La Metropolitana di Napoli firmata Karim Rashid

Un’altra opera assolutamente strabiliante progettata dal designer Karim Rashid.

Come sempre l’opera è assolutamente riconoscibile per l’estetica, la stravaganza e l’aspetto futuristico e irreale che solo Karim Rashid sa dare.

Solitamente parlo di lui nell’ambito del design d’interni, dove mostro come il designer cerchi sempre di risolvere le esigenze della società in un modo assolutamente particolare ed affascinante.

La cosa che colpisce del designer è la ricerca meticolosa di rispondere alla funzionalità, senza rinunciare in alcun modo alla bellezza del prodotto.

Spesso infatti, questi tipo di designers, dimenticano l’aspetto funzionale, per dare maggiore spazio all’impatto sensoriale che il prodotto deve offrire al fruitore. Il che porta ad una diminuzione progressiva della qualità.

Karim Rashid invece non rinuncia a nulla, realizzando oggetti studiati a 360° che colpiscono lo sguardo, lasciando tutti a bocca aperta, anche chi li critica.

Oggi voglio parlarvi di una delle sue “ultime creazioni”, di fattezza tutta italiana.

Metropolitana di Napoli

Metropolitana di Napoli: scale mobili e collegamenti per lo smistamento dei passanti

Si tratta della “Stazione dell’Arte” della metropolitana di Napoli. Un’opera impensabile fino a quando non la si vede.

Si tratta di un ambiente composto da pareti curve, colori glossy ed elementi appartenenti al design più estremo. Un ambiente futuristico nato per catturare l’attenzione, ricercato per dare un significato inequivocabile della parola “Arte” e per accompagnare il passante, sempre di fretta, in un viaggio sensoriale nuovo, fatto di colori e forme.

Non si può definire né un’opera di design, né un’opera architettonica, penso che si tratti più che altro di un grande quadro tridimensionale da osservare da diversi punti di vista.

Il progetto delle Stazioni dell’Arte

La costruzione di questa stazione è nata dall’esigenza da parte della città di Napoli, di costruire alcune linee metropolitane; proprio per questo la città partenopea ha dato vita al progetto delle “Stazioni dell’Arte”, che consiste nell’abbellire le differenti fermate della metropolitana, con ambienti aventi forti richiami artistici, scultorei e decorativi.

Il progetto delle “Stazioni dell’Arte” cerca di portare l’arte alla portata di tutti. Un evento pubblico che deve essere visitabile da chiunque; ammirare l’arte senza tanti problemi e senza bisogno di molto tempo, giusto quello di una fermata!

La stazione studiata da Karim Rashid è assolutamente da vedere per poter meglio comprendere ciò che egli ha realizzato. Si tratta della fermata tra Corso Umberto I e la via Marina, una zona molto frequentata anche dai turisti.

Karim Rashid con altri grandi nomi dell’architettura e dell’arte, ha preso spunto dalla nuova generazione, cercando di concepire un progetto innovativo, vicino alle nuove tendenze digitali, virtuali e multiface.

L’intento è quindi di portare l’astratto in un ambiente reale, vivibile.

Dall'atrio ai treni per un viaggio basato sull'ingegno

Il progetto segue un percorso logico che, ovviamente si concentra sul normale percorso che il fruitore fa, quando utilizza la metropolitana.

Arrivando sulla banchina di stallo la struttura è razionale; solo quando si accede all’atrio è possibile iniziare a godere di uno spettacolo di colori vivaci e accesi. L’ambiente comincia a trasformarsi anche nelle forme, non si tratta più di seguire le regole imposte da una società sempre più frenetica; diventa a questo punto importante seguire la fantasia, ammorbidendo le forme in modo sinuoso e curvilineo.

Karim Rashid cerca nelle forme di riproporre l’ingegno tra sinapsi e scatti nervosi.

Una struttura completamente assurda che si scompone attraverso la presenza di panchine ed elementi utili per la corretta fruizione degli ambienti.

Attraversato l’atrio si arriva alla fermata vera e propria della metropolitana che si concentra maggiormente sull’aspetto dell’immagine. L’ambiente è più calmo, le luci sono più tenue ed una serie di opere digitali, più o meno famose, intrattiene il passante durante la sua breve attesa.

Ogni panchina è diversa dall’altra in modo da continuare la stimolazione sensoriale del fruitore.

Ogni ambiente ha grafiche e materiali di impatto, come la plastica lenticolare, le immagini digitali 2D e 3D e le parole led.

La stazione è concepita come un viaggio da compiere, proprio come l’utilizzatore che ogni giorno compie un percorso specifico per recarsi nei luoghi prestabiliti.

Il concetto ovviamente viene riformulato in modo eccessivo, cool, estremamente forte, non solo da vedere, ma soprattutto da vivere.

Si tratta di un’opera contemporanea che raggruppa l’arte, l’architettura ed il design secondo un unico grande schema astratto, che può essere concepito in migliaia di modi.

Ogni persona infatti, può dare un significato, può concepire idee differenti ed essere stimolato in moltissimi modi diversi, il tutto in un unico grande spazio.

Penso che quest’opera sia la conclusione di un connubio riuscito tra mondi molto diversi che vanno dal razionale più estremo all’astratto più assurdo!

Potrebbero interessarti anche:

    None Found

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.



Altri articoli di giardinaggio che potrebbero incuriosirti:

Regione Piemonte: parte il MUDE (Modello Unico Digitale per l’Edilizia)
In via sperimentale e volontaria i comuni, si adoperano per la presentazione in via telematica da parte dei cittadini di denunce di inizio attività, p...
Lo Stetto di Messina secondo il progetto di un Archistar
Affidato a Daniel Libeskind, l'architetto di Ground Zero il progetto delle principali opere connesse all'infrastuttura sullo Stretto.
La casa prefabbricata: nuove soluzioni confortevoli e belle
Quanti di noi hanno trascorso, e trascorrono tuttora, giorni e giorni a sovrapporre mattoncini lego, per raggiungere forme architettoniche o meccanich...
SOLAR EXPO e GreenBuilding. A Verona dal 4 al 6 Maggio 2011
Il taglio del nastro è avvenuto il 4 maggio. La dodicesima edizione del SolarExpo, in concomitanza con la quinta candelina della mostra-conveg...
Vetro traslucido e struttura metallica per l’Ambasciata Finlandese a Washington D.C.
L'ambasciata finlandese a Washington è un esempio di uso virtuoso di elementi metallici e di concezione di una architettura in simbiosi con l'ambiente...
Una piscina pubblica nella roccia: la Piscina Itakeskus a Helsinki
La piscina Itakeskus a Helsinki ha una peculiarità straordinaria: è ricavata all'interno di una collina. Cerchiamo di capire alcuni aspetti di questo ...
Steven Holl: alloggi per studenti, Cambridge, Stati Uniti
L'edificio che ospita alloggi per studenti di Steven Holl è un edificio sorprendentemente interessante da diversi punti di vista. Cerchiamo di capire ...
Solar Decathlon 2011: WaterShed House
La Solar Decathlon competition è un concorso internazionale che consente agli studenti di tutto il mondo di lavorare ad un progetto architettonico com...