree per la ricerca e lo sviluppo del settore ecocompatibile, sostenibile e rinnovabile.

MASDAR CARBON sviluppa progetti di energia pulita dati dai combustibili fossili.

Queste unità cercano quindi di realizzare un progetto integrato che porti vantaggi al pianeta e all’uomo.

La prima città al mondo a emissioni zero

Per prima cosa bisogna dire che di progetti di questo tipo non ve ne sono al mondo e,che se questo oggi è possibile è anche grazie alla presenza degli emirati arabi e dell’uso di enormi risorse economiche.

città fonti rinnovabilicittà emissioni zero

Se tutto andrà per il meglio la realizzazione di Masdar City rappresenterà la nascita della prima città al mondo a emissioni zero.

Il pensiero dell’intero progetto è volto verso lo studio, l’uso sapiente, l’analisi dell’intero ciclo di vita e del riuso di ogni materiale o fonte energetica.

Insomma pensato a 360° per un vero “impatto zero”.

I primi abitanti

Attualmente sono già presenti i primi abitanti nel territorio cittadino di Masdar City.

Si tratta infatti, degli studenti e degli studiosi, dell’istituto di Scienze e Tecnologie che studiano e vivono nell’unica area già costruita della città, che si alimenta esclusivamente attraverso fonti di energia rinnovabile.

città impatto zero

Abitando e studiando li, vivono sulla loro pelle le eventuali problematiche e le novità della città, con l’intento finale di diventare ingegneri specializzati nella ricerca e nello sviluppo energetico sostenibile.

L’intenzione degli Emirati e della società Masdar, è quella di accogliere all’interno della città 40 mila persone, fra cui 15 mila imprese ecocompatibili.

Caratteristiche  tecnologiche di MASDAR CITY

Attualmente gli studenti vivono in abitazioni con pannelli solari, realizzate in terracotta.

Il nuovo campus, rispetto al consumo energetico medio degli Emirati Arabi, prevede uno sfruttamento del 55% inferiore per quanto riguarda il consumo energetico inerente al raffrescamento, del 51% inferiore per il consumo elettrico e del 54% più basso di consumo di acqua potabile.

Altra notizia stupefacente è che gli studiosi assicurano un 75% di recupero di energia calorifera.

pannelli solari e fotovoltaici

Questi risultati sono possibili perché il Masdar Institute ha deciso di convogliare i pannelli fotovoltaici con i pannelli solari e di distribuirli a tappeto lungo tutte le coperture della città.

Inoltre, all’interno del progetto, è presente uno studio accurato della ventilazione naturale e dell’importanza che questa ha per un progetto sostenibile.

Le superfici vetrate sono riflettenti, le finestre schermate e la torre d’acciaio, disposta al centro del campus e progettata da Forster, oltre che accogliere gli studenti, raccoglie la forza del vento e la incanala nelle stradine della cittadella, distribuendo in modo sapiente l’aria lungo tutto il percorso.

città bioecologica

Per quanto riguarda invece, l’intera città, ancora in fase di costruzione, per funzionare, avrà bisogno di una grande quantità di energia elettrica che verrà garantita per il 90%, da un campo fotovoltaico di 21 ettari realizzato poco fuori da Masdar City.

Ovviamente il progetto prevede la realizzazione di strade per uno spostamento agevolato in bicicletta e a piedi, eliminando totalmente, lo spostamento attraverso mezzi inquinanti, come le automobili.

L’intenzione, infatti, è quella di realizzare autorimesse sottoterra, e ovviamente di avere esclusivamente macchine elettriche.

Per ridurre ulteriormente il consumo di energia elettrica, gli ascensori che consentiranno di  accedere al piano interrato, non verranno realizzati in una posizione di risalto, in modo da favorire l’utilizzo delle scale.

Altra cosa da dire è che, chi arriva in macchina, dovrà lasciarla fuori, perché il progetto prevede la creazione di una vera e propria cittadella protetta da mura, che impedirà l’ingresso di qualunque elemento inquinante all’interno.

Oltre a tutto quello che riguarda gli aspetti energetici, Masdar City si propone come centro di interscambio culturale e di pensiero, prevedendo molti luoghi idonei per la vita comune, creando spazi dedicati all’incontro e al confronto, insomma l’intento è quello di riportare l’uomo a una vita fatta di relazioni e scambio, distogliendolo dalla frenesia moderna.

La conclusione dell’intero progetto è stabilita per il 2020. Pochi anni per un risultato eccezionale.

La città del futuro: molta energia rinnovabile frutto di uno studio sostenibile, grande presenza di tecnologie avanzate, qualità di vita maggiore grazie alla necessità di vivere attraverso una mentalità attiva e green.

Potrebbero interessarti anche:

    None Found

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.



Altri articoli di giardinaggio che potrebbero incuriosirti:

Le serre solari: progettare sostenibile
L'architettura moderna si sta' sviluppando mettendo in primo piano l'uomo, l'edificio e l'ambiente. Le caratteristiche climatiche del luogo in ...
Fondi europei ed edilizia: il nuovo regolamento
Il nuovo regolamento europeo per l’ecoedilizia ha come volontà primaria quella di aumentare il sostegno tra gli stati membri per un ottimale utilizzo ...
BIO-Albergo a Merano : il primo esempio in Italia
A Gargazzone, località poco distante da Merano, nel cuore della più grande area coltivata a frutta di tutta Europa, sorge un hotel di concezione compl...
Architettura sostenibile: i Tree Hotel nella Lapponia svedese
In Lapponia si sta sperimentando un nuovo modello abitativo. Gli architetti hanno studiato dei nuclei abitativi a metà strada tra un nido di uccello e...
Una città futuristica sulla SALERNO-REGGIO CALABRIA idee al concorso internazionale per le autostrad...
Una città futuristica al concorso internazionale per le autostrade del sud Siamo di fronte ad una città futuristica, impensabile ed inimmaginabile. ...
Il controllo ambientale in architettura. Parte terza
Concludiamo il breve excursus sulle evoluzioni delle tecniche di controllo ambientale attraverso alcune riflessioni su alcuni possibili scenari di rif...
Il progetto di architettura: alcune dritte sulle verifiche dimensionali degli ambienti.
Quando si affronta la progettazione di un qualsiasi ambiente è necessario conoscere almeno alcuni aspetti fondamentali per realizzare uno sviluppo coe...
EXPOEDILIZIA 2013: Concorso Architettura Sostenibile al femminile
Torna, dopo il successo della scorsa edizione e per il quarto anno consecutivo, il Concorso Nazionale Architettura Sostenibile. Si tratta di una in...