Il nuovo Campus Apple progettato da Norman Foster

Una nuova grande opera architettonica sorgerà grazie a Steve Jobs magnate e mente di Apple.

L’ultima grande idea di un genio della tecnologia: si tratta di un nuovo campus Apple per la città di Cupertino, in California.

Campus apple architetto NORMAN FOSTER

Il Campus apple dell'architetto NORMAN FOSTER

E’ da un po’ che la voce girava tra blog e network, soprattutto per quanto riguarda il progettista che si mormorava potesse essere il gruppo di Foster+Partners, ma per quanto riguarda il progetto vero e proprio si è dovuto aspettare un po’ anche perchè si aspettava l’approvazione del sindaco di Cupertino e di tutti gli altri comuni confinanti.

L’area di intervento e le questioni urbanistiche

L’area dove sorgerà il grande complesso infatti si trova al confine con Cupertino, Sunnyvale e Santa Clara e, proprio per questo, si è dovuto aspettare un accordo concreto tra le parti e Steve Jobs.

Una richiesta fatta dai vari sindaci è stata quella di riorganizzare la gestione del traffico della zona, in modo da non creare disagi agli abitanti della zona, soprattutto dopo l’apertura del campus che prevederà l’arrivo giornaliero di migliaia di persone.

Di conseguenza il progetto si è dovuto estendere, al di là della questione architettonica, anche nei confronti del carattere urbanistico dell’area, pensando al verde, allo smaltimento dei rifiuti e ai rumori.

Insomma il parere è stato positivo, a condizione che porti solo vantaggi e nessun problema agli abitanti della zona.

Steve Jobs ha scelto l’architetto di fama mondiale Foster per creare la sua nuova città Apple, un cittadina vera e propria che dovrà ospitare uffici, zone ristoro, aree relax, insomma tutti i luoghi necessari per lavorare in team e per permettere ai dipendenti di gestire accuratamente i progetti della grande società.

L’intento è quello di rispettare l’ambiente sfruttando al massimo l’avanzamento tecnologico ed edilizio.

Caratteristiche architettoniche del Campus Apple

I lavori del nuovo Campus inizieranno il prossimo anno e Steve Jobs ha dichiarato in una delle sue WWDC, che ha intenzione di metterlo in funzione nel 2015, fornendo già una data abbastanza precisa di fine lavori.

La “cittadella” Apple sorgerà in un’area di 150 ettari e sarà in grado di ospitare 12.000 persone.

La forma ha un non so che di spaziale; dalla forma circolare si divide all’interno per funzioni, atte a rendere efficiente il lavoro dei dipendenti, in tutta comodità e comfort.

L’edicio di per se occuperà 98 ettari e per evitare un impatto ambientale eccessivo, tutti i parcheggi sono stati progettati in una zona sotterranea.

Steve Jobs ha poi dichiarato che, qualunque albero verrà abbattuto a causa del cantiere, verrà sostituito con più alberi, prevedendo così un rimboschimento che si calcola aumenti il verde dal 20% all’80%.

La struttura è stata progettata seguendo la forma circolare, tanto da darle l’aspetto di una navicella spaziale sbarcata sulla terra.

E’ un edificio a corte, con un grande cortile al centro dalla forma perfetta, il cerchio.

La struttura è completamente curva e si eleva con 4 piani fuori terra, si pensa che Steve Jobs trasferirà li le sue grandi presentazioni (WWDC), grazie alla presenza di un grande auditorium che ospiterà 3000 persone e zone ristoro per gli utenti.

Tutte le superfici, opache e vetrate, non avranno alcun spigolo vivo; sembra che l’intento sia quello di stupire, proprio come solo grandi come Steve Jobs e Foster sanno fare, ovviamente ognuno nel suo campo. Insomma un perfetto connubio, nella ricerca della perfezione.

Un esempio di architettura sostenibile

 criteri della bioedilizia

Il progetto seguirà i criteri della bioedilizia

Il progetto seguirà i criteri della bioedilizia e, come si vede dai disegni che attualmente sono a disposizione, il Campus includerà un impianto di generazione di energia dal gas naturale.

Il Nuovo Apple campus verrà collegato al vecchio campus, probabilmente attraverso una serie di tunnel sotterranei che consentiranno lo spostamento da una parte all’altra degli edifici.

Steve Jobs ha poi dichiarato che l’alimentazione del nuovo edificio, dei collegamenti e dell’energia, saranno prodotti da fonti rinnovabili, presentandosi come alto sostenitore dell’architettura sostenibile, soprattutto grazie ai grandi finanziamenti e al sostegno dati dallo Stato californiano sull’energia solare ed eolica.

architettura sostenibile

Sarà un esempio di architettura sostenibile

L’edificio quindi sarà una vera e propria grande opera di valenza mondiale, sarà esempio di avanguardia ed estetica, unendo la bellezza di un edificio dalla forma completamente curva all’uso di materiali eco-compatibili e fonti rinnovabili.

Riassumerà nel complesso le maggiori innovazioni tecnologiche ed architettoniche degli ultimi anni.

Anche questa volta Steve Jobs sarà in grado di stupire il mondo intero.

Potrebbero interessarti anche:

    None Found

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.



Altri articoli di giardinaggio che potrebbero incuriosirti:

La qualità dell'aria negli ambienti confinati.
Un ambiente confinato deve rispondere a determinate esigenze di comfort termoigrometrico. Vediamo di che si tratta.
Soluzioni progettuali per l'involucro edilizio.
La scelta dell'involucro rispetto alle diverse istanze di progetto:alcune riflessioni su varie soluzioni progettuali.
Il controllo ambientale in architettura. Parte seconda.
Proseguiamo il percorso storico nell'analisi dell'evoluzione dei sistemi di controllo ambientale in architettura.
Progettare secondo i principi dell'architettura ecocompatibile
La progettazione ecocompatibile è un nuovo traguardo per architetti, ingegneri e progettisti: le prospettive e le soluzioni da considerare per un prod...
ISOLAMENTO TERMICO degli edifici: alcuni accorgimenti
La predisposizione di un efficace sistema isolante è fondamentale per il corretto equilibrio termico di un edificio e per il suo funzionamento virtuos...
Centro d’Arte Casa das Mudas, Madeira, Portogallo.
Un esempio interessante di architettura e territorio integrati attraverso il progetto del Centro d'arte casa das Mudas.
30 St. Mary Axe, "The Gherkin" di Londra.
30 St. Mary Axe è uno dei numerosi interventi realizzati nella City Londinese ma si caratterizza per una nuova tipologia edilizia per un grattacielo, ...
EXPOEDILIZIA 2013: Concorso Architettura Sostenibile al femminile
Torna, dopo il successo della scorsa edizione e per il quarto anno consecutivo, il Concorso Nazionale Architettura Sostenibile. Si tratta di una in...