Regione Piemonte: parte il MUDE (Modello Unico Digitale per l’Edilizia)

Regione Piemonte: parte il MUDE (modello unico digitale per l’edilizia)

Finalmente una boccata d’aria fresca per la Regione Piemonte. In Piemonte infatti è stato pianificato e realizzato un progetto di semplificazione amministrativa e informatizzazione dei processi edilizi e urbanistici: il cosiddetto MUDE,  ovvero un modello unico digitale per l’edilizia.

La speranza è quella di semplificare e rendere più efficiente la comunicazione fra Regione, enti locali e cittadini per tutto quello che riguarda l’attività edilizia.

Modello Unico Digitale per l’Edilizia Regione Piemonte

MUDE Regione Piemonte

Ecco i comuni ed enti che aderiranno per ora al progetto in via sperimentale

Informatizzare le pratiche edilizie rendendo più agevole la comunicazione tra gli enti locali ed i cittadini è l’obiettivo di questo progetto proposto dalla Regione finora appoggiato da Provincia di Torino, Comuni di Torino, Buttigliera Alta, Collegno, Druento, Rivalta, Rivoli, San Mauro e Settimo Torinese, Ordini degli architetti e degli ingegneri della provincia di Torino, Collegio dei geometri di Torino e provincia e naturalmente aperto a tutti gli enti o organismi che intendano aderire.

Estensione del MUDE al settore urbanistico

In via sperimentale e volontaria i comuni, si adoperano per la presentazione in via telematica da parte dei cittadini di denunce di inizio attività, permessi di costruire e ogni altro atto inerente alle attività edilizie.

In più gli aderenti si impegnano a prendere parte anche al gruppo di lavoro interistituzionale che, tenendo conto delle esperienze operative, contribuisce alla progressiva standardizzazione della documentazione che intercorre anche fra Comuni e Regione per quanto riguarda le pratiche urbanistiche.

L’accordo è aperto, senza limiti temporali, a tutti gli enti o organismi che intendano contribuire alla realizzazione del progetto.

Flusso di lavoro certificato per i professionisti

Progettisti

Progettisti

Questa procedura sveltirà anche i lavori dei professionisti. A tal proposito spiega l’assessore regionale all’Urbanistica ed Edilizia, Ugo Cavallera: “Questo progetto risponde alla necessità di semplificazione amministrativa e di digitalizzazione delle pratiche della pubblica amministrazione, per rendere più trasparente e più snella la comunicazione fra pubblica amministrazione, tecnici e cittadini”.

“Questo progetto di unificazione della modulistica – continua Ugo Cavallera – consente innanzitutto una velocizzazione dell’inoltro dei documenti per via telematica ed un conseguente risparmio dei costi inerenti la loro riproduzione, archiviazione e reperimento. L’iter di una pratica e il relativo flusso informativo fra enti locali, cittadini e Regione sarà quindi meglio tracciabile e darà luogo a banche dati digitali certificate che saranno accessibili ai soggetti interessati, quali per esempio i tecnici e i professionisti”.

Cooperazione tra i sistemi informatici esistenti e il MUDE

L’utilizzo di questa nuova metodologia di trasmissione di dati, atti e richieste non sarà invasiva per gli attuali sistemi informativi di gestione utilizzati da i singoli Comuni, ma è stata studiata per integrarsi perfettamente con essi, senza soprattutto aver la necessità di fare nuovi investimenti per rendere cooperanti i due sistemi.

E’ questo il fine dell’intesa sottoscritta oggi tra Regione ed enti locali e che vedrà l’unificazione della modulistica e la progressiva informatizzazione dello scambio di informazioni e dell’invio di documenti.

Potrebbero interessarti anche:

    None Found

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.



Altri articoli di giardinaggio che potrebbero incuriosirti:

Il ciclo di vita di un prodotto edilizio.
Il ciclo di vita di un prodotto consente di valutare gli impatti dovuti alla produzione, alla gestione e alla dismissione di un elemento. Cerchiamo di...
Costruire una villetta ecosostenibile: alcune dritte progettuali
190 metri quadri per costruire una villetta eco sostenibile su un unico livello: Asse della casa collocato a nord-est / sud-ovest, un piano interrato ...
Detrazioni Irpef e risparmio energetico: benefici non solo per l’ambiente.
Scadono i termini ultimi per presentare le schede integrative relative agli interventi di riqualificazione energetica per beneficiare del 55% di detra...
MASDAR CITY: la città a ciclo di vita rinnovabile
Il progetto Masdar city nasce nel 2006, dalla realizzazione della società Masdar di Abu Dhabi. Questa società promuove lo sviluppo di energie rinno...
La casa prefabbricata: nuove soluzioni confortevoli e belle
Quanti di noi hanno trascorso, e trascorrono tuttora, giorni e giorni a sovrapporre mattoncini lego, per raggiungere forme architettoniche o meccanich...
CONTAINER: unità modulari da abitare
La costante ricerca nel campo dell'architettura, di fissare,creare canoni e modelli architettonici, attraverso elementi modulari, universali e rep...
Il sistema costruttivo a secco: bioedilizia nelle costruzioni
Che cos'è il sistema costruttivo a secco? Da un po' di tempo a questa parte, anche in Italia, si contrappone alle tradizionali tecniche costruttive, ...
Walt Disney Concert Hall, Los Angeles.
Un progetto di Frank Gehry fa sempre discutere nel bene e nel male: il suo estremismo plastico lo ha portato a consolidare la sua posizione di archite...