Riscaldamento a idrogeno a zero emissioni è già una realtà

Nel 2006, in occasione delle Olimpiadi invernali  a Torino, l’azienda Giacomini ha esposto, all’interno di Casa Italia, un interessante progetto di caldaia a idrogeno, oggi il combustore catalitico ad idrogeno è stato migliorato e chiamato H2ydrogem® ed è stato presentato a Klimahouse 2012  a Bolzano.

Fondata nel 1951 come piccola realtà artigiana nel settore della rubinetteria, Giacomini s.p.a. è diventata oggi una grande azienda che esporta l’80% circa della sua produzione in più di 100 Paesi in tutto il mondo.

Il progetto H2ydroGEM® rappresenta l’impegno dell’azienda nei confronti della sostenibilità e del rispetto dell’ambiente, è nato per studiare soluzioni tecniche che permettano di produrre energia termica in maniera completamente indipendente dall’impiego di combustibili fossili, lo scopo è quello di realizzare un ciclo per il riscaldamento degli edifici che sia veramente a zero emissioni.

Il primo sistema di riscaldamento domestico a idrogeno a zero emissioni

riscaldamento idrogeno

Riscaldamento idrogeno Giacomini: H2ydroGEM®

H2ydroGEM® utilizza solo idrogeno ottenuto da fonti rinnovabili e aria prelevata in atmosfera per produrre il calore che serve al riscaldamento civile, inoltre sfrutta per il suo funzionamento una reazione catalitica, quindi senza fiamma.

Idrogeno e ossigeno si combinano nel catalizzatore in una molecola di acqua, liberando contemporaneamente calore che viene asportato da uno scambiatore di calore integrato nel combustore.
Il sistema è l’ideale per alimentare impianti di riscaldamento a bassa temperatura come i pannelli radianti a pavimento, a soffitto o a parete in quanto si ottiene una temperatura dell’acqua che va dai  35 ai 40°C.
casa sostenibile

La casa sostenibile e confortevole di Giacomini

Possiamo parlare di sistema a  zero emissioni in quanto l’unico prodotto della reazione è vapore acqueo,  l’assenza di carbonio nei reagenti produce infatti una reazione senza emissioni di CO2 e la bassa temperatura di combustione, 300-350°C,  fa si che non vi sia produzione di pericolosi ossidi di azoto, NOx.

Potrebbero interessarti anche:

    None Found

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.



Altri articoli di giardinaggio che potrebbero incuriosirti:

Come avere una casa ecologica: 9 punti da seguire
Quali esigenze deve soddisfare una casa ecologica. La realtà di oggi è volta verso l'ecologia, la sostenibilità e il riciclo. La sostenibilità a...
Il recupero migliorativo dei sottotetti: soluzioni praticabili
Per sottotetto si indica un ambiente, spesso non abitabile, compreso tra l’ultimo solaio e la copertura. Si tratta di un’intercapedine isolante che ai...
Il controllo termico attraverso le pareti opache.
Gli strumenti di controllo termico possono essere attuati mediante una corretta progettazione delle partizioni esterne ed interne. Ecco alcune specifi...
Energie rinnovabili: eolica, geotermica, solare e ...
Le energie rinnovabili sono un tema molto attuale ma spesso non si conoscono le tecnologie e neppure le enormi potenzialità di queste fonti di approvv...
L'ECO-CAMPER Ecco, una casa mobile ad emissioni zero
Per gli amanti del viaggio, liberi nel mondo, senza problemi, aldilà del pensiero fisso di poter vedere ciò che il nostro pianeta ha da offrire, ecco ...
Soltag Energy Housing: il Tetto Solare
Il SOLTAG è un progetto molto interessante in cui i dettami dell'efficienza energetica si associano a nuove modalità di configurazione abitativa. Cerc...
Rendimento energetico in edilizia: Italia deferita alla Corte di giustizia Europea
La decisione è del 26 aprile 2012: la Commissione Europea ha deciso di deferire l’Italia. Il procedimento di infrazione in questione riguarda la Diret...
Riforma del condominio: come cambiano le assemblee.
Dopo 70 anni d’attesa la Legge n.220/2012, meglio nota come riforma del condominio, entrerà in vigore a partire dal 18 giugno 2013. Sono molte le mod...