Monumento alle vittime dell’Olocausto di Eisenman a Berlino

All’interno di una vasta area della città di Berlino è stato realizzato questo monumento alle vittime dell’Olocausto progettato dallo studio Eisenman Architects. Si trova al centro di una striscia che attraversa la città tedesca da nord a sud occupata un tempo dal Muro, circondata da palazzi per uffici, appartamenti e un parco.

Si tratta di una struttura a griglia composta da una serie di blocchi in cemento (circa 2700) di dimensioni 95 x 250 cm con altezze variabili fino ai 4 metri.

Tra un pilastro e l’altro vi sono ulteriori 95 cm e i blocchi non sono caratterizzati da una perfetta verticalità e la loro composizione risulta così mossa. Questo stretto spazio obbliga i visitatori a percorrere il passaggio in fila indiana, creando un senso di isolamento e favorendo dunque una silenziosa contemplazione. Un ulteriore movimento viene fornito da una certa ondulazione che caratterizza il terreno.

Alle estremità questi blocchi si sollevano appena dal terreno e verso il centro invece assumono altezze sempre maggiori. Nell’angolo sud-est è posizionato un piccolo centro visitatori caratterizzato da un soffitto cassettonato che riprende la texture dei blocchi esterni.

All’interno numerosi display luminosi illustrano la storia della persecuzione nazista. I blocchi di cemento non presentano incisioni o targhe lasciando spazio ad una forma di rappresentazione essenzialmente astratta.

Particolare dei blocchi in cemento che costituiscono l'essenza del progetto di Eisenman.

Particolare dei blocchi in cemento che costituiscono l'essenza del progetto di Eisenman.

Peter Eisenman, l’architetto progettista

Peter Eisenman è un architetto americano di fama mondiale, sia per il contributo teorico donato al mondo dell’architettura sia per le realizzazioni pratiche, che rappresentano certamente un patrimonio fondamentale per la disciplina.

Oltre al memoriale per le vittime dell’Olocausto a Berlino, tra i suoi progetti più conosciuti troviamo la Falk House (House II Eisenman), realizzata ad Hardwick nel Vermont(1969) la House VI a Cornwall nel Connecticut (progetto del 1972), il Wexner Center for the Arts, Ohio State University, a Columbus, Ohio (1989), il Nuotani Building ad Edogawa, Tokyo, Giappone (1991), il Greater Columbus Convention Center a Columbus in Ohio (1993), l’Aronoff Center for Design and Art presso University of Cincinnati (Cincinnati, Ohio, 1996) , La città della cultura della Galizia, a Santiago de Compostela, Spagna, (1999), Il giardino dei passi perduti, presso il museo di Castelvecchio a Verona (2004) e l’University of Phoenix Stadium a Glendale in Arizona (2006).

Potrebbero interessarti anche:

    None Found

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.



Altri articoli di giardinaggio che potrebbero incuriosirti:

La rappresentazione nel progetto di architettura.
Il disegno è sicuramente un elemento fondamentale nella costruzione e la presentazione del progetto. Ma in che modo può risultare davvero efficace? Qu...
La qualità degli interventi di recupero edilizio in ambito rurale.
La tutela del paesaggio e gli interventi su fabbricati antichi rappresentano un nodo cruciale nel mantenimento e la valorizzazione del nostro patrimon...
Gli impianti fotovoltaici e la radiazione solare attraverso superfici trasparenti
La radiazione solare è fondamentale per il corretto funzionamento sia in termini di benessere degli ambienti indoor che per quanto riguarda la gestion...
CasaClima Nature: la prima casa in Alto Adige
Una CasaClima vuol dire principalmente risparmio energetico ma non solo. Si ha un risparmio sia economico sia un basso impatto ambientale. Non meno tr...
Una città futuristica sulla SALERNO-REGGIO CALABRIA idee al concorso internazionale per le autostrad...
Una città futuristica al concorso internazionale per le autostrade del sud Siamo di fronte ad una città futuristica, impensabile ed inimmaginabile. ...
Il controllo ambientale in architettura. Parte terza
Concludiamo il breve excursus sulle evoluzioni delle tecniche di controllo ambientale attraverso alcune riflessioni su alcuni possibili scenari di rif...
I colori dell'arcobaleno in città: la filiale della SHINKIN SUGAMO BANK
La nuova filiale di Shimura della Shinkin Sugamo Bank a Tokyo, è un complesso architettonico che merita assolutamente qualche cenno. Si tratta ...
Il viadotto di Millau di Foster + Partners
Il viadotto di Millau non è solamente un ponte ma è un esempio di architettura molto interessante. Cerchiamo di capirne di più su questo singolare pro...