Preliminare di compravendita: Ecco alcune semplici accortezze

Archiviato in:: Architettura,Edilizia e Costruzioni |
Preliminare di Compravendita

Come predisporre il contratto preliminare di compravendita

Se si acquista il proprio immobile direttamente dall’impresa costruttrice o da un privato è possibile redigere il cosiddetto preliminare di compravendita, ovvero una sorta di “promessa di vendita” con cui venditore e l’acquirente si impegnano a tener fede alle condizioni di acquisto dell’immobile pattuite tra le parti.

Cosa deve contenere il preliminare di compravenditaOcchio ai contenuti del preliminare

Il documento preliminare di compravendita, firmato su ogni pagina dall’acquirente e da un legale rappresentante dell’impresa costruttrice o dal venditore, deve citare tutte le informazioni necessarie per descrivere nel dettaglio l’immobile oggetto di futuro acquisto.

Oltre all’indicazione della data di stipula il preliminare di compravendita deve citare il prezzo dell’immobile e le modalità di pagamento pattuite tra le parti con l’indicazione dell’importo versato a titolo di acconto o caparra confirmatoria espresso sia in cifre, sia in lettere e riportare la futura data di stipula dell’atto di compravendita o rogito.

Dichiarare l’assenza di ipoteche e/o altri vincoli che possano inficiare la prassi regolare e corretta di acquisto, nonché tradire la buona fede della parte contraente è nell’interesse non solo del cliente, ma anche del costruttore che, unitamente a tali informazioni, è importante dichiari la conformità dell’edificio alla normativa urbanistico – edilizia e segnali eventuali condoni che possano aver sanato degli abusi edilizi.

Infine è buona prassi analizzare il contratto preliminare di compravendita alla luce delle informazioni ottenute in sede di colloquio con il costruttore e con l’eventuale agenzia di intermediazione immobiliare, si consiglia pertanto di richiedere che all’interno del documento preliminare di compravendita compaia il capitolato di esecuzione dei lavori e la planimetria completa del fabbricato con indicazione delle relative pertinenze (giardino, box, cantina, mansarda, ecc.) onde evitare spiacevoli equivoci che possano dare adito ad una lettura tutt’altro che univoca dell’immobile.

L’obbligo di delega per la registrazione e vincoli di tempo

Secondo le recenti disposizioni vigenti in materia di registrazione dei preliminari di compravendita, la parte acquirente deve sottoscrivere una apposita delega corredata da copia fotostatica del documento di identità in corso di validità affinché il soggetto che deposita l’atto presso l’Agenzia delle Entrate possa ottenere il deposito agli atti di una copia del documento e possa vidimare le due copie restanti destinate al cliente e al soggetto venditore.

Sempre meglio avere una copia

Si consiglia di ottenere una copia del compromesso di vendita sottoscritto da entrambe le parti in ogni sua pagina, meglio se il documento viene sottoscritto tra le parti in minimo tre copie in sede di stipula: una copia per l’ufficio dell’Agenzia delle Entrate, una per l’impresa costruttrice, una per l’acquirente.

La copia del contratto di compravendita vidimato in originale o in copia consente alla parte acquirente di verificare i tempi di registrazione del contratto, esso dovrà essere depositato presso gli uffici dell’Agenzia delle Entrate l’atto entro venti giorni successivi alla stipula dello stesso, pena il pagamento di una sovrattassa proporzionale ai giorni di ritardo di consegna della documentazione.

Potrebbero interessarti anche:

    None Found

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.



Altri articoli di giardinaggio che potrebbero incuriosirti:

CasaClima Nature: la prima casa in Alto Adige
Una CasaClima vuol dire principalmente risparmio energetico ma non solo. Si ha un risparmio sia economico sia un basso impatto ambientale. Non meno tr...
Illuminazione alimentata dai rifiuti: Gaon Street Light
Dallo studio del designer Haneum Lee, è nato l'innovativo lampione per esterni Gaon Street Light. Questa fonte di illuminazione per esterni, è ...
L'acqua e l'architettura: il recupero ed i sistemi di depurazione
L'acqua è uno degli elementi fondamentali nel mantenimento degli equilibri degli esseri viventi e della natura sul nostro pianeta. Le risorse idrichè ...
Gli impianti domestici: impianto elettrico, a gas e di riscaldamento
I sistemi impiantistici sono fondamentali per il funzionamento di un edificio. Cerchiamo di capire quali siano le caratteristiche principali di ciascu...
Il nuovo Campus Apple progettato da Norman Foster
Una nuova grande opera architettonica sorgerà grazie a Steve Jobs magnate e mente di Apple. L'ultima grande idea di un genio della tecnologia: si t...
Barometro di Holland Park a Londra: un originale esempio di riuso creativo in architettura
Il barometro pubblico di Holland Park a Londra è un esempio molto particolare di recupero edilizio: cerchiamo di capire le caratteristiche e il suo fu...
Un edificio per uffici a Calveen, Olanda
Questo progetto tratta la realizzazione di un edificio per uffici che si colloca lungo la Rondweg Noord, una strada a scorrimento veloce che, lungo la...
Un edificio ad impatto zero in Africa: la nuova sede dell'Unep
Oggi vi voglio parlare di un grande progetto concluso e inauguratosi nel marzo 2011. E' il più grande edificio ad impatto zero in Africa e cost...