PALLET HOUSE: un modulo abitativo per un aiuto concreto

Pallet, conosciuto da noi italiani più comunemente con il termine bancale, è una base d’appoggio, solitamente in legno, utilizzata in ambito industriale e civile per sollevare attrezzature grazie anche all’ausilio, ad esempio, di carrelli elevatori.

L’idea del pallet e della sua funzione, ha origini da attribuire alla seconda guerra mondiale e più specificatamente ai militari americani che introdussero questa soluzione per trasportare con maggiore semplicità i grandi carichi presenti in campo e fuori.

La struttura del pallet è stata studiata per garantire un perfetto ancoraggio in modo da facilitare il sollevamento ed il successivo spostamento dei materiali.

La presenza di feritoie tra un elemento e l’altro, per quanto semplice, offre un’ottima funzionalità pratica, che ha reso il bancale un elemento fondamentale in ambito civile ed industriale.

In Europa i pallet hanno due standard metrici, la tipologia Eur che misura 800×1200 mm e la Philips di 1000×1200 mm.

Pallet Epal

Bancale - Pallet Eur Epal

Per garantire inoltre il rispetto normativo ed ambientale, gli attuali pallet, sono marchiati ulteriormente con la dicitura EPAL.

Questa piccola digressione, consente di capire la grande presenza di pallet nel mondo.

Per questi motivi ed anche per la loro ecocompatibilità di fondo, ad oggi, sono sfruttati sia nell’ambito dell’arredo, del design, che nel settore edilizio.

Un esempio che mi ha molto colpito e che, a parer mio, potrebbe rappresentare una soluzione economicamente e socialmente vantaggiosa, è quello realizzato I-BEAM design con sede a Brooklyn.

Si chiama Pallet House ed è una soluzione abitativa temporanea completamente realizzata con pallet di scarto.

 I-BEAM design Pallet House

I-BEAM design: Prototipo della Pallet House

L’idea nasce dalla necessità di recuperare in modo intelligente, garantendo nuova vita a materiali che, altrimenti finirebbero in discarica.

L’azienda I-BEAM ha stimato che quasi 21 milioni di bancali, ogni anno, vengono gettati via.

Per questo motivo hanno deciso di realizzare un progetto in grado di rispondere a criteri di sostenibilità ambientale, recupero e sostegno sociale.

Parlo di sostegno sociale  in quanto I-BEAM ritiene che con il recupero dei bancali e la realizzazione di queste Pallet House, si potrebbero ospitare almeno l’84% di rifugiati presenti nel mondo, grazie alla realizzazione di soluzioni temporanee economiche e robuste.

Si tratta di una valida alternativa alle attuali baraccopoli che scarseggiano sia nella resistenza strutturale che nell’igiene.

PALLET HOUSE: il progetto di I-BEAM design

 I-BEAM design

I-BEAM design: interno della Pallet House

La Pallet house rappresenta il progetto di un modulo abitativo temporaneo completamente realizzato con materiale di riuso, in grado soddisfare le esigenze primarie di chi lo utilizza.

Il progetto è stato pensato per essere costruito anche dalle persone del luogo in temporanea difficoltà, semplicemente grazie all’ausilio di 100 pallet inchiodati tra di loro.

In una sola settimana è possibile realizzare questa abitazione temporanea in grado di ospitare sfollati a causa di calamità natuali e profughi.

La struttura può essere montata anche con l’ausilio di materiali locali come macerie, fango e terra che possono fungere da elementi di ancoraggio e copertura.

La Pallet House, proprio per la sua eterogeneità, può essere collocata ovunque, seguendo i criteri e metodi costruttivi del luogo, adattandosi ad ogni situazione e risultando comunque resistente e stabile.

Essendo una struttura modulare, la Pallet House, può essere comodamente spedita in tutto il mondo e nei casi d’emergenza, può essere trasportata insieme agli aiuti internazionali.

Si tratta quindi di una soluzione eco-friendly che ha caratteristiche umanitarie molto forti.

Il progetto infatti vuole essere un esempio di come l’architettura debba rispondere prima di tutto a delle esigenze primarie, che vengono identificate con la necessitità di avere un tetto sotto il quale potersi riparare e proteggere.

La Pallet House cerca di essere una soluzione pratica che può essere facilmente esportata a livello mondiale rispondendo in modo concreto alle emergenze mondiali che sempre più richiedono soluzioni immediate e pratiche.

 

 

 

 

Potrebbero interessarti anche:

    None Found

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.



Altri articoli di giardinaggio che potrebbero incuriosirti:

Materiali edili riciclati: nuova vita agli scarti trasformati per l'edilizia
I materiali di scarto del processo edilizio costituiscono il settore più cospicuo d’inquinamento ambientale. I materiali di risulta, se recuperati e ...
Casa passiva e casa attiva: progettazione biocompatibile ed ecosostenibile
Si sta finalmente diffondendo e radicando nel pensiero comune una cultura fondata su delle semplici regole di progettazione, scelta dei materiali cost...
Costruire una villetta ecosostenibile: alcune dritte progettuali
190 metri quadri per costruire una villetta eco sostenibile su un unico livello: Asse della casa collocato a nord-est / sud-ovest, un piano interrato ...
PROTEZIONE ACUSTICA nella progettazione bioclimatica
Il problema dell'isolamento acustico è un nodo importante nella definizione del progetto di architettura. Cerchiamo di capire quali siano le problemat...
L'ECO-CAMPER Ecco, una casa mobile ad emissioni zero
Per gli amanti del viaggio, liberi nel mondo, senza problemi, aldilà del pensiero fisso di poter vedere ciò che il nostro pianeta ha da offrire, ecco ...
Bellezza ed Efficienza Energetica nel Sino-Italian Ecological and Energy Efficient Building
L'intervento di Mario Cucinella a Pechino è molto interessante per la capacità di relazionarsi con il sistema ambientale presente. Analizziamo con mag...
Nikken Sekkei Building,Tokyo
Il progetto per l'edificio dello studio di architettura Nikken Sekkei a Tokyo.
Riforma del condominio: come cambiano le assemblee.
Dopo 70 anni d’attesa la Legge n.220/2012, meglio nota come riforma del condominio, entrerà in vigore a partire dal 18 giugno 2013. Sono molte le mod...