Regione Piemonte: parte il MUDE (Modello Unico Digitale per l’Edilizia)

Regione Piemonte: parte il MUDE (modello unico digitale per l’edilizia)

Finalmente una boccata d’aria fresca per la Regione Piemonte. In Piemonte infatti è stato pianificato e realizzato un progetto di semplificazione amministrativa e informatizzazione dei processi edilizi e urbanistici: il cosiddetto MUDE,  ovvero un modello unico digitale per l’edilizia.

La speranza è quella di semplificare e rendere più efficiente la comunicazione fra Regione, enti locali e cittadini per tutto quello che riguarda l’attività edilizia.

Modello Unico Digitale per l’Edilizia Regione Piemonte

MUDE Regione Piemonte

Ecco i comuni ed enti che aderiranno per ora al progetto in via sperimentale

Informatizzare le pratiche edilizie rendendo più agevole la comunicazione tra gli enti locali ed i cittadini è l’obiettivo di questo progetto proposto dalla Regione finora appoggiato da Provincia di Torino, Comuni di Torino, Buttigliera Alta, Collegno, Druento, Rivalta, Rivoli, San Mauro e Settimo Torinese, Ordini degli architetti e degli ingegneri della provincia di Torino, Collegio dei geometri di Torino e provincia e naturalmente aperto a tutti gli enti o organismi che intendano aderire.

Estensione del MUDE al settore urbanistico

In via sperimentale e volontaria i comuni, si adoperano per la presentazione in via telematica da parte dei cittadini di denunce di inizio attività, permessi di costruire e ogni altro atto inerente alle attività edilizie.

In più gli aderenti si impegnano a prendere parte anche al gruppo di lavoro interistituzionale che, tenendo conto delle esperienze operative, contribuisce alla progressiva standardizzazione della documentazione che intercorre anche fra Comuni e Regione per quanto riguarda le pratiche urbanistiche.

L’accordo è aperto, senza limiti temporali, a tutti gli enti o organismi che intendano contribuire alla realizzazione del progetto.

Flusso di lavoro certificato per i professionisti

Progettisti

Progettisti

Questa procedura sveltirà anche i lavori dei professionisti. A tal proposito spiega l’assessore regionale all’Urbanistica ed Edilizia, Ugo Cavallera: “Questo progetto risponde alla necessità di semplificazione amministrativa e di digitalizzazione delle pratiche della pubblica amministrazione, per rendere più trasparente e più snella la comunicazione fra pubblica amministrazione, tecnici e cittadini”.

“Questo progetto di unificazione della modulistica – continua Ugo Cavallera – consente innanzitutto una velocizzazione dell’inoltro dei documenti per via telematica ed un conseguente risparmio dei costi inerenti la loro riproduzione, archiviazione e reperimento. L’iter di una pratica e il relativo flusso informativo fra enti locali, cittadini e Regione sarà quindi meglio tracciabile e darà luogo a banche dati digitali certificate che saranno accessibili ai soggetti interessati, quali per esempio i tecnici e i professionisti”.

Cooperazione tra i sistemi informatici esistenti e il MUDE

L’utilizzo di questa nuova metodologia di trasmissione di dati, atti e richieste non sarà invasiva per gli attuali sistemi informativi di gestione utilizzati da i singoli Comuni, ma è stata studiata per integrarsi perfettamente con essi, senza soprattutto aver la necessità di fare nuovi investimenti per rendere cooperanti i due sistemi.

E’ questo il fine dell’intesa sottoscritta oggi tra Regione ed enti locali e che vedrà l’unificazione della modulistica e la progressiva informatizzazione dello scambio di informazioni e dell’invio di documenti.

Potrebbero interessarti anche:

    None Found

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.



Altri articoli di giardinaggio che potrebbero incuriosirti:

Biopellet all'arancia e fotovoltaico all'uva: dal CNR alcune novità
Quando l’Italia sta per essere investita da una forte ondata di caldo (era ora), e una attesissima e ritardataria estate sta facendo capolino, ci ...
La qualità degli interventi di recupero edilizio in ambito rurale.
La tutela del paesaggio e gli interventi su fabbricati antichi rappresentano un nodo cruciale nel mantenimento e la valorizzazione del nostro patrimon...
Finestre ad energia solare
Il sole è una delle risorse gratuite più grandi di cui il nostro pianeta può usufruire. I consumi dell’uomo hanno portato lentamente ad un degrado ...
La sostenibilità in architettura
Il concetto di sostenibilità è di straordinaria importanza in relazione alla preoccupazione per il futuro delle prossime generazioni. Questo concetto ...
I serramenti e l'isolamento termico
Per migliorare le prestazioni termiche di un edificio è possibile intervenire sui serramenti. Vediamo alcune soluzioni possibili.
Green economy e sostenibilità ambientale
Lo sviluppo sostenibile è un obiettivo che l'uomo deve perseguire in tutti i campi, dall'industria, alle costruzioni fino alle azioni quotidiane. Cerc...
La bioedilizia e le vernici naturali
Per molti anni l'edilizia comune si è rivolta ad aziende petrolchimiche per poter realizzare prodotti in grado di verniciare e trattare differenti sup...
La bellezza del patrimonio italiano. Una proposta di Legge di Legambiente.
Legambiente ha da poco presentato una proposta di legge che mette in primo piano la bellezza come elemento principale del patrimonio italiano. Il pre...