Nikken Sekkei Building,Tokyo

Filed under: Architettura Moderna,Bioarchitettura |

Il gruppo Nikken Sekkei è uno dei più importanti studi di architettura, pianificazione e di ingegneria del Giappone, e probabilmente del mondo, con circa 2000 persone impiegate negli uffici centrali in cinque città nipponiche e altre zone del sud-est asiatico. In questo approfondimento verrà trattato il progetto proprio dell’edificio che ospita la sede del Nikken Sekkei a Tokyo.

Il sito in cui è localizzato l’edificio è Chiyoda-ku, che si trova nel distretto di Lidabashi a Tokyo, ad una latitudine di circa 35° Nord e con temperature medie durante l’inverno di 0 gradi centigradi e 32 gradi centigradi.

L’edificio ha raggiunto il livello A nel sistema di valutazione CASBEE con una efficienza ambientale di buon livello.

Facciata ovest dell'edificio.

Facciata ovest del Nikken Sekkei Builging

Il progetto è stato sviluppato dai progettisti della Nikken Sikkei guidati dall’architetto Tadeo Kamei e l’ingegnere Takaharu Kawase. Dopo due anni di progettazione e un anno e mezzo per realizzare la costruzione l’edificio è stato aperto nel 2001.

La superficie occupata dall’edificio è piuttosto rilevante, si tratta di oltre 20.000 mq e la costruzione è orientata secondo l’asse nord est – sud ovest in prossimità di altri edifici.

Si tratta di un grande parallelepipedo di 54 x 20 metri di base alto circa 45 metri che si sviluppa su undici piani più gli spazi serventi posti in sommità.

Gli uffici si sviluppano dal livello 3 al livello 13, il livello 14 ospita una sala riunioni (250 posti più sala da pranzo), il livello 2 ospita spazi per meeting mentre il livello 1 ospita il parcheggio aziendale.

Particolare in facciata dei sistemi di ombreggiamento metallici.

Particolare in facciata dei sistemi di ombreggiamento metallici.

Le facciate vetrate si sviluppano sulle facciate ovest ed est e consentono di ricevere la radiazione solare durante la mattina e il pomeriggio (per riscaldare passivamente l’edificio già dalle prime ore di sole durante l’inverno). Durante i periodi estivi per limitare l’afflusso di radiazione che porterebbe al surriscaldamento degli ambienti interni sono stati predisposti dei sistemi di ombreggiamento meccanici regolabili dagli occupanti in relazione alle condizioni atmosferiche.

La centrale principale comprende una pompa di calore a gas e un sistema di raffreddamento ed è collocata in copertura con le singole unità di distribuzione di calore e di aria fresca in ogni singolo piano dell’edificio.

Potrebbero interessarti anche:

    None Found

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.



Altri articoli di giardinaggio che potrebbero incuriosirti:

Contributi ENERGIA: Il Certificato Bianco o Titolo di Efficienza Energetica (TEE)
Finalmente un dato positivo per l’Italia. Parliamo di energia. Negli ultimi 5 anni l’Italia ha ridotto notevolmente i consumi di petrolio e questo ...
Il legno nelle costruzioni
Il legno è un materiale molto utilizzato nella produzione di oggetti e arredi ma anche nello sviluppo di sistemi strutturali. Questa breve trattazione...
La nuova Casa dello studente dell'Aquila
L’obiettivo che sembrava impossibile è stato raggiunto. La nuova Casa dello studente dell'Aquila è stata realizzata da Rubner Objektbau, finanziata in...
Umidità in casa: cause, effetti e rimedi
L'umidità eccessiva in un ambiente confinato può provocare danni rilevanti ai materiali e contribuire al deterioramento del livello di benessere indoo...
Fotovoltaico galleggiante: acqua e sole per produrre energia
Il problema delle energie rinnovabili Tocchiamo oggi, seppur sfiorandoli, argomenti caldissimi dell'attualità: le energie rinnovabili, la scarsa disp...
Fonti rinnovabili: il FOTOVOLTAICO
Il fotovoltaico è una tecnologia di produzione energitica da fonti rinnovabili: cerchiamo di capire come funziona e quali caratteristiche presenta.
Un progetto tra uomo e ambiente: Tim and Karen Hixon Visitor Center
Il progetto del Tim and Karen Hixon Visitor Center è un esempio interessante di architettura integrata rispetto all'ambiente circostante: cerchiamo di...
30 St. Mary Axe, "The Gherkin" di Londra.
30 St. Mary Axe è uno dei numerosi interventi realizzati nella City Londinese ma si caratterizza per una nuova tipologia edilizia per un grattacielo, ...