Negozio Freitag a Zurigo, riciclo creativo in architettura

La straordinaria particolarità del Negozio Freitag a Zurigo sta nell’utilizzo di alcuni vecchi container come elementi che costituiscono l’edificio.

Particolare della facciata, è possibile notare i container che compongono la struttura dell'edificio e gli inserimenti metallici strutturali costituiti da barre. La parte vetrata corrisponde all'ingresso del negozio.

Particolare della facciata, è possibile notare i container che compongono la struttura. La parte vetrata corrisponde all'ingresso del negozio.

Il riciclo di materiali fa parte della filosofia aziendale: il negozio infatti vende borse fabbricate con teloni di camion, camere d’aria di biciclette e cinture di sicurezza di automobili.

L’edificio è formato da diciassette container di dimensioni standard, profondi sei metri, prelevati dal porto di Amburgo e portati a Zurigo in treno. I container sono disposti a formare una struttura impilata asimmetrica con una torre di circa 25 metri che si innalza da una base realizzata da otto container.

La visibilità dall’interno verso l’esterno, e viceversa, che normalmente sarebbe inibita dal fatto che il container non prevede, ovviamente, aperture è realizzata tramite un ingresso vetrato e quattro grandi finestre (grandi come un lato del container stesso) ai lati della torre. Una scala di acciaio sale attraverso la struttura fino ad una piattaforma panoramica in cima alla torre, che offre una vista spettacolare sulla città, sul lago e le montagne circostanti.

Vista esterna dell'edificio.

Vista esterna dell'edificio.

I container sono impilati e collegati da elementi di fissaggio utilizzati nell’industria navale, anche se alcuni elementi sono stati modificati; la pavimentazione è realizzata in legno dallo spessore di circa 30 mm che riveste la base del container. Come isolante sono stati utilizzati elementi realizzati in vetro riciclato.

La progettazione è stata affidata allo studio Spillmann Echsle.

Annette Spillmann ha studiato sociologia e scienze cinematografiche presso l’Università di Zurigo (1990-1994) e architettura al Politecnico federale di Zurigo (1994-2000) e presso la Columbia University New York (1998). Dal 2002 è partner di Spillmann, fondando lo studio Spillmann Echsle Arkitekten. E’ stata assistente in progettazione e costruzione presso l’Università di Scienze Applicate di Basilea (2005-2007).

Harald Echsle ha studiato architettura al Politecnico federale di Zurigo (1991-1997) e presso il Frank Lloyd Wright School of Architecture del Wisconsin (1991). E’ stato project manager di Bétrix & Consolascio Architetti, Erlenbach (1997-2001). Dal 2002 è partner e fonda con Annette Spillmann l’attuale studio di progettazione.

Potrebbero interessarti anche:

    None Found

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.



Altri articoli di giardinaggio che potrebbero incuriosirti:

Architettura sostenibile: i Tree Hotel nella Lapponia svedese
In Lapponia si sta sperimentando un nuovo modello abitativo. Gli architetti hanno studiato dei nuclei abitativi a metà strada tra un nido di uccello e...
Il controllo ambientale in architettura. Prima parte.
L'architettura e l'ambiente sono un binomio che ha caratterizzato le costruzioni per molto tempo. Cerchiamo di capire quali siano i caratteri fondamen...
L'ECO-CAMPER Ecco, una casa mobile ad emissioni zero
Per gli amanti del viaggio, liberi nel mondo, senza problemi, aldilà del pensiero fisso di poter vedere ciò che il nostro pianeta ha da offrire, ecco ...
Bellezza ed Efficienza Energetica nel Sino-Italian Ecological and Energy Efficient Building
L'intervento di Mario Cucinella a Pechino è molto interessante per la capacità di relazionarsi con il sistema ambientale presente. Analizziamo con mag...
Mansilla e Tuñón: l'auditorium di Leon, Spagna.
La facciata di questo edificio è molto particolare, esprime una dinamicità molto interessante. Per questo e altri motivi possiamo considerare l'interv...
Peter Zumthor: cappella sepolcrale di San Nicolao
Il progetto per la Cappella sepolcrale di San Nicolao realizzato da Peter Zumthor è molto interessante dal punto di vista delle modalità costruttive d...
La biblioteca centrale di Phoenix
La biblioteca centrale di Phoenix è un esempio molto importante e significativo di progettazione di spazi pubblici. Analizziamone alcune caratteristic...
CO-WORKING: la condivisione dell' ufficio e degli spazi per un nuovo modo di lavorare
Oggi vi voglio parlare del co-working, un nuovo modo di lavorare che sta prendendo piede in Italia e che coinvolge, molto spesso, attività come qu...