Negozio Freitag a Zurigo, riciclo creativo in architettura

La straordinaria particolarità del Negozio Freitag a Zurigo sta nell’utilizzo di alcuni vecchi container come elementi che costituiscono l’edificio.

Particolare della facciata, è possibile notare i container che compongono la struttura dell'edificio e gli inserimenti metallici strutturali costituiti da barre. La parte vetrata corrisponde all'ingresso del negozio.

Particolare della facciata, è possibile notare i container che compongono la struttura. La parte vetrata corrisponde all'ingresso del negozio.

Il riciclo di materiali fa parte della filosofia aziendale: il negozio infatti vende borse fabbricate con teloni di camion, camere d’aria di biciclette e cinture di sicurezza di automobili.

L’edificio è formato da diciassette container di dimensioni standard, profondi sei metri, prelevati dal porto di Amburgo e portati a Zurigo in treno. I container sono disposti a formare una struttura impilata asimmetrica con una torre di circa 25 metri che si innalza da una base realizzata da otto container.

La visibilità dall’interno verso l’esterno, e viceversa, che normalmente sarebbe inibita dal fatto che il container non prevede, ovviamente, aperture è realizzata tramite un ingresso vetrato e quattro grandi finestre (grandi come un lato del container stesso) ai lati della torre. Una scala di acciaio sale attraverso la struttura fino ad una piattaforma panoramica in cima alla torre, che offre una vista spettacolare sulla città, sul lago e le montagne circostanti.

Vista esterna dell'edificio.

Vista esterna dell'edificio.

I container sono impilati e collegati da elementi di fissaggio utilizzati nell’industria navale, anche se alcuni elementi sono stati modificati; la pavimentazione è realizzata in legno dallo spessore di circa 30 mm che riveste la base del container. Come isolante sono stati utilizzati elementi realizzati in vetro riciclato.

La progettazione è stata affidata allo studio Spillmann Echsle.

Annette Spillmann ha studiato sociologia e scienze cinematografiche presso l’Università di Zurigo (1990-1994) e architettura al Politecnico federale di Zurigo (1994-2000) e presso la Columbia University New York (1998). Dal 2002 è partner di Spillmann, fondando lo studio Spillmann Echsle Arkitekten. E’ stata assistente in progettazione e costruzione presso l’Università di Scienze Applicate di Basilea (2005-2007).

Harald Echsle ha studiato architettura al Politecnico federale di Zurigo (1991-1997) e presso il Frank Lloyd Wright School of Architecture del Wisconsin (1991). E’ stato project manager di Bétrix & Consolascio Architetti, Erlenbach (1997-2001). Dal 2002 è partner e fonda con Annette Spillmann l’attuale studio di progettazione.

Potrebbero interessarti anche:

    None Found

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.



Altri articoli di giardinaggio che potrebbero incuriosirti:

Il benessere acustico.
Il comfort acustico è un requisito fondamentale per la vivibilità e la qualità degli ambienti in cui viviamo. Vediamo in sintesi quali sono gli aspett...
Materiali da costruzione: il calcestruzzo degrado
Il calcestruzzo è il materiale di costruzione più diffuso e prodotto nel mondo. La sua funzione è fondamentale perchè viene impiegato quasi sempre per...
ISOLAMENTO: isolare l'involucro edilizio con le bottiglie di plastica
Nel mercato internazionale sono presenti moltissime varietà di isolanti, che si differenziano per prestazioni e caratteristiche tecniche. “Ecoz...
Una casa passiva nel cuore della Grande Mela
174a Strada a Williamsburg, nel quartiere di Brooklin a New York, ecco sorgere una casa passiva a tutti gli effetti. Nessun grattacielo, nessuna ca...
Fotovoltaico: sistema di produzione di energia sostenibile.
La tecnologia di produzione energetica tramite fotovoltaico è certamente una possibilità concreta, futuribile e sostenibile: cerchiamo di capire alcun...
L'ECO-CAMPER Ecco, una casa mobile ad emissioni zero
Per gli amanti del viaggio, liberi nel mondo, senza problemi, aldilà del pensiero fisso di poter vedere ciò che il nostro pianeta ha da offrire, ecco ...
I serramenti e l'isolamento termico
Per migliorare le prestazioni termiche di un edificio è possibile intervenire sui serramenti. Vediamo alcune soluzioni possibili.
Sostenibilità ambientale per il Landcare Researc Laboratory, Auckland, Nuova Zelanda.
In questo approfondimento si sviluppano le tematiche di progetto per il Landcare Research Laboratory a Auckland, fortemente orientate alla sostenibili...