Materiali edili riciclati: nuova vita agli scarti trasformati per l’edilizia

I materiali di scarto del processo edilizio costituiscono il settore più cospicuo d’inquinamento ambientale.

I materiali di risulta, se recuperati e sottoposti a lavorazioni, possono essere però trasformati in nuovi prodotti, riutilizzabili nel settore edilizio, per svolgere differenti funzioni: tubazioni, pavimentazioni, pannelli isolanti, segnaletica di cantiere, solo per citarne alcuni!

La lavorazione della plastica di recupero porta alla realizzazione di nuovi prodotti, ricilati al 100%.

La lavorazione della plastica di recupero porta alla realizzazione di nuovi prodotti, ricilati al 100%.

In Italia, la produzione di rifiuti urbani e di altra natura è aumentato sensibilmente negli ultimi anni.

L’introduzione di norme comunitarie, nate con l’intento di promuovere la prevenzione e la valorizzazione delle molti tipi di rifiuti, ha fatto in modo che le quantità di materiale recuperabile e riciclabile crescesse notevolmente e ha facilitato la nascita sul territorio nazionale di svariati Consorzi e Associazioni che si occupano di gestire in maniera organizzata le diverse tipologie di materiali.

Il settore dell’edilizia rappresenta indubbiamente un settore dalle grandi potenzialità per quanto riguarda il processo di recupero e riciclo dei materiali, data l’enorme mole di rifiuti che produce annualmente, per opere di costruzione e di demolizione civile e si rivela un ottimo campo di sperimentazione per l’utilizzo di nuovi materiali, derivanti proprio dai processi di trasformazione dei rifiuti.

Sono molti infatti le realizzazioni edilizie che prevedono l’utilizzo di materiali riciclati, principalmente dalla lavorazione di plastica, carta, gomme, vetro, legno, materiali metallici (soprattutto alluminio e acciaio) che danno origine a nuove tubazioni, casseri, pavimentazioni, serramenti, porte e finestre, rifiniture e tanti altri prodotti.

Le applicazioni dei materiali ottenuti tramite i processi di riciclo variano naturalmente a seconda di molte caratteristiche: diversi utilizzi in base alla natura del materiale, alla sua composizione e allo stato iniziale.

Legno riciclato

Con la diffusione della nuova cultura più attenta all’ambiente e la nascita della bioarchitettura, i pannelli in fibre di legno di conifera non trattato, realizzati con gli scarti di segheria e assemblati senza l’ausilio di collanti artificiali, stanno trovando svariate applicazioni nella realizzazione di nuovi edifici, soprattutto vengono scelti per realizzare sistemi di isolamento per coperture, solai e pareti.

Segatura, trucioli o pannelli assemblati: queste sono le principali riutilizzazioni del legno riciclato e rilavorato

Segatura, trucioli o pannelli assemblati: queste sono le principali riutilizzazioni del legno riciclato e rilavorato

Un ulteriore impiego, questa volta con funzione strutturale, è quello che vede i pannelli di legno riciclati abbinati al cemento, per la realizzazione di pareti portanti. Il legno utilizzato per questo impiego è solitamente recuperato da pallets.

Il legno riciclato e ridotto in segatura, invece, viene utilizzato come componente per la realizzazione di pavimenti, lastre isolanti, pareti e imballaggi.

Plastica riciclata in edilizia

A seconda del tipo di materiale plastico, della sua specifica provenienza e della qualità, la plastica riciclata viene ampliamente impiegata nel settore edile per la realizzazione di pavimentazioni, pannelli isolanti, tubi, vespai, secchi per le lavorazioni, imballaggi, contenitori, per asfalti, laterizi e per la produzione di pannelli per la segnaletica. Anche la plastica eterogenea, che è un materiale ottenuto dalla parte di materia prima di riciclo che non può essere recuperata perchè troppo degradata o perchè impossibile o troppo oneroso il processo di separazione dei diversi componenti, ha trovato un campo di impiego molto vasto, negli ultimi anni: essa viene attualmente utilizzata per realizzare elementi d’arredo per esterni e pavimentazioni.

Carta

La carta recuperata deriva soprattutto da scarti di imballaggi di cartone, giornali, prodotti della raccolta differenziata su scala urbana e dal settore industriale.

Il riciclo della carta genera prodotti dall'uso largamente diffuso anche nel campo edilizio.

Il riciclo della carta genera prodotti dall'uso largamente diffuso anche nel campo edilizio.

La carta da macero ha numerose applicazioni nell’edilizia, per la realizzazione di casseri, pannelli insonorizzanti e isolanti, accessori, intonaci e molti altri.

