Nikken Sekkei Building,Tokyo

Filed under: Architettura Moderna,Bioarchitettura |

Il gruppo Nikken Sekkei è uno dei più importanti studi di architettura, pianificazione e di ingegneria del Giappone, e probabilmente del mondo, con circa 2000 persone impiegate negli uffici centrali in cinque città nipponiche e altre zone del sud-est asiatico. In questo approfondimento verrà trattato il progetto proprio dell’edificio che ospita la sede del Nikken Sekkei a Tokyo.

Il sito in cui è localizzato l’edificio è Chiyoda-ku, che si trova nel distretto di Lidabashi a Tokyo, ad una latitudine di circa 35° Nord e con temperature medie durante l’inverno di 0 gradi centigradi e 32 gradi centigradi.

L’edificio ha raggiunto il livello A nel sistema di valutazione CASBEE con una efficienza ambientale di buon livello.

Facciata ovest dell'edificio.

Facciata ovest del Nikken Sekkei Builging

Il progetto è stato sviluppato dai progettisti della Nikken Sikkei guidati dall’architetto Tadeo Kamei e l’ingegnere Takaharu Kawase. Dopo due anni di progettazione e un anno e mezzo per realizzare la costruzione l’edificio è stato aperto nel 2001.

La superficie occupata dall’edificio è piuttosto rilevante, si tratta di oltre 20.000 mq e la costruzione è orientata secondo l’asse nord est – sud ovest in prossimità di altri edifici.

Si tratta di un grande parallelepipedo di 54 x 20 metri di base alto circa 45 metri che si sviluppa su undici piani più gli spazi serventi posti in sommità.

Gli uffici si sviluppano dal livello 3 al livello 13, il livello 14 ospita una sala riunioni (250 posti più sala da pranzo), il livello 2 ospita spazi per meeting mentre il livello 1 ospita il parcheggio aziendale.

Particolare in facciata dei sistemi di ombreggiamento metallici.

Particolare in facciata dei sistemi di ombreggiamento metallici.

Le facciate vetrate si sviluppano sulle facciate ovest ed est e consentono di ricevere la radiazione solare durante la mattina e il pomeriggio (per riscaldare passivamente l’edificio già dalle prime ore di sole durante l’inverno). Durante i periodi estivi per limitare l’afflusso di radiazione che porterebbe al surriscaldamento degli ambienti interni sono stati predisposti dei sistemi di ombreggiamento meccanici regolabili dagli occupanti in relazione alle condizioni atmosferiche.

La centrale principale comprende una pompa di calore a gas e un sistema di raffreddamento ed è collocata in copertura con le singole unità di distribuzione di calore e di aria fresca in ogni singolo piano dell’edificio.

Potrebbero interessarti anche:

    None Found

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.



Altri articoli di giardinaggio che potrebbero incuriosirti:

Il ciclo di vita di un prodotto edilizio.
Il ciclo di vita di un prodotto consente di valutare gli impatti dovuti alla produzione, alla gestione e alla dismissione di un elemento. Cerchiamo di...
Energie rinnovabili: l’ENERGIA MARINA
L'energia marina è una delle più interessanti energie rinnovabili: cerchiamo di capire il funzionamento della tecnologia di sfruttamento e alcune cara...
I colori dell'arcobaleno in città: la filiale della SHINKIN SUGAMO BANK
La nuova filiale di Shimura della Shinkin Sugamo Bank a Tokyo, è un complesso architettonico che merita assolutamente qualche cenno. Si tratta ...
I grandi magazzini Manor: involucro edilizio ed efficienza energetica
Il progetto dei magazzini Manor in Svizzera è interessante dal punto di vista tecnologico per le soluzioni impiegate in relazione ai temi della sosten...
Grandi magazzini Selfridges a Birmingham, Regno Unito.
I grandi magazzini Selfridges rappresentano un progetto innovativo nel campo della realizzazione di grandi spazi commerciali. Cerchiamo di capire perc...
Walt Disney Concert Hall, Los Angeles.
Un progetto di Frank Gehry fa sempre discutere nel bene e nel male: il suo estremismo plastico lo ha portato a consolidare la sua posizione di archite...
Wiel Arets: biblioteca dell’Università ad Utrecht, Olanda.
Approfondiamo le caratteristiche dll'intervento promosso da Wiel Arets per la biblioteca di Utrecht in Olanda, che si configura come un edificio molto...
“L’architettura può essere poesia?”. Scopriamolo al MAXXI
Il MAXXI ospiterà, a partire dal 16 giugno 2012 e fino al 13 gennaio 2013, un’importante mostra dedicata alla Tomba Brion progettata da Carlo Scarpa.