PIRANESI DAY 2010: menzione per un ostello creato in 100 giorni

Filed under: Architettura,Architettura Moderna |

Il Piranesi Day 2010 si è concluso con una menzione speciale allo studio Up, uno studio di giovani che ha rifunzionalizzato un vecchio centro commerciale in un ostello per la gioventù.

OSTELLO A SPALATO

Vista dell'interno dell'ostello - blocco scale e rifiniture

Il Piranesi Day è una giornata importante per il mondo dell’architettura.

Che cos’è il PIRANESI DAY?

E’ una conferenza internazionale che si svolge da più di 20 anni (dal 1983) nella città di Pirano.

L’intenzione principale di tale evento è quella di valorizzare le tendenze moderne dell’architettura ovviamente a seguito di un’ampia conoscenza della tecnologia e dell’innovazione.

Inoltre al Piranesi Day si dà priorità nel premiare le migliori idee nel campo della produzione architettonica appartenenti alle ultime realizzazioni nel mondo.

La giuria giudicatrice presente alla cerimonia di premiazione era composta dai membri di fama internazionale come: Till Schneider (Schneider+Schumacher), Sasa Begovic (3LHD), Klaas Goris (Coussèe & architecten Goris), Jurij Kobe (ATELIERarhitekti), Quintus Miller (Miller & Maranta), Victor Mestre (vmsa Arquitectos), Paul O.Robinson (University of Florida, Facoltà di Architettura) e il presidente della giuria – Bijoy Jain (Studio architetti Mumbai).

La menzione speciale per lo STUDIO UP

PIRANESI DAY PREMIO

Le camerate sono accoglienti e di design per forma e distribuzione

L’edificio presentato, come già accennato prima, è un complesso che nel 2000 è stato trasformato in centro commerciale. E’ situato nel centro antico di Spalato.

La struttura esistente è stata completamente ripensata e trasformata per rispondere, in modo innovativo alla nuova funzione: l‘Ostello della gioventù.

La cosa straordinaria e che ha lasciato molti sbalorditi, è stata la sua realizzazione in soli 100 giorni per 1000 mq di superficie.

La soluzione studiata è ampiamente accattivante, in grado di incentivare l’afflusso di giovani turisti che sempre più ricercano luoghi dove poter riposare in modo nuovo, di impatto, di design, insomma da portare con sé come ricordo di un esperienza nuova.

Idea e realizzazione dell’ostello per la gioventù

camere ostello gioventù

Di notte è garantita un'illuminazione puntuale nel posto letto

L’analisi dello studio Up si è indirizzata nei confronti di un’ideazione futuristica di dormitorio, pensato come luogo colorato con forme particolari e di forte impatto.
Tutto ciò che riguarda gli spazi di distribuzione prevede una progettazione caratterizzata da colori forti e accecanti, forme sicuramente di grande impatto sono un forte contrasto rispetto invece all’austerità omogenea preferita nelle camere.
La struttura dei corpi scala e degli ascensori è stata mantenuta in modo da diminuire costi ed esecuzione dei lavori.

L’intero progetto è stato pensato in funzione degli ospiti che vi pernotteranno, devono avere a disposizione i luoghi necessari per l’adeguata convivenza e la giusta sicurezza all’interno dell’ ostello.

Ogni luogo è pavimentato con  resina lucida che sulla quale si trovano specificate con simboli e indicazioni le funzioni dei diversi spazi e percorsi.

Le stanze e le camerate dell’ostello sono realizzate con uno stile estremamente minimalista ma nello stesso tempo funzionale.

La stanza è composta da una serie di letti ad incasso che costituiscono il blocco notte e che ne garantiscono la privacy.

Inoltre ogni blocco letto prevede l’oscuramento tramite elementi di ombreggiamento che garantiscono ulteriormente la privacy ricercata negli ambienti del pernottamento.

progetto ostello

stanza da letto matrimoniale dell'ostello

Gli armadietti per il lascito degli oggetti personali sono anch’essi incassati in modo da non essere ingombranti e da risultare nascosti.

Il pavimento delle stanze è anch’esso in resina ed indica le principali funzioni disponibili ed i percorsi più semplici per raggiungerle.

Inoltre i progettisti hanno anche previsto una serie di stanze matrimoniali e singole gestite, per quanto riguarda l’arredamento, come le camerate, ma in modo ancora più privato.

Ovviamente come ogni ostello che si rispetti, lo studio Up ha previsto ogni spazio necessario per rendere un ostello della gioventù funzionale e a “5 stelle”, creando tutte quelle aree comunitarie che consentono una vita idonea e di qualità all’interno di un ambiente di questo genere, in grado di ospitare caratteri e abitudini differenti provenienti da tutto il mondo.

Potrebbero interessarti anche:

    None Found

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.



Altri articoli di giardinaggio che potrebbero incuriosirti:

Il potere evocativo dell’olfatto in architettura
Architettura come testimonianza L’architettura di tutte le epoche è una testimonianza culturale, è storia che vive accanto a noi e svetta con le sue ...
CasaClima Nature: la prima casa in Alto Adige
Una CasaClima vuol dire principalmente risparmio energetico ma non solo. Si ha un risparmio sia economico sia un basso impatto ambientale. Non meno tr...
Edifici multipiano in Legno Lamellare "PRES-LAM"
Ultimamente, anche in Italia, sta facendo leva un nuovo sistema costruttivo ecologico e antisismico, alternativo al ormai comune cemento armato. Qu...
Una piscina pubblica nella roccia: la Piscina Itakeskus a Helsinki
La piscina Itakeskus a Helsinki ha una peculiarità straordinaria: è ricavata all'interno di una collina. Cerchiamo di capire alcuni aspetti di questo ...
Terminal del Porto Internazionale di Yokohama, Giappone.
Il progetto del terminal per navi da crociera è molto significativo per la capacità di costruire un sistema spaziale innovativo e inserirsi coerenteme...
Monumento alle vittime dell’Olocausto di Eisenman a Berlino
Il progetto per il memoriale di Berlino per le vittime della persecuzione nazista è un progetto molto interessante per la sua capacità di intendere qu...
Un edificio ad impatto zero in Africa: la nuova sede dell'Unep
Oggi vi voglio parlare di un grande progetto concluso e inauguratosi nel marzo 2011. E' il più grande edificio ad impatto zero in Africa e cost...
Un museo per Jean Cocteu
Novembre 2011 è stato un mese importante per la città di Mentone in quanto ha visto l'inaugurazione del nuovo e grande museo dedicato all'artista poli...