La nuova Casa dello studente dell’Aquila

L’obiettivo che sembrava impossibile è stato raggiunto. La nuova Casa dello studente dell’Aquila è stata realizzata da Rubner Objektbau, finanziata interamente dalla Regione Lombardia in soli tre mesi. E’ stato utilizzato solamente il legno come materiale costruttivo principale. Collocata vicino al polo universitario di Coppito, è in grado di ospitare 120 studenti ed è stata realizzata con l’intento di unire modernità e tecnologia , il tutto in una struttura amichevole e calda.

Casa dello studente - Blocchi A, B, C

Casa dello studente - Blocchi A, B, C

Si tratta del primo edificio pubblico riconsegnato alla comunità locale, si inserisce nella gran parte di iniziative volte a contribuire alla riorganizzazione dei servizi agli studenti per dare la possibilità all’Università dell’Aquila di continuare a svolgere il proprio operato all’altezza delle proprie potenzialità.

E’ stata una gran scommessa quella di realizzare entro l’inizio dell’anno accademico una residenza universitaria conforme alla legge antisismica attuale e alle  varie normative locali e nazionali, ma anche, e soprattutto, che fosse una architettura da portare come esempio per sostenibilità, sicurezza e completa integrazione col paesaggio cittadino.

Nuova Casa dello studente all’Aquila: articolazione dell’intervento

L’intervento si sviluppa su due piani; L’edificio è stato realizzato presso un’area di oltre 8000 metri quadrati, di cui circa 3.500 per l’edificio stesso.

La residenza si compone di tre nuclei (padiglioni A, B, C) articolati su due corpi di fabbrica, comunicanti fra loro grazie ad edificio centrale trasversale, incastrato tra le due residenze e dotato di tetto giardino.

Blocco A e blocco B, sono composti da 58 camere doppie e 6 singole attrezzate per disabili. Ogni camera di 16,9 metri quadri è strutturata in soggiorni/studio e bagni, uno per ogni stanza doppia; le cucine sono ai piani. Si sono ipotizzati 122 -128 posti letto.

Nel blocco C sono state collocate le principali funzioni culturali, ricreative e di supporto allo studio: biblioteca, auditorium, sala TV, sala internet, sala-fitness.

Casa dello studente - Render

Casa dello studente - Render

I tre blocchi sono corpi autonomi, uniti sismicamente. Le strutture fuori terra sono separate dalle fondazioni grazie ad isolatori sismici. L’intera struttura si sviluppa in longitudinalmente e crea un andamento a gradoni che segue l’andamento del terreno. L’esposizione rispetto all’asse elio termico è ottimale.

E’ presente un’area a verde di pertinenza della struttura divisa in due aree separate: una parte adibita a parco di circa 2.200 metri quadri e una parte rimaneggiata a gradoni con dei riporti di terra che arrivano dallo scavo dell’edificio di 1.500 metri quadri.

La parte alta dell’area è stata dotata di un vasto parcheggio di servizio, completamente integrato nel contesto ambientale.

Materiali e sostenibilità nella Casa dello studente

La materia prima è il legno. Tutte le strutture sono in legno certificato PEFC (certificazione della gestione forestale) al 100%. Il legno è un materiale oltre che rinnovabile, duraturo anche dotato di proprietà termoisolanti superiori a quelle di materiali costruttivi tradizionali.

L’utilizzo del legno ha aiutato a soddisfare criteri di bioedilizia antisismica che garantiscono stabilità dimensionale, elasticità ed una grande capacità dissipativa.

L’utilizzo di materiali naturali, quali legno e suoi derivati, oltre ad essere bio ed eco – compatibile, garantiscono il rispetto del ciclo della filiera

Casa dello studente - Render

Casa dello studente - Render

produttiva, seguendo gli standard più elevati di Leed (Leadership in Energy and Environmental Design).

Sono stati posti pannelli pannelli solari sulla copertura. Circa 70 metri quadri di pannelli solari producono il 50% del fabbisogno di acqua calda sanitaria  con una capacità di accumulo di 5.000 litri. Ciò garantisce l’accumulo necessario per l’intero complesso edilizio.

I concetti di eco-compatibilità sono importanti nella realizzazione di quest’opera. E’ stato realizzato un involucro edilizio con un’alta resa sia d’inverno che d’estate, ricadente in classe A per il blocco C.

Sistemi di sicurezza

Grande attenzione è stata posta nelle caratteristiche di antisismicità del complesso. Sono stati utilizzati 51 diversi isolatori sismici.

Casa dello studente - Render

Casa dello studente - Render

Attraverso la realizzazione di una struttura sotterranea  indipendente ai vari corpi di fabbrica sono garantite traslazioni di oltre 26 cm secondo ogni direzioni, in risposta alle reali accelerazioni della zona in cui si trova l’edificio.

Anche dal punto di vista della prevenzione antincendio il complesso è all’avanguardia. Il sistema antincendio realizzato è di tipo attivo – passivo, dotato di un sistema di accumulo acqua indipendente composto da un gruppo di pompaggio e un silos interrato con capienza  di 43 metri cubi di acqua. Il punto di monitoraggio del sistema è interno alla struttura, il punto di sicurezza è invece esterno e direttamente collegato con i vigili del fuoco. In più tutta la struttura è dotata di naspi interni e da idranti esterni.

Un impianto puntiforme di rilevazione incendi protegge tutta la struttura. La gestione di eventuali emergenze è garantita da un pannello centrale di controllo che interagisce con l’impianto audio che rimanda direttamente con controllo remoto al punto di sicurezza esterno.

Potrebbero interessarti anche:

    None Found

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.



Altri articoli di giardinaggio che potrebbero incuriosirti:

Biopellet all'arancia e fotovoltaico all'uva: dal CNR alcune novità
Quando l’Italia sta per essere investita da una forte ondata di caldo (era ora), e una attesissima e ritardataria estate sta facendo capolino, ci ...
Ufficio portatile ed ecosostenibile
Innovativa ed interessante, arriva direttamente dagli Stati Uniti l’idea di un ufficio disegnato e costruito secondo criteri di sostenibilità ambienta...
Una casa passiva nel cuore della Grande Mela
174a Strada a Williamsburg, nel quartiere di Brooklin a New York, ecco sorgere una casa passiva a tutti gli effetti. Nessun grattacielo, nessuna ca...
Le opere d'arte nelle chiese: principi per la conservazione
Il patrimonio artistico contenuto negli edifici ecclesiastici è inestimabile: cerchiamo di capire quali siano i problemi principali legati alla conser...
I colori dell'arcobaleno in città: la filiale della SHINKIN SUGAMO BANK
La nuova filiale di Shimura della Shinkin Sugamo Bank a Tokyo, è un complesso architettonico che merita assolutamente qualche cenno. Si tratta ...
Riscaldamento a soffitto in una villa del 700
Nel centro storico di Aviano, comune in provincia di Pordenone alle pendici delle Prealpi Friulane, si trova Villa Menegozzi, un edificio in stile...
“L’architettura può essere poesia?”. Scopriamolo al MAXXI
Il MAXXI ospiterà, a partire dal 16 giugno 2012 e fino al 13 gennaio 2013, un’importante mostra dedicata alla Tomba Brion progettata da Carlo Scarpa.
La mobilità sostenibile: un obiettivo perseguibile
Lo sviluppo tecnologico che ha caratterizzato il XX secolo ha provocato il rapido diffondersi dell'automobile e la conseguente trasformazione della st...