Regione Piemonte: parte il MUDE (Modello Unico Digitale per l’Edilizia)

Regione Piemonte: parte il MUDE (modello unico digitale per l’edilizia)

Finalmente una boccata d’aria fresca per la Regione Piemonte. In Piemonte infatti è stato pianificato e realizzato un progetto di semplificazione amministrativa e informatizzazione dei processi edilizi e urbanistici: il cosiddetto MUDE,  ovvero un modello unico digitale per l’edilizia.

La speranza è quella di semplificare e rendere più efficiente la comunicazione fra Regione, enti locali e cittadini per tutto quello che riguarda l’attività edilizia.

Modello Unico Digitale per l’Edilizia Regione Piemonte

MUDE Regione Piemonte

Ecco i comuni ed enti che aderiranno per ora al progetto in via sperimentale

Informatizzare le pratiche edilizie rendendo più agevole la comunicazione tra gli enti locali ed i cittadini è l’obiettivo di questo progetto proposto dalla Regione finora appoggiato da Provincia di Torino, Comuni di Torino, Buttigliera Alta, Collegno, Druento, Rivalta, Rivoli, San Mauro e Settimo Torinese, Ordini degli architetti e degli ingegneri della provincia di Torino, Collegio dei geometri di Torino e provincia e naturalmente aperto a tutti gli enti o organismi che intendano aderire.

Estensione del MUDE al settore urbanistico

In via sperimentale e volontaria i comuni, si adoperano per la presentazione in via telematica da parte dei cittadini di denunce di inizio attività, permessi di costruire e ogni altro atto inerente alle attività edilizie.

In più gli aderenti si impegnano a prendere parte anche al gruppo di lavoro interistituzionale che, tenendo conto delle esperienze operative, contribuisce alla progressiva standardizzazione della documentazione che intercorre anche fra Comuni e Regione per quanto riguarda le pratiche urbanistiche.

L’accordo è aperto, senza limiti temporali, a tutti gli enti o organismi che intendano contribuire alla realizzazione del progetto.

Flusso di lavoro certificato per i professionisti

Progettisti

Progettisti

Questa procedura sveltirà anche i lavori dei professionisti. A tal proposito spiega l’assessore regionale all’Urbanistica ed Edilizia, Ugo Cavallera: “Questo progetto risponde alla necessità di semplificazione amministrativa e di digitalizzazione delle pratiche della pubblica amministrazione, per rendere più trasparente e più snella la comunicazione fra pubblica amministrazione, tecnici e cittadini”.

“Questo progetto di unificazione della modulistica – continua Ugo Cavallera – consente innanzitutto una velocizzazione dell’inoltro dei documenti per via telematica ed un conseguente risparmio dei costi inerenti la loro riproduzione, archiviazione e reperimento. L’iter di una pratica e il relativo flusso informativo fra enti locali, cittadini e Regione sarà quindi meglio tracciabile e darà luogo a banche dati digitali certificate che saranno accessibili ai soggetti interessati, quali per esempio i tecnici e i professionisti”.

Cooperazione tra i sistemi informatici esistenti e il MUDE

L’utilizzo di questa nuova metodologia di trasmissione di dati, atti e richieste non sarà invasiva per gli attuali sistemi informativi di gestione utilizzati da i singoli Comuni, ma è stata studiata per integrarsi perfettamente con essi, senza soprattutto aver la necessità di fare nuovi investimenti per rendere cooperanti i due sistemi.

E’ questo il fine dell’intesa sottoscritta oggi tra Regione ed enti locali e che vedrà l’unificazione della modulistica e la progressiva informatizzazione dello scambio di informazioni e dell’invio di documenti.

Potrebbero interessarti anche:

    None Found

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.



Altri articoli di giardinaggio che potrebbero incuriosirti:

L’ASFALTO SI NUTRE DI SMOG materiali fotocatalitici contro l’inquinamento
Combattere l’inquinamento è da molto tempo prerogativa di tutti, impegno gratificante ma oneroso delle amministrazioni, carta vincente ma diffic...
RESTRUCTURA 2010: salone interamente dedicato all’edilizia
Come ogni anno, si svolgerà a Torino Restructura, evento che coinvolge a 360° il settore dell’edilizia. Le date dell'evento previste per quest'...
Bonus 55% ed efficienza energetica: verso il rinnovo?
Continua il dibattito per quanto riguarda gli incentivi per l’efficienza energetica anche nei prossimi anni. Nell'ambito della Giunta FINCO del 25 Ott...
Detrazioni 55%. La telenovela continua: approvato nuovo emendamento proroga
a telenovela continua e ci sembra sempre più evidente che il Governo non si è ancora pienamente chiarito le idee sulla sorte delle detrazioni del 55%....
Il sistema costruttivo a secco: bioedilizia nelle costruzioni
Che cos'è il sistema costruttivo a secco? Da un po' di tempo a questa parte, anche in Italia, si contrappone alle tradizionali tecniche costruttive, ...
Aldo Leopold Legacy Center: un sistema integrato
Il Leopold Legacy Center è stato dedicato alla memoria di uno personaggio fondamentale per lo sviluppo dell'etica ambientale: cerchiamo di capire in c...
Vetro traslucido e struttura metallica per l’Ambasciata Finlandese a Washington D.C.
L'ambasciata finlandese a Washington è un esempio di uso virtuoso di elementi metallici e di concezione di una architettura in simbiosi con l'ambiente...
Herzog & de Meuron: la fondazione Laurenz a Basilea.
L'edificio di Herzong & de Meuron è un episodio importante dell'architettura degli spazi museali: cerchiamo di capire perchè.