Alluminio

L’alluminio presenta un grande vantaggio: le caratteristiche di questo materiale risultano praticamente identiche nella forma primaria e in quella riciclata!

Per questo motivo, i processi che ne portano al riutilizzo sono pochi e prevedono che venga solamente depurato degli elementi estranei per poi essere fuso in lingotti, pronto ad essere utilizzato nuovamente in tutti le lavorazioni, esattamente come si farebbe con la materia prima vergine.

Trova così consumo in tutti i settori, da quello domestico a quello dei trasporti (uno dei settori principali di utilizzo della materia), in innumerevoli applicazioni.

Acciaio

La provenienza dell’acciaio di recupero è mista; una parte deriva dai resti di lavorazioni presso officine meccaniche ed industrie, un’altra dalla rottamazione dei veicoli e una dalle demolizioni civili ed industriali, ferroviarie e navali.

Anche per l’acciaio, come visto per l’alluminio, le applicazioni sono numerosissime nel campo dell’edilizia e vanno dalla realizzazione di tondini per le armature del cemento armato alla realizzazione di travi, gabbie e attrezzi vari, lamiere, pali ecc…

Acciaio e alluminio sono ottimi materiali di riciclo: le loro caratteristiche dopo le lavorazioni e la fusione sono identiche a quelle di partenza.

Acciaio e alluminio sono ottimi materiali di riciclo: le loro caratteristiche dopo le lavorazioni e la fusione sono identiche a quelle di partenza.

Vetro

Il vetro di recupero pre-consumo è soprattutto derivante da residui di lastre lavorate, da scarti di produzione e dai prodotti scartati perchè presentanti difetti di fabbricazione (bottiglie, flaconi, vasi e altri contenitori del genere).

Quello derivante dal post-consumo proviene invece dalla raccolta differenziata e viene lavorato quindi utilizzando prodotti giunti alla fine del loro ciclo di vita: bottiglie, vasi, finestre, specchi, lampadine, ecc…

Una volta riciclato, il vetro viene riutilizzato in edilizia per realizzare piastrelle, pavimentazioni, pannelli isolanti, smalti e, all’interno di blocchi di muratura, come materiale inerte espanso, con funzione di alleggerimento.

Gomma

La gomma riciclata post-consumo deriva per lo più dal recupero dei pneumatici usati, oltre che da pavimentazioni e rivestimenti smantellati.

Nel settore edile, la gomma riciclata trova applicazione nella realizzazione di superfici drenanti per campi di erba sintetica, asfalti, superfici antitrauma presenti nelle aree gioco o pavimentazioni sportive, pavimentazioni antisdrucciolo, prodotti isolanti, guaine, accessori di arredo urbano e dossi di rallentamento, cordoli, componenti per infrastrutture stradali, tranviarie e portuali.

Potrebbero interessarti anche:

    None Found

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.



Altri articoli di giardinaggio che potrebbero incuriosirti:

Hello world!
Welcome to WordPress. This is your first post. Edit or delete it, then start blogging!
Casa passiva e casa attiva: progettazione biocompatibile ed ecosostenibile
Si sta finalmente diffondendo e radicando nel pensiero comune una cultura fondata su delle semplici regole di progettazione, scelta dei materiali cost...
Riciclare l'acqua: quando la pioggia non è più un problema
L’acqua è un bene prezioso che va preservato. Esistono molti modi per riutilizzare l’acqua piovana riducendo sia gli sprechi sia i costi per l’acquist...
La pietra nel progetto bioclimatico: caratteristiche e requisiti per l'uso in edilizia
Per le applicazioni costruttive (in particolare con caratteri bioclimatici) questi materiali pietrosi devono possedere diversi requisiti che ne caratt...
London City Hall di Norman Foster
La city hall di Londra è un esempio interessante di edificio sostenibile applicato alla progettazione di un edificio per uffici.
La garanzia della fideiussione per gli acquisti immobiliari su carta
Capita sovente di trovare in città e nelle nuove zone di espansione dei centri extraurbani cartelloni pubblicitari che mostrano rendering o fotoinseri...
La biblioteca centrale di Phoenix
La biblioteca centrale di Phoenix è un esempio molto importante e significativo di progettazione di spazi pubblici. Analizziamone alcune caratteristic...
Professioni. E’ legale pubblicizzare prestazioni e tariffe
Con l’abolizione delle tariffe professionali il libero professionista, così come l’eventuale cliente, si trova all’interno di una giungla dove vige mo...