Monumento alle vittime dell’Olocausto di Eisenman a Berlino

All’interno di una vasta area della città di Berlino è stato realizzato questo monumento alle vittime dell’Olocausto progettato dallo studio Eisenman Architects. Si trova al centro di una striscia che attraversa la città tedesca da nord a sud occupata un tempo dal Muro, circondata da palazzi per uffici, appartamenti e un parco.

Si tratta di una struttura a griglia composta da una serie di blocchi in cemento (circa 2700) di dimensioni 95 x 250 cm con altezze variabili fino ai 4 metri.

Tra un pilastro e l’altro vi sono ulteriori 95 cm e i blocchi non sono caratterizzati da una perfetta verticalità e la loro composizione risulta così mossa. Questo stretto spazio obbliga i visitatori a percorrere il passaggio in fila indiana, creando un senso di isolamento e favorendo dunque una silenziosa contemplazione. Un ulteriore movimento viene fornito da una certa ondulazione che caratterizza il terreno.

Alle estremità questi blocchi si sollevano appena dal terreno e verso il centro invece assumono altezze sempre maggiori. Nell’angolo sud-est è posizionato un piccolo centro visitatori caratterizzato da un soffitto cassettonato che riprende la texture dei blocchi esterni.

All’interno numerosi display luminosi illustrano la storia della persecuzione nazista. I blocchi di cemento non presentano incisioni o targhe lasciando spazio ad una forma di rappresentazione essenzialmente astratta.

Particolare dei blocchi in cemento che costituiscono l'essenza del progetto di Eisenman.

Particolare dei blocchi in cemento che costituiscono l'essenza del progetto di Eisenman.

Peter Eisenman, l’architetto progettista

Peter Eisenman è un architetto americano di fama mondiale, sia per il contributo teorico donato al mondo dell’architettura sia per le realizzazioni pratiche, che rappresentano certamente un patrimonio fondamentale per la disciplina.

Oltre al memoriale per le vittime dell’Olocausto a Berlino, tra i suoi progetti più conosciuti troviamo la Falk House (House II Eisenman), realizzata ad Hardwick nel Vermont(1969) la House VI a Cornwall nel Connecticut (progetto del 1972), il Wexner Center for the Arts, Ohio State University, a Columbus, Ohio (1989), il Nuotani Building ad Edogawa, Tokyo, Giappone (1991), il Greater Columbus Convention Center a Columbus in Ohio (1993), l’Aronoff Center for Design and Art presso University of Cincinnati (Cincinnati, Ohio, 1996) , La città della cultura della Galizia, a Santiago de Compostela, Spagna, (1999), Il giardino dei passi perduti, presso il museo di Castelvecchio a Verona (2004) e l’University of Phoenix Stadium a Glendale in Arizona (2006).

Potrebbero interessarti anche:

    None Found

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.



Altri articoli di giardinaggio che potrebbero incuriosirti:

L’ASFALTO SI NUTRE DI SMOG materiali fotocatalitici contro l’inquinamento
Combattere l’inquinamento è da molto tempo prerogativa di tutti, impegno gratificante ma oneroso delle amministrazioni, carta vincente ma diffic...
Il controllo ambientale in architettura. Parte seconda.
Proseguiamo il percorso storico nell'analisi dell'evoluzione dei sistemi di controllo ambientale in architettura.
FATHY HASSAN e la sua architettura
Le architetture di Hassan Fathy sono state sempre caratterizzate da una particolare attenzione alle tematiche del rapporto costruzione-ambiente. Cerch...
L'ECO-CAMPER Ecco, una casa mobile ad emissioni zero
Per gli amanti del viaggio, liberi nel mondo, senza problemi, aldilà del pensiero fisso di poter vedere ciò che il nostro pianeta ha da offrire, ecco ...
Riscaldamento nelle chiese: caratteristiche e accorgimenti. Parte seconda
L'impianto di riscaldamento di una chiesa è una questione delicata per prevenire eventuali danni ai manufatti e alle opere d'arte. Alcuni consigli su ...
Barometro di Holland Park a Londra: un originale esempio di riuso creativo in architettura
Il barometro pubblico di Holland Park a Londra è un esempio molto particolare di recupero edilizio: cerchiamo di capire le caratteristiche e il suo fu...
Una scatola magica per il Deposito Europeo di Design a Klagenfurt, Austria.
Il deposito di design è un particolare progetto che ospita uffici e spazi espositivi caratterizzato da un insieme di volumi puri. Cerchiamo di capire ...
Rendering 3D, Virtual 3D e Prototipazione Rapida: un modo per prevedere il futuro
Il mondo di oggi si è sviluppato molto in ambito tecnologico consentendo alle persone di avere una vita sempre più semplice ed agiata. Una nuova fron...