Peter Eisenman: Wexner Visual Arts Center

Il Wexner Center for the Arts presso l’Ohio State University a Colombo, negli Stati Uniti, è un centro multidisciplinare e un laboratorio internazionale per l’esplorazione e la promozione dell’arte contemporanea. Attraverso mostre, proiezioni, performance, e programmi educativi, il Wexner Center agisce come un forum dove artisti affermati ed emergenti possono confrontarsi su idee e dove il pubblico può partecipare a diverse esperienze culturali molto interessanti ,finalizzate ad una migliore comprensione dell’arte del nostro tempo.

Nei suoi programmi, il Wexner Center unisce ad un impegno nella sperimentazione nel campo delle arti figurative l’affermazione della missione dell’università  come polo di ricerca e servizio alla comunità. Il Wexner Center ha aperto nel novembre del 1989, ed è stato così chiamato in onore del padre fondatore Leslie Wexner, che era uno dei principali donatori per il Centro.
La costruzione del Wexner Center è stata progettata dagli architetti Peter Eisenman e Richard Trott provenienti da New York e  con l’architetto paesaggista Laurie Olin di Philadelphia.

Vista esterna del complesso del Wexner Center di Peter Eisenman.

Vista esterna del complesso del Wexner Center di Peter Eisenman.

Il Wexner Center è stato il primo edificio pubblico importante ad essere disegnato da Eisenman, precedentemente conosciuto soprattutto come insegnante e teorico dell’architettura. Dall’esterno il centro appare come un edificio piuttosto compatto, e sono riconoscibili due parti distinte: un corpo massiccio che funge da basamento, con grandi aperture rettangolari su un lato e di forma arcuata sull’altro, e un corpo superiore decisamente più leggero, formato da una struttura metallica e vetrata. Un’ulteriore struttura secondaria sorregge un tendone che la ripara dal sole e che serve come finitura orizzontale dell’edificio che termina con un corpo massiccio a forma di abside.

Il progetto comprende una grande griglia di metallo bianco che intende suggerire le linee minimali dei ponteggi, per dare alla costruzione un senso di incompletezza in sintonia con i gusti dell’architetto, di chiara ispirazione decostruttivista. Eisenman ha inoltre preso atto delle griglie corrispondenti alla strada del campus OSU e la città di Colombo, che variano di 12,25 gradi, e ha progettato il Wexner Center proprio in relazione alla possibilità di alternare questo impianto. Inclusi nello spazio del Wexner Center ci sono un teatro per la proiezione di film e video, spazi di servizio, un’area dedicata alla post produzione video in studio, una libreria, caffetteria, e diversi spazi per le gallerie.

Nel novembre 2005, il Wexner Center ha riaperto dopo tre anni di ristrutturazione. La ristrutturazione originariamente era affidata alle maestranze di una ditta locale, poi è passata nelle mani di Arup. Oltre all’involucro edilizio, l’ambito di rinnovamento in seno alla ristrutturazione si riferisce agli impianti di illuminazione, impianti elettrici, idraulici, sistemi di protezione antincendio. I lavori di ristrutturazione hanno avuto fortunatamente un impatto minimo sul progetto architettonico originale, essenzialmente intervenendo sull’ambito impiantistico migliorando la percezione dell’ambiente, della luce e dei sistemi di climatizzazione.

La restaurazione del centro ha investito nel suo complesso, le sezioni dedicate alla libreria, al cinema e teatro e la caffetteria.
In merito al progetto, l’architetto Peter Eisenman ha dichiarato:

“L’estensione della griglia genera un nuovo percorso pedonale nel campus, attraverso una rampa asse est-ovest. La colonna vertebrale della circolazione principale scaturita da questo schema è il passaggio doppio. Un profilo asintotico che si estende dal ovale centrale del campus si sviluppa tormentando  la terra, e corre da nord a sud.  Questo passaggio  costituito a metà da vetrate, l’altra metà racchiusa in un struttura ad impalcato aperto  è perpendicolare alla asse est-ovest.

Peter Eisenman

Particolare dell'ingresso del centro .

 

L’incrocio di questi due assi non è semplicemente una rotta, ma un evento, letteralmente un ‘centro’ per le arti visive. Così, una parte importante del progetto non è un edificio in sé, ma un “non-edificio”. In questo modo la simbolizzazione primaria di un centro di arti visive, che è tradizionalmente quello di un rifugio d’arte, non è figurata in questo caso. ”

E inoltre, in merito al suo lavoro per il Wexner Center, Eisenman ha dichiarato:

“Ora, quando ho fatto un museo per il Wexner Center di Columbus, Ohio, ho detto: ‘Dobbiamo realizzare un edificio che ospiti una mostra d’arte, ma dobbiamo ricorrere al modo in cui è stata tradizionalmente esposta, cioè su uno sfondo neutro? Perché sai, l’arte è sempre stata critica della vita e questo concetto è ciò che all’arte ha dato potenza, è la sua poesia. E l’architettura dovrebbe servire l’arte, in altre parole, è uno sfondo per l’arte? Assolutamente no,  l’architettura dovrebbe sfidare l’arte e questo concetto dovrebbe essere uno sfondo “.

Tratto da: Peter Eisenman, Architettura in transizione: tra decostruzione e nuovo modernismo, di Peter Noever.

Peter Eisenman

Peter Eisenman è un architetto ed insegnante. Nel 1980, dopo molti anni di insegnamento, scrivendo e producendo un rispettato e fecondo lavoro teorico, ha fondato il suo studio professionale per concentrarsi esclusivamente sulla costruzione. Ha sviluppato una vasta gamma di progetti tra cui i prototipi su larga scala di abitazioni e progetti di arredo urbano, servizi innovativi per le istituzioni e una serie di residenze private.

Tra i suoi progetti di costruzione, proprio il Wexner Center for the Visual Arts e la Biblioteca Belle Arti presso la Ohio State University di Columbus, completato nel 1989, che ha incontrato il plauso internazionale e ha ricevuto un Premio Nazionale 1993 dall’ Honor L’American Institute of Architects.Tra gli altri il progetto per due palazzi di uffici a Tokyo, l’edificio Nunotani Corporation, e l’edificio per la sede del Koizumi Sangyo Corporation , che ha ricevuto nel 1991 il premio Nazionale Honor dall’American Institute of Architects.

Attualmente Peter Eisenman è occupato in diversi ambiti di intervento, in particolare nella progettazione di una biblioteca per le Nazioni Unite a Ginevra e per il complesso del Staten Island Institute of Arts and Sciences presso il Terminal San Giorgio Ferry.

Nel 1985 Eisenman ha ricevuto il primo premio  per il suo progetto presentato alla terza Biennale Internazionale di Architettura di Venezia.  Peter Eisenman è stato uno dei due architetti che hanno rappresentato gli Stati Uniti alla Mostra Internazionale di Architettura della Biennale di Venezia nel 1991, ei suoi progetti sono esposti in musei e gallerie in tutto il mondo. Nel corso della sua lunga carriera ha ricevuto numerosi premi, tra cui un Guggenheim Fellowship, il Premio Brunner dell’Accademia Americana delle Arti e delle Lettere, e una borsa di studio dal National Endowment for the Arts.

Il suo impegno accademico è stato molto importante; infatti egli ha insegnato all’Università di Cambridge, alla Princeton University, alla Yale University, e allaOhio State University.

Peter Eisenman ha ricevuto, tra i tanti riconoscimenti, un Bachelor of Architecture Degree presso la Cornell University, un Master of Architecture della Columbia University, e una laurea honoris causa in Belle Arti presso la University of Illinois di Chicago.

 

 

Potrebbero interessarti anche:

    None Found

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.



Altri articoli di giardinaggio che potrebbero incuriosirti:

Soluzioni progettuali per l'involucro edilizio.
La scelta dell'involucro rispetto alle diverse istanze di progetto:alcune riflessioni su varie soluzioni progettuali.
La scelta dei materiali da costruzione e la qualità di uno spazio
I materiali da costruzione spesso sono composti da elementi che se rilasciati in ambienti confinati possono produrre danni per la salute. Ma in che mo...
Pellicole filtranti per vetri
Le pellicole filtranti per vetri sono un'ottima soluzione progettuale per le architetture con ampie vetrate o anche per edifici in assenza di scuri. ...
Il piccione: animale molesto urbano per eccellenza
Il piccione è l’animale molesto per eccellenza. Infesta le nostre città ma per legge è protetto come un qualsiasi animale domestico. Esistono vari rim...
Il potere evocativo dell’olfatto in architettura
Architettura come testimonianza L’architettura di tutte le epoche è una testimonianza culturale, è storia che vive accanto a noi e svetta con le sue ...
Il controllo ambientale in architettura. Prima parte.
L'architettura e l'ambiente sono un binomio che ha caratterizzato le costruzioni per molto tempo. Cerchiamo di capire quali siano i caratteri fondamen...
La casa di riposo di Vantaa, Finlandia
Il progetto per la casa di riposo a Vantaa in Finlandia ha caratteri fortemente innovativi rispetto alle tradizionali tipologie edilizie che ospitano ...
Tecnologia e natura nel Dutch Pavillion per l’Expo 2000 ad Hannover
Questo edificio fu realizzato per l’Expo 2000 che si è svolto nella città tedesca e costituisce l’immagine e lo sviluppo concreto di una serie di cons...