Net Lima Tower: il primo edificio ecosostenibile progettato nelle Filippine

Archiviato in:: Bioarchitettura |

Questo progetto merita sicuramente di essere menzionato, in quanto rappresenterà un esempio da seguire nella progettazione futura all’interno delle Filippine.

Net Lima Tower sorgerà nella città di Manila, nel punto nevralgico di Fort Bonifacio, entro il 2014.

Lima Tower

Visualizzazione tridimensionale grafica del progetto

Farà parte di una più ampia progettazione di tre edifici che andranno a formare il complesso commerciale Net Metropolis 5th Avenue.

L’intenzione dell’architetto Chad Oppenheim rientra nella nuova mentalità degli architetti di realizzare progetti compatibili con l’ambiente, che possano rispondere alle esigenze dell’uomo nel rispetto del contesto, con la voglia di realizzare edifici accattivanti, con soluzioni tecnologiche e funzionali di alta qualità, ricercando il più possibile l’impatto zero.

Net Lima Tower sarà un vero e proprio esempio di design e architettura sostenibile per tutti, ma per le Filippine avrà un valore ancora maggiore: un nuovo modo di progettare edifici per la creazione di interi paesi sostenibili.

La Rete Metropolis 5th Avenue è stata immaginata come luogo cardine, per formare di architetti del luogo sulle tematiche dell’ecocompatibilità ambientale.

Descrizione del progetto

architetto Chad Oppenheim La definizione del Masterplan di progetto, prevede la creazione di 3 torri tecnologicamente avanzate che occupano 3 acri di territorio e che si elevano dai 24 ai 40 piani fuori terra, prevedendo sei piani di parcheggio interrato.

Il progetto prevede di equilibrare fortemente il rapporto uomo-natura, prevedendo due ulteriori parchi verdi che mettano al primo posto l’integrazione ed il fattore ricreativo.

Il progetto nasce nel rispetto di alcuni punti cardine fondamentali per un’adeguata progettazione bio.

L’architetto Chad Oppenheim ha cercato di riunire ogni principio della bioarchitettura, studiando in modo scrupoloso la luce naturale, gli aspetti di comfort e discomfort degli interni, cercando di ridurre al minimo gli sprechi dettati da un uso spropositato del condizionamento dell’aria.

Per riuscire nell’intento, l’architetto ha sfruttato l’uso di dispositivi di ombreggiamento passivi, il recupero delle acque piovane e delle acque grigie, sfruttando poi pale eoliche e altre soluzioni alternative per la creazione di energia.

Net Lima Tower, inoltre cercherà di sfruttare al massimo l’aspetto panoramico e climatico del luogo.

Poiché la sua realizzazione avverrà all’interno di un contesto climatico tropicale, oltre alla presenza di schermi solari affiancati a muri di vetro, estrema importanza verrà data alla vista panoramica dell’intorno.

La presenza di doppi vetri, che costituiscono l’essenza del progetto, avranno un rivestimento basso emissivo in modo da contenere l’immissione di calore, generando comfort interno.

Come ogni progetto ecosostenibile che si rispetti, grande importanza è stata data al benessere e alla qualità di vita del fruitore.

Modellino tridimensionale

Le torri avranno un aspetto verticale molto accentuato e come ogni grattacielo che si rispetti, punteranno verso il cielo.

Nuova ideologia Green nelle Filippine

BERDE è il sistema delle Filippine che risponde alle esigenze ecologiche del paese.

Logo Green Building Council Filippine

L’intento del più grande movimento Green Building delle Filippine, prevede la sistematizzazione degli obblighi e di norme nazionali da seguire, per l’utilizzo quotidiano e costante di tecniche bioedilizie.

Come la certificazione Leed statunitense, Berde fornisce punti, nozioni e condizioni necessarie per creare un’architettura sostenibile, sensibile ai climi tropicali della nazione stessa.

Un progetto innovativo, di esempio per la nazione e per l’intero pianeta. Quanta più gente affronterà in modo costante l’aspetto bio, quanto prima il mondo potrà nuovamente respirare aria pulita.

Potrebbero interessarti anche:

    None Found

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.



Altri articoli di giardinaggio che potrebbero incuriosirti:

Riciclare l'acqua: quando la pioggia non è più un problema
L’acqua è un bene prezioso che va preservato. Esistono molti modi per riutilizzare l’acqua piovana riducendo sia gli sprechi sia i costi per l’acquist...
Un modello di edificio per il risparmio energetico: Erica
Erica. Si tratta dell’acronimo di un progetto da poco concluso con la realizzazione di un modello di edificio realizzato con materiali tecnologicament...
Via l’amianto grazie al Conto Energia
Il Conto energia riconosce un incremento del 5% della tariffa (10% dal prossimo anno) per gli impianti fotovoltaici realizzati su edifici in sostituzi...
Metodi di raffrescamento passivo per gli edifici.
La progettazione architettonica consapevole contempla certamente l'analisi e lo studio di sistemi in grado di interfacciarsi correttamente in relazion...
Il sistema costruttivo a secco: bioedilizia nelle costruzioni
Che cos'è il sistema costruttivo a secco? Da un po' di tempo a questa parte, anche in Italia, si contrappone alle tradizionali tecniche costruttive, ...
Lo sviluppo sostenibile
Il tema dello sviluppo sostenibile è un argomento molto vasto e complesso: cerchiamo di capire quali siano alcuni principi ordinatori e le caratterist...
Un progetto tra uomo e ambiente: Tim and Karen Hixon Visitor Center
Il progetto del Tim and Karen Hixon Visitor Center è un esempio interessante di architettura integrata rispetto all'ambiente circostante: cerchiamo di...
Un edificio ad impatto zero in Africa: la nuova sede dell'Unep
Oggi vi voglio parlare di un grande progetto concluso e inauguratosi nel marzo 2011. E' il più grande edificio ad impatto zero in Africa e cost